Graffe della Bisnonna

Il segreto delle Graffe della Bisnonna

La prima volta che ho assaggiato queste Graffe morbidissime è stato in campeggio, uno di quei campeggi dove le famiglie si insediano e ci vanno per anni, per la mia famiglia era il primo anno e, tutte le signore facevano le graffe seguendo questa ricetta,  solo in seguito ho scoperto che la ricetta era della Bisnonna di mio marito (che ovviamente ho conosciuto in campeggio). Le signore facevano un po’ le preziose, ma io ho avuto la ricetta dalla fonte.

Quest’estate le ho fatte per mia suocera, che mi ha detto “Uguali a quelle della nonna”. Sotto vi metto il foglietto ingiallito con la ricetta scritta da mio marito dietro dettatura della Bisnonna Restituta, questo era il suo nome.

gtaffe

Graffe della Bisnonna

Ingrediente per circa  20 Graffe (poi dipende dalle dimensioni che scegliete):

  • 500 g di patate pesate crude
  • 500 g di farina
  • 3 tuorli d’uovo (per utilizzare gli albumi avanzati, cliccate qui)
  • 1 bustina di lievito di birra disidratato
  • 1 cucchiaio colmo di zucchero
  • 1 pizzico di sale
  • 1 bustina di vanillina
  • Circa ½ bicchiere di latte tiepido

Per la cottura:

  • abbondante olio di arachidi

Per decorare:

  • Zucchero semolato

Preparazione:

Lavate le patate, mettetele in una pentola coperte di acqua fredda, portate a bollore e cuocete per circa 35/40 minuti dopo il bollore.

Schiacciate le patate senza sbucciarle, QUI indicazioni su come fare

Schiacciate ancora le patate per 2 o 3 volte, poi lasciatele raffreddare.

In una zuppiera capiente, mescolate la farina alle patate fredde, aggiungete i tuorli,poi unite tutti gli ingredienti tranne il latte.

Impastate bene con le mani ed aggiungete il lette poco alla volta, l’impasto deve somigliare ad una asta di pane, quindi regolatevi con la quantità di latte.

Impastate energicamente, quanto l’impasto sarà lavorabile, trasferitelo su un piano di lavoro infarinato.

Continuare a lavorarlo per circa 20 minuti, più lo lavorate più saranno morbide le graffe.

Preparate un vassoi infarinato.

Staccate dei piccoli pezzi di impasto, lavorateli formando dei salsicciotti e chiudeteli a ciambella , appoggiateli sul vassoi infarinato e la sciatele lievitare per circa un’ora in un posto caldo e asciutto, io le metto nel forno spento.Graffe2

Preparatevi un piatto fondo con dello zucchero dentro.

La cottura va fatta in olio alto e caldo, quindi, mettete circa un litro di olio un una pentola stretta e a bordi alti.

Non tenete la fiamma al massimo, per controllare che l’olio abbia raggiunto la temperatura giusta, immergeteci uno stecchino di legno, se si formano delle bollicine intorno è pronto.

Friggete le graffe 1 alla volta, rigirandole spesso per farle colorire uniformemente, non fate come ho fatto io la prima volta, ne ho messe 3 nella pentola…si sono bruciate, per questo è importante friggerne una alla volta.

Appoggiatele su un piatto con carta assorbente da cucina, il tempo necessario a far asciugare un po’ d’olio.

Passatele ancora calde nello zucchero, che avete preparato nel piatto.

Mangiatele subito!

Ricetta graffe

Precedente Pizza "RE" con peperoni, salsiccia e provola Successivo Gnocco fritto a modo mio

Lascia un commento