Crea sito

Taralli sugna e pepe con mandorle

I taralli sugna e pepe con mandorle sono una ricetta tipicamente napoletana “taralli ‘nzogna e pepe”, venduti soprattutto in estate accompagnati da birra fredda in tutti i chioschi dislocati sullo splendido lungomare di Mergellina. Anticamente venivano fatti dai panifici con gli avanzi dell’impasto del pane a cui si aggiungeva sugna, pepe e mandorle, oggi invece sono uno sfizioso snack da gustare come aperitivo con gli amici. L’unione tra il sapore piccante e forte del pepe nero e la dolcezza delle mandorle dona ai taralli sugna e pepe un sapore davvero delizioso. 😉 La ricetta prevede lievito di birra ma io li ho provati anche con il lievito madre, i tempi sono più lunghi, ovviamente, ma sono fantastici. Troverete alla fine anche il procedimento per realizzare i taralli sugna e pepe con il lievito naturale.

Ricetta taralli sugna e pepe con mandorle, facili da preparare, come quelli del panificio e sicuramente più economici. 

taralli sugna e pepe alle mandorle ricetta tradizionale campana taralli

Taralli sugna e pepe con mandorle

Ingredienti per circa 15 taralli (1 kg)

  • 500 g di farina 00
  • 200 g di strutto
  • 25 g di lievito di birra
  • 200 g di mandorle intere con la buccia
  • 2 cucchiaini di pepe nero
  • 2 cucchiaini di sale
  • 100 g di granella di mandorle (facoltativo)

taralli sugna e pepe alle mandorle ricetta campana

Ricetta taralli sugna e pepe con mandorle

Preparazione

Per preparare i taralli sugna e pepe con mandorle, sciogliete il lievito in un dito di acqua tiepida ed aggiungetelo a 100 g. di farina, impastatelo e formate un panetto, incidetelo sulla superficie formando una croce e mettetelo in una ciotola a lievitare coperto da pellicola. Quando il suo volume sarà raddoppiato ponetelo su di una spianatoia e aggiungete il sale, il pepe, lo strutto senza scioglierlo (meglio quello naturale acquistato in macelleria, non quello confezionato), la restante farina, la granella di mandorle e metà circa delle mandorle intere (volendo potete metterle anche soltanto per decorazione ma a me piacciono anche all’interno dei taralli). Lavoratelo ancora per altri 10 minuti circa. Aggiungete un po’ acqua tiepida, se necessaria, per ottenere un panetto morbido. Formate poi tanti cordoncini lunghi circa 15 cm e formate i taralli come nelle foto passo passo. Decorateli con le mandorle intere e fateli lievitare sino a quando non avranno raddoppiato il volume, ci vorrà circa un’ora. Infornateli a 180° in forno statico sino a quando avranno raggiunto la giusta doratura, sfornateli e lasciateli intiepidire.

taralli sugna e pepe alle mandorle ricetta passo passo

I taralli sugna e pepe con mandorle sono buonissimi da gustare anche caldi, come tradizione vuole. Conservateli in un sacchetto per alimenti ben chiuso una volta freddi. Rimarranno buoni per diversi giorni, conservando la loro fragranza.

Potete scaldarli leggermente prima di servire i taralli sugna e pepe, accompagnati da un bel boccale di birra fredda.

taralli sugna e pepe alle mandorle ricetta tipica campana

Per la ricetta dei taralli sugna e pepe con lievito madre, sciogliete 200-220g di lievito madre rinfrescato (la quantità dipende da quanto è attivo il vostro lievito) in circa 300ml di acqua e procedete come da ricetta facendo lievitare per il doppio del tempo. Sarà eventualmente necessaria altra farina sulla spianatoia.

taralli sugna e pepe alle mandorle ricetta tradizionale

Ricetta taralli sugna e pepe con mandorle, assolutamente da preparare in casa!

Se ti piacciono le mie ricette e vuoi seguire il mio blog vieni a trovarmi sulla miafan page di Facebook! 🙂 Basta cliccare “mi piace” e ogni giorno puoi essere aggiornato sulle ultime ricette pubblicate e per chiedermi qualunque chiarimento!

Ti aspetto! Conosci già i miei account GooglePlus e Twitter? Un modo semplice per tenerti sempre aggiornato sulle nuove ricette.

3 Risposte a “Taralli sugna e pepe con mandorle”

  1. Ciao, complimenti, bel blog, con ottime ricette veg!

    Ti segnalo solo che il tarallo alla sugna è finito erroneamente fra le ricette veg! Ciao!

  2. Guarda lo strutto deriva dal maiale e quindi non può stare tra le ricette vegetariane!
    Forse non ci avevi pensato 😛
    Comunque complimenti per il blog 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.