Crea sito

Cecina toscana

La cecina toscana, più diffusa a Pisa rispetto alle altre province, è una sorta di focaccia sottile preparata principalmente con farina di ceci e l’aggiunta di acqua, sale e olio. E’ davvero buona e quando vado da quelle parti non manca mai di fermarmi sul corso e prenderne qualche fettina.. viene servita con del pepe! Fare in casa la cecina toscana è davvero semplice e dopo aver provato diversi dosaggi dei vari ingredienti ho trovato una ricetta che, al momento, sembra quella che mi soddisfi di più e il mio ragazzo sembra davvero apprezzare. 🙂

Ricetta cecina toscana fatta in casa, con farina di ceci gustosa e davvero simile a quella pisana.

 

cecina toscana ricetta farinata con farina di ceci al forno

Cecina toscana

Ingredienti per 2 stampi da 22 cm

  • 180 g di farina di ceci
  • 600 ml di acqua
  • 1 cucchiaio raso di sale
  • 80 ml di olio di oliva
  • pepe nero per servire

cecina toscana ricetta farinata con farina di ceci al forno

Ricetta cecina toscana

Preparazione

Per preparare la cecina toscana vi servirà semplicemente una ciotola e una frusta a mano. Mettete la farina di ceci nella ciotola, aggiungete il sale e poco alla volta l’acqua, fermandovi in modo da mescolare bene con la frusta evitando i grumi. Unite metà dell’olio di oliva e tutta la restante acqua. Avrete un impasto davvero liquido. Lascia riposare per almeno mezz’ora coperto da pellicola. La restante parte di olio dovrete aggiungerla sul fondo dei 2 stampi (meglio se antiaderenti altrimenti provate usando la carta forno ma sempre usando l’olio), non importa se non sarà uniformemente distribuito sulla superficie. Aggiungete, quindi, l’impasto nelle 2 teglie. Preriscaldate il forno a 200-220° e cuocete la cecina toscana per 15-20 minuti, alternandole sui ripiani del forno se le infornate in una sola volta entrambe.

La cecina toscana è pronta quando la superficie risulta dorata e presenterà una crosticina che sembra sollevarsi (come fosse una pellicina). Spolverizzatela con del pepe nero e servitela ben calda. Potete servirla sia come antipasto a pezzetti, che come secondo sfizioso.

cecina toscana ricetta farinata di ceci al forno con farina di ceci

Se ti piacciono le mie ricette e vuoi seguire il mio blog vieni a trovarmi sulla mia fan page di Facebook! 🙂 Basta cliccare “mi piace” e ogni giorno puoi essere aggiornato sulle ultime ricette pubblicate e per chiedermi qualunque chiarimento!

Ti aspetto! Conosci già i miei account GooglePlus e Twitter? Un modo semplice per tenerti sempre aggiornato sulle nuove ricette.

28 Risposte a “Cecina toscana”

  1. siete sicuri che la fanno prevalentemente in provincia di pisa? bha non credo, venga in versilia e troverà tante pizzerie che la fanno…

      1. Tutte le città sulla costa nord della Toscana e Liguria, da Livorno a Genova. A Livorno è il “piatto nazionale” ma la chiamano torta e la consumano principalmente come “5 e 5” come farcitura del panino francesino, da provare assolutamente quello di Gagarin in via del cardinale, anche a Lucca è diffusissima, probabilmente Pisa sta al terzo posto…

    1. La “Cecina” è pisana, e su questo se ne discute poco, e perdonate il mio campanilismo, vi prego… come già specificato però, la fanno anche altrove. Ad esempio a Livorno la chiamano “5 e 5”.

  2. Per favore non mi fate arrabbiare.. la torta di ceci é un piatto livornese, lo mangiamo con il pane o la schiacciata.lo chiamiamo 5 e 5 perché la torta costava 5 lire e il pan francese anche esso 5 lire. Se andate su tripadvisor noterete che il primo ristorante su livorno é proprio la torteria di gagarin. Aperto da prima che i pisani scoprissero la torta di ceci..

    1. Capisco la rivalità fra pisani e livornesi ma ti devo contraddire. La cecina fu portata dai pisani che erano prigionieri a Genova dopo la battaglia della Meloria. E’ vero che a Livorno si chiama 5 e 5 ma come sai Livorno è stata fondata molti secoli dopo, se vai in liguria e dici che è un piatto livornese ti sparano.

  3. Bravo Daniele, come la chiami la chiami ma la bontà è unica!!!!!
    Io sono nata al confine tra Liguria e Toscana, ” calda calda ” o ” cecina ” che dir si voglia, l’ importante è mangiarla!!!!!!

      1. E’ sparita la mia risposta, comunque dicevo, in genere il riposo serve, anche di alcune ore ma se ti viene bene, ben venga pure senza!!!!!!

  4. il riposo serve per far sì che la farina ottenuta con i ceci secchi e macinati si reidrati migliorando il sapore dopo cotta.

  5. Il rapporto acqua farina è 1 a 3…si mette tutta l’acqua,l’olio,sale e poi la farina. Si mescola con un frustino energicamente e la si lascia riposare per circa 4 ore. Prima di infornare tirate via la schiuma che si crea e poi potete infornare. Quando è dorata potete tirarla via…bon appeti’

  6. Ho alcuni appunti, primo, non è più diffusa a Pisa ma è altrettanto diffusa in tutta la costa Toscana, compreso Livorno (dove viene chiamata torta), tutta la Versilia e anche Massa (dove viene chiamata “Calda Calda” perché così va mangiata). Secondo, il tempo di ammollo di 30 minuti è assolutamente insufficiente. Servono almeno 2 o 3 ore ma di più è meglio. Terzo, la frusta non serve, i grumi eventuali si sciolgono naturalmente con l’ammollo. Quarto, molti non aggiungono l’olio nell’impasto ma solo in teglia. Attenzione allo spessore, 3/4 mm al massimo.

  7. Nella ricetta della cecina toscana consiglio di correggere la quantità di sale, da cucchiaio a cucchiaino altrimenti viene di molto salata anche per me che mangio saporito.
    Ciao

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.