fbpx

CROSTATA A STRATI ALLA MARMELLATA

Strepitosa: crostata a strati alla marmellata, un dolce dalla bontà incredibile. Si tratta di strati di pasta frolla alternati a confettura o marmellata del gusto che più preferite: una golosità immensa e sicuramente un modo diverso dal solito di preparare la classica crostata di marmellata. Perfetta per la colazione da inzuppare nel latte, così come per merenda proprio come facevano le nonne, o ancora da servire come dessert alla fine di un pranzo o una cena o ancora in un buffet di dolci.

La ricetta è semplicissima: si prepara la classica pasta frolla con farina, uova, burro e zucchero e si scelgono i gusti della confettura o marmellata come ciliegie, albicocche, pesche, fichi. L’alternativa alla marmellata è preparare una crostata a strati alla nutella ancora più golosa e ideale anche da preparare per compleanni e feste con bambini.

Se si vuole provare una pasta frolla diversa da quella tradizionale, si possono realizzare la pasta frolla al cacao oppure la pasta frolla all’olio senza burro o ancora la pasta frolla senza glutine in caso di allergie!

Ora non vi resta che leggere la ricetta e guardare la video ricetta, fatemi sapere se vi è piaciuta. Alla prossima, Ivana.

Seguimi su YouTube per tutte le videoricette
Seguimi su TikTok per le videoricette veloci
Seguimi su Pinterest per trovare facilmente le ricette

Prova anche altre ricette di crostata:

  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione45 Minuti
  • Tempo di cottura50 Minuti
  • PorzioniStampo da 20 cm
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana
  • StagionalitàTutte le stagioni

Ingredienti

Con queste dosi otterrete una crostata del diametro di 20 cm.

Ricetta Crostata a Strati alla Marmellata

500 g farina 00
200 g burro
200 g zucchero
2 uova
q.b. confettura (albicocche, ciliegie..)
1 cucchiaino estratto di vaniglia

Preparazione

Facile e veloce con le foto passo passo e la video ricetta.

COME FARE LA CROSTATA A STRATI

Preparate la pasta frolla: potete procedere a mano oppure in planetaria.

In una ciotola lavorate la farina con il burro freddo a pezzetti, formando un composto sbricioloso.

Aggiungete lo zucchero poi le uova intere e l’estratto di vaniglia o altro aroma come scorza di limone o arancia.

Lavorate gli ingredienti fino a formare un panetto morbido ed omogeneo. Avvolgetelo nella pellicola e riponetelo in frigorifero per mezz’ora.

crostata a strati alla marmellata 4

Riprendete il panetto di pasta frolla e dividetelo in 4 parti uguali. Lavorate ogni pezzetto formando una pallina.

Stendete ogni pallina con il matterello formando un disco di spessore circa mezzo centimetro.

crostata a strati alla marmellata 4

Adagiate il primo strato di pasta frolla nello stampo da 20 cm, ritagliando il bordo e facendolo alto almeno 3 cm.

Spalmate la confettura del gusto scelto, poi procedete così alternando un altro disco di pasta frolla e ancora confettura.

In totale, dovrete avere 4 strati di pasta frolla e 3 di confettura.

crostata a strati alla marmellata 4

Impastate nuovamente i ritagli della pasta frolla, stendete un disco e con una rotella ricavate delle losanghe: potete formare delle trecce o le decorazioni che più preferite, come biscottini usando degli stampini molto piccoli.

Adagiate le losanghe sull’ultimo strato di confettura dopo aver spennellato la frolla con un po’ di acqua e procedete alla cottura della crostata a strati in forno.

crostata a strati alla marmellata 4

COME CUOCERE LA CROSTATA A STRATI

Preriscaldate il forno in modalità statica a 180° e cuocete la crostata a strati per circa 55 minuti fino a che non sarà ben cotta.

Potete fare la prova stecchino per capire se la frolla interna è ancora morbida o cotta.

CONSIGLI

La crostata a strati si conserva per più giorni a temperatura ambiente. Conviene coprirla con un foglio di alluminio.

Se si preferisce, si possono alternare strati di frolla a creme spalmabili.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.