Crea sito

Polenta dolce con latte e uvetta nutriente e leggera

Questa ricetta della polenta dolce con latte e uvetta, è molto energetica ed è indicata sopratutto per i bambini e gli anziani inappetenti. Nei periodi di convalescenza è altamente consigliata per ritrovare presto le energie che occorrono.
Si cucina con lo stesso procedimento che si prepara la polenta salata solo che si sostituisce lo zucchero al posto del sale, Il latte anziché l’acqua. Un pizzico di sale come consigliato dalle nonne si mette. Serve per esaltare il sapore nelle ricette dolci.

Polenta dolce con latte e uvetta
  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di cottura15 Minuti
  • Porzioni2
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaInternazionale

Ingredienti

  • 150 gsemola
  • 1 cucchiaiozucchero (colmo)
  • 1 pizzicosale fino
  • 1/4 llatte
  • limone (la corteccia)
  • 50 guvetta

Strumenti

  • Tegame
  • Cucchiaio ( io li uso di legno)

Preparazione

  1. In un tegame portare il latte ad ebollizione.

    Zuccherare e versare il semolino a filo, rimestando continuamente con un cucchiaio di legno, per non fare attaccare alla pentola.

  2. Aggiungere un pizzico di sale, la corteccia del limone e l’uvetta tenuta precedentemente in acqua in ammollo per circa una quindicina di minuti. Continuare a rimestare ancora dieci minuti.

  3. Eliminare dunque la corteccia del limone usata per dare al semolino dolce estraendola con la forchetta e aiutandosi con un coltello ricavare il semolino attaccato per rimetterlo nella pentola per non sprecare nulla. 🙂

  4. Avvertirete ora un profumo e un sapore gradevole.

    Servire nei piatti il “Semolino dolce con uvetta.

    La polenta dolce con latte e uvetta, si può apprezzare sia servito e mangiato caldo, come pure può essere versato in uno stampo con del caramello, lasciato raffreddare e mangiato freddo come un dessert anche per la merenda.

Polenta dolce con latte e uvetta nutriente e leggera

La polenta dolce con latte e uvetta è una ricetta sbrigativa nutriente che nei periodi critici di mancanza di appetito può anche sostituire un pasto.

Se versate il semolino in uno stampo per budini e lo fate raffreddare per qualche ora nel frigorifero avrà una bella presentabilità e sarà più facile fare le porzioni.

Vieni inoltre a sbirciare sui miei social pinterest instagram twitter facebook

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da specialit

La cuoca che recupera nasce dalla riconoscenza che mia mamma esprimeva riguardo alla mia cucina, creativa e gustosa con quello che c’era in casa. Aprire il frigorifero e inventare ricette con gli ingredienti a disposizione è una soddisfazione, si risparmia, si svuota il frigo e si mangia anche bene :) ve lo la cuoca che recupera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.