Zelten trentino per Quandi Modi di Fare e Rifare

Zelten Trentino è la ricetta natalizia che la Cuochina ha scelto per l’allegra brigata de Quanto Modi di Fare e Rifare. Lo Zelten trentino è un dolce tipico della regione Trentino-Alto Adige, un pane dolce a base di frutta secca e canditi. Farina, uova, burro, zucchero e lievito sono la base comune di un dolce che conosce naturalmente un gran numero di varianti; da zona a zona, da valle a valle, da famiglia a famiglia La storia dello Zelten trentino si lega al passato di queste terre dure e affascinanti. Il suo nome deriva dal tedesco “selten” e significa “a volte”. Un nome che sottolinea l’eccezionalità di un dolce povero ma che veniva preparato in occasioni speciali, in inverno, quando era più facile trovare la frutta secca e specificatamente per le feste natalizie. Già nel Settecento il dolce era conosciuto e citato nei manuali di cucina dell’epoca. Ora è entrato di diritto a far parte della tradizione della pasticceria del Trentino-Alto Adige, tra le “bellezze” da provare di queste terre. Come al solito ho seguito passa passo la ricetta della Cuochina con il lievito di birra.

  • Difficoltà:
    Alta
  • Preparazione:
    12 ore
  • Cottura:
    35/45 minuti
  • Porzioni:
    12 persone
  • Costo:
    Medio

Ingredienti

  • 1 g Lievito di birra secco
  • 310 g farina di forza
  • 170 g latte
  • 40 g di burro
  • 40 g di zucchero
  • 1 tuorlo d’uovo
  • 1 cucchiaio di scorza d’arancia
  • 1 pizzico di sale

frutta secca

  • 40 g gherigli di noce
  • 40 g di mandorle spezzate
  • 15 g di pinoli
  • 25 g di fichi secchi
  • 30 g di ananas candito
  • 30 g di uvetta sultanina
  • q.b. di rum o grappa

Preparazione

  1. Lievitino
    1g di lievito secco
    40g di latte
    30g di farina di forza
    (7:00) Mescolare gli ingredienti con una frusta a mano, mettere in un contenitore, coprire con un tovagliolo e far lievitare fino al raddoppio, in un ambiente caldo.
    Spezzettare la frutta secca, lasciando da parte alcuni gherigli di noci e alcune mandorle, e far macerare la frutta tagliata col rum.

  2. Primo impasto
    Tutto il lievitino (70g)
    150g di farina di forza
    90g di latte
    (10:00) Al lievitino aggiungere la farina ed il latte, impastare bene, formare una palla, metterla in un contenitore, coprire con un tovagliolo ed una copertina di pile e far lievitare fino al raddoppio, in un ambiente caldo.

  3. Secondo impasto
    Tutto il primo impasto
    100g di farina di forza
    40g di zucchero
    40g di burro
    40g di latte
    1 tuorlo
    pizzico di sale
    (12:30) Con una spatola di legno lavorare il burro con il tuorlo e lo zucchero, incorporarlo al primo impasto insieme ad un pizzico di sale, al latte e alla farina. Formare una palla, metterla in un contenitore, coprire con un tovagliolo ed una copertina di pile e far lievitare fino al raddoppio, in un ambiente caldo.

  4. Terzo impasto
    Tutto il secondo impasto
    30g di farina di forza
    La scorza d’arancia grattugiata
    La frutta secca
    (15:30) Mescolare la farina con la scorza d’arancia grattugiata insieme al secondo impasto, aggiungere la frutta secca fatta macerare e scolata dal liquore, impastare bene.
    (16:30) Dividere in due pezzi e, con le mani unte di olio, dare la forma desiderata, ricoprire con i gherigli di noci e le mandorle lasciati da parte, conficcati bene nella pasta, e spennellare con uovo sbattuto.
    Far lievitare ancora per un’ora circa e cuocere a 190°C per 35~40 minuti circa. Spegnere il forno e lasciare dentro ancora per 10 minuti.

  5. Questa ricetta partecipa alla raccolta della Cuochina de Quanti Modi di Fare e Rifare

    Appuntamento il 14 gennaio con i gnocchi alla roma

Note

Il dolce è buonissimo e nella mia famiglia è  andato a ruba.

La preparazione richiede tempo e l’ho fatto una domenica i tempi sono stati come quelli della Cuochina perché anch’io avevo solo 19 gradi in casa al mattino nel pomeriggio avevo più caldo ma i tempi sono stati sempre quelli indicati dalla Cuochina. Pertanto se avete fretta non fatelo.

Precedente Galantina semplice Successivo Lonza di maiale con mele e panna

3 commenti su “Zelten trentino per Quandi Modi di Fare e Rifare

  1. Buona domenica cara Luisa!

    E siamo all’ultima ricetta del 2017, come passa il tempo, è già dicembre! Ma oggi siamo felicissime perché è il giorno del dolce natalizio più rappresentativo del Trentino, lo Zelten.

    Cuochina, Anna e Ornella ti ringraziano per la tua splendida versione!!

    Il prossimo appuntamento con la nostra cucina aperta di Quanti modi di fare e rifare sarà con la prima ricetta del Menù 2018, il 14 gennaio prepareremo gli Gnocchi alla romana. Ti aspettiamo!

    Auguriamo a te e famiglia felici feste d’inverno

    Cuochina

Lascia un commento

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.