Crea sito

Panettone all’arancia a breve lievitazione

E’ da un po’ di tempo che avevo voglia di provare a fare in casa l’impasto soffice e ricco del dolce più diffuso sulle tavole delle Feste, ed è finalmente nato il Panettone all’arancia a breve lievitazione.
E’ un dolce fatto in casa che ha il sapore e il profumo del Panettone tradizionale ma certamente non riporta l’alveolatura di quello che richiede 3 giorni di lavorazione e che viene preparato con il lievito madre. Il risultato è comunque ottimo e rimarrete sicuramente soddisfatti!
Attorno al panettone si sono costruite storie e leggende e la più bella, che sa di favola, è quella del fornaio Toni che innamorato della sua Lucia, realizzò per sbaglio questo famoso dolce detto
PAN DEL TONI.
Il panettone, simbolo di Natale della pasticceria milanese, è ormai una tradizione pasticcera conosciuta e copiata in tutto il mondo.
E come da tradizione quando il Natale è alle porte, nelle cucine di ogni famiglia inizia la preparazione dei dolci tradizionali tipici di ogni regione.
Molte sono le preparazioni dolci tipiche della mia città, come il dolce savoia, il
Torrone di sesamo o giggiulena, il torrone di mandorle, i Buccellati siciliani e i nucatoli.
E se anche a voi, come me, piace mettere le mani in pasta, proverete pure questo impasto un po’ impegnativo, soprattutto per i tempi di lievitazione che richiedono pazienza!
Non dubitate, la vostra pazienza sarà ricompensata! Taglierete con enorme soddisfazione un soffice Panettone all’arancia a breve lievitazione fatto con le vostre mani!
Ecco come si prepara!

  • DifficoltàMedia
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione1 Ora
  • Tempo di riposo8 Ore
  • Tempo di cottura1 Ora
  • Porzioni10
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti per il primo impasto del Panettone all’arancia a breve lievitazione

  • 30 mlAcqua
  • 40 gFarina Manitoba
  • 10 gLievito di birra fresco
  • 1 cucchiaioMiele di arancio

Ingredienti per il secondo impasto

  • 60 mlSucco d’arancia
  • 120 gZucchero
  • 2Tuorli
  • 60 gBurro
  • 175 gFarina Manitoba
  • 175 gFarina 00
  • 1 baccaVaniglia
  • 1Scorza d’arancia (grattugiata)
  • 60 mlAcqua

Ingredienti per il terzo impasto

  • 1Tuorlo
  • 20 gZucchero
  • 60 gBurro (ammobidito)
  • 50 gFarina Manitoba
  • 150 gUva passa
  • 100 gScorza d’arancia (candita)

Strumenti

  • Impastatrice (meglio planetaria)
  • 2 aghi da maglia
  • 1 stampo da panettone da un chilogrammo basso e largo
  • 1 Spianatoia

Preparazione dell’impasto del panettone all’arancia a breve lievitazione

Preparazione primo impasto

  1. Riscaldiamo i 30 ml di acqua a 37 gradi circa, versiamola nella ciotola della impastatrice e aggiungiamo il lievito di birra facendolo sciogliere.

  2. Appena il lievito si è sciolto nell’acqua aggiungiamo il cucchiaio di miele e lasciamo girare qualche secondo.

  3. Uniamo i 40 grammi di farina manitoba, facciamo amalgamare l’impasto e lasciamo lievitare coperto per 30 minuti o comunque fino al raddoppio.

Preparazione secondo impasto

  1. Nel frattempo prepariamo tutti gli ingredienti da unire al primo impasto.

  2. Al raddoppio del primo impasto aggiungiamo nella ciotola dell’impastatrice l’acqua, il succo di arancia, lo zucchero e amalgamiamo l’impasto.

  3. Incidiamo mezza bacca di vaniglia per recuperare i semi al suo interno che raschieremo con la punta del coltello e verseremo all’interno della ciotola dell’impastatrice insieme alla scorza grattugiata della arancia.

  4. Aggiungiamo i due tuorli di uovo, il burro che avrete fatto sciogliere, e lavoriamo l’impasto a bassa velocità.

  5. Adesso incorporiamo le due farine aggiungendole, poco alla volta fino a quando si sono amalgamate all’impasto e lasciamo lavorare a bassa velocità per almeno 10 minuti.

  6. Trasferiamo l’impasto in una ciotola, copriamolo con la pellicola o un canovaccio e lasciamolo raddoppiare anche all’interno del forno spento con la luce accesa.

Preparazione terzo impasto e cottura

  1. Nel frattempo che l’impasto lievita, (ci vorranno circa due ore), tiriamo fuori dal frigo il burro, tagliamolo a piccoli pezzetti e lasciamolo ammorbidire.

  2. Mettiamo l’ uva passa in ammollo in acqua fredda.

  3. Quando l’impasto è raddoppiato, versiamolo sulla spianatoia, allarghiamo la pasta e versiamoci il tuorlo d’ uovo, i 20 grammi di zucchero e iniziamo a lavorare l’impasto.

  4. Man mano che lavoriamo l’impasto aggiungiamo i pezzetti di burro ammorbidito.

  5. Continuiamo a lavorare l’impasto fino a quando finiremo di incorporare il burro.

  6. Quando l’impasto risulta omogeneo allarghiamolo e incorporiamo l’uva passa ben strizzata e la scorza di arancia candita.

  7. Lavoriamo l’impasto con le mani unte con un po’ di burro, tirandolo bene per formare una palla. Questa operazione viene chiamata “pirlatura” dell’impasto, come si vede in questo video.

  8. Adagiamo l’impasto in uno stampo di carta per panettone da 1 chilogrammo del tipo largo e basso, poniamo lo stampo su una teglia bassa da pizza.

  9. Mettiamo lo stampo sempre dentro il forno spento con la luce accesa e aspettiamo che l’impasto raddoppi.

  10. A lievitazione avvenuta, estraiamo dal forno lo stampo e riscaldiamo il forno a 190 gradi statico.

  11. In attesa che il forno arrivi a temperatura, con un coltello ben affilato pratichiamo una incisione a croce al centro dell’impasto e rigiriamo le punte centrali del taglio su se stesse.

  12. Mettiamo una piccola noce di burro al centro della croce poco prima di infornare.

    Inforniamo il panettone per 10 minuti a 190 gradi e poi a 170 gradi per i successivi 45/50 minuti.

  13. Mentre il panettone cuoce prepariamo una pentola larga ed alta in grado di contenere lo stampo infilzato con due aghi da maglia che ci serviranno per sospendere il panettone all’interno della pentola.

  14. Trascorso il tempo sforniamo il panettone e infilziamo lo stampo con i due aghi da maglia. Sistemiamolo capovolto all’interno della pentola e copriamo con un canovaccio fino al completo raffreddamento.

  15. Il vostro Panettone all’arancia a breve lievitazione è pronto per essere gustato! Buon appetito!

Note

Se volete potete sostituire i 10 grammi di lievito di birra fresco con 3 grammi di lievito di birra secco o se siete amanti della lievitazione con pasta madre potete usarne 120 grammi già rinfrescata.

Se preferite preparare il primo ed il secondo impasto il pomeriggio o la sera prima, potete dimezzare la dose di lievito, farlo lievitare tutta la notte ed eseguire la cottura il giorno dopo.

Non perdermi di vista! Seguimi sulla mia pagina facebook QUI.

A presto!

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.