Cassatine monoporzione

Clicca per altri nostri

Consigli Natalizi

Abbiamo già parlato della classica Cassata Siciliana, tutta bella con tutto quello che ci vuole, anche con il Cassatine monoporzionesuo bell’addobbo di canditi, è ora la volta di far cose più facili e veloci, se non altro per le dimensioni le Cassatine monoporzione. Per queste non ci dilunghiamo, passiamo subito al sodo, senza dimenticarci di dire che le cassatine, spesso, sono un pasticcino che si fa con scarti e rimasugli di Pan di Spagna, Pasta di Mandorle, Crema di Ricotta e Canditi, si tratta sempre di dolci assemblati con tanti componenti variabili, residui di dolci più grandi ed impegnativi. Consigliamo una lettura anche della sorella più grande la Cassata.

Tempi per le Cassatine monoporzione non ne posso indicare, dipende se fate tutto da voi o acquistate tanto di pronto, anche gli ingredienti sono aleatori per lo stesso motivo: 
  • Del Pan si Spagna ne abbiamo dato una ottima ricetta, basta cliccare
  • la Bagna è fatta con:
  • la buccia di mezzo limone e di mezza arancia
  • un mezzo bicchierino di un liquore aromatico, ad esempio Alchermes
  • un cucchiaio di Zucchero
  • la Pasta di Mandorle è fatta con:
  • un quarto di Mandorle spellate
  • un quarto di Zucchero semolato
  • quattro Mandorle amare
  • due o tre cucchiaini di Miele di Zagare
  • tracce di coloranti
  • una spolverata di Zucchero a velo
  • la Crema di Ricotta è fatta con:
  • un chilo di Ricotta di Pecora
  • due etti di Zucchero semolato
  • mezza bacca di Vaniglia
  • un etto di gocce di Cioccolato Fondente o un pezzo dello stesso triturato al coltello
  • Frutta Candita varia, secondo la vostra fantasia
  • lo Zucchero Fondente è fatto con:
  • 200 grammi di Zucchero a Velo
  • due o tre cucchiai di acqua
  • la Ghiaccia Reale è fatta con:
  • mezzo bianco d’uovo
  • 150 grammi di Zucchero a Velo
Sinteticamente i passaggi della preparazione delle Cassatine monoporzione sono:Cassatine Monoporzione
  1. Preparare la Bagna 
  2. preparare la Crema di Ricotta
  3. preparare la Pasta di Mandorle,
  4. ricaviamo dalla Pasta di mandorle, dei tronchi di cono per rivestire gli stampi
  5. tagliamo strisce sottile di Pan di Spagna, lo sistemiamo sul fondo dello stampo e inumidiamo con la Bagna
  6. finiamo di riempire quasi tutto con La Crema di Ricotta, livellando
  7. finiamo con leggera sovrabbondanza facendo un fondo con fettine di Pan di Spagna, le bagniamo
  8. mettiamo in frigo sotto un peso moderato
  9. sformiamo, eventualmente, spalmiamo tutta la cassata con Zucchero Fondente, mettiamo qualche Frutta Candita
  10. finiamo, eventualmente, spalmando i bordi con Ghiaccia Reale

Approfondiamo la preparazione delle Cassatine monoporzione, entrando nei particolari

Non voglio ripetermi, per questo vi rimando a particolari, accorgimenti e “segreti” riportati nella fattura delle sorelle maggiori di queste Cassatine monoporzione: la Pecorella Pasquale , la Cassata e il Cannolo cos’altro potrei aggiungere?

Solo dei particolari specifici, come il metodo usato per tagliare e formare la Pasta di Mandorle, niente di più facile ed intuitivo, basterebbe guardare le foto. Armati di mattarello, coppapasta, ragionando come se avessimo tra le mani un qualsiasi impasto o, meglio, della plastilina, otteniamo prima una sfoglia, facendoci aiutare da una spolverata di zucchero a velo, quindi un disco, che trasformeremo in tronco di cono, tagliando opportunamente dei triangoli con un buon coltello a punta. Nel mettere la pasta nelle formine, noi abbiamo usato quelle di silicone ma va bene anche altro, facciamo si che ci sia una certa sovrapposizione dei bordi dei tagli, schiacciandoli aderiranno e, come vedete, i tagli spariscono. tutto sta nell’avere una pasta della giusta consistenza ed un ambiente non troppo secco e alla giusta temperatura. Per il riempimento scatenate la fantasia, come vedete a noi era avanzata della pasta di mandorle colorata, ne abbiamo fatto un secondo disco che poi si vedrà in trasparenza, potrete metterci tutti i rimasugli sparsi in giro. In cucina, particolarmente in pasticceria, dove ogni ingrediente è particolarmente ad alto costo si ricicla sempre tutto. Le finiture con zucchero fondente e ghiaccia potrebbero essere superflue, se ce n’è però è meglio, serviranno anche a coprire qualche imperfezione. Non l’abbiamo fatto e le foto denunciano tutte le imperfezioni ma nel nostro caso si trattava proprio di un recupero al di fuori delle feste ormai.

Clicca per altri nostri

Consigli Natalizi

A chi interessasse approfondire la ricetta dal punto di vista esecutivo, storico, colore e non solo, può farlo cliccando qui
Siamo in Facebook, cliccando qui la pagina, il gruppo molto seguito è
C’hama mangià josc . . . mamm ce croc stu mangià
Siamo anche su Twitter e in Google+
Precedente Sanacchiudere di Taranto Vecchia Successivo Arrosto di Vitellone in Crosta