Pasta alla Mugnaia

Pasta alla Mugnaia
 
Elice anno 1063.
Alle prime luci dell’alba, la macina di pietra situata al centro della stanza e mossa dalla forza dell’acqua del fiume Fino, era già in funzione. L’aria si era riscaldata e il tempo del raccolto era giunto, il lavoro aumentava ogni giorno.
 
Lo sapeva bene Elena figlia di Giosia, mugnaio da un’intera vita, da cui aveva imparato tutto quello che conosceva. Lavorava con lui da quando era piccola e amava impastare la farina con l’acqua per creare la pasta insieme alla madre, Verdiana.
 
“Madre, oggi per l’ora del pranzo ho intenzione di preparare una pasta molto sostanziosa, vorrei poterla condividere con tutti, cosa ne pensate?” Verdiana guardò la figlia con cipiglio severo, sapeva che la giovane aveva un’indole molto vivace, alle volte bisognava tenerla a freno, ma sapeva che alla fine l’avrebbe avuta vinta, così acconsentì se pur controvoglia.
 
La giovane si diede da fare e preparò una pasta mai vista prima, dopo aver preparato un panetto con acqua e farina appena macinata, lo divise in piccole parti e facendo un buco al centro, iniziò ad allungarlo arrivando a creare una corda sottile e molto lunga.

Cotta in acqua bollente, condita con olio, aglio e peperoncino, disposta su una tavola di legno per esser condivisa da tutti i lavoratori appena rientrati dai campi, fu nominata: Pasta alla Mugnaia.
 
La ragazza si accomodò nella lunga tavolata disposta per accogliere i lavoratori della sua famiglia, li conosceva tutti da molto tempo, tra di loro c’era un uomo con un cappuccio calato sulla testa che mangiava in silenzio e catturò la sua attenzione.
 
Era certa di non averlo mai visto, gli lanciò diverse occhiate prima di ricevere uno sguardo d’ammonimento da sua madre che la richiamava all’ordine facendola tornare al proprio posto. Non gli era sfuggito però, lo sguardo fugace dello sconosciuto, sembrava addirittura divertito da quella diatriba silente che si era svolta poc’anzi.
 
Chissà chi era quel tipo, e perché mai i suoi genitori erano tanto rigidi per dei soli sguardi? …
La storia continua qui e nel frattempo … gustiamoci questa storica e medievale Pasta alla Mugnaia!
 
Cosa aspettiamo? Accendiamo i fuochi, si parte!

Guarda anche: Pallotte cacio e uova

Seguitemi per rimanese sempre aggiornati si Facebook e Instagram!

Pasta alla Mugnaia
  • DifficoltàAlta
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione30 Minuti
  • Tempo di riposo15 Minuti
  • Tempo di cottura1 Ora 5 Minuti
  • PorzioniPer 4 persone
  • Metodo di cotturaFuoco lento
  • CucinaItaliana

Ingredienti

Per la pasta
  • 350 gfarina 00
  • 150 gacqua
  • 1uovo

Per il sugo

  • 1 lpassata di pomodoro (densa)
  • 200 gvitello (100 gr macinato e 100 gr a pezzetti)
  • 200 gmaiale (100gr macinato e 100gr a pezzetti)
  • 120 gmelanzana
  • 70 gpeperone rosso
  • 1 costasedano
  • 1carota
  • 1cipolla dorata
  • 1 bicchierevino rosso
  • 40 gpecorino (secco grattugiato)
  • q.b.sale
  • q.b.olio extravergine d’oliva

Procedimento

  1. Per iniziare la ricetta della Pasta alla Mugnaia, mettere in una pentola alta la carne macinata e in pezzi, l’olio d’oliva e il sale. Lasciar rosolare per una decina di minuti a fiamma alta.

    Sfumare con il vino rosso, quando l’alcol sarà evaporato aggiungere le carote, il sedano e la cipolla tritati e lasciar insaporire la carne per qualche minuto ancora.

  2. Aggiungere la passata di pomodoro,  la melanzana e il peperone tagliati a cubotti, coprire con un coperchio e lasciar cuocere a fiamma medio – bassa per 1 ora circa. Assaggiare a fine cottura e eventualmente aggiustare di sale.

  3. Mentre il sugo cuoce, preparare la pasta, in una ciotola disporre a fontana la farina, inserire l’uovo all’interno e versare l’acqua poco per volta amalgamando sino a ottenere un panetto liscio, non appiccicoso e omogeneo.

    Lasciar riposare per 15 minuti coperto da un canovaccio

  4. Pasta alla Mugnaia

    Tagliare una piccola porzione, formare una ciambella creando un buco al centro e con entrambe le mani, iniziare ad allargare facendolo ruotare su se stesso.

    A questo punto si potrà allungare sul piano da lavoro come se fossero degli gnocchi sino a renderli abbastanza sottili.

  5. Pasta alla Mugnaia

    Tagliare alla lunghezza desiderata e schiacciare con le mani come fossero tagliatelle

  6. Pasta alla Mugnaia

    Portare a bollore in una pentola, l’acqua salata e lasciar cuocere la pasta per 5/6 minuti, dovrà essere scolata al dente.

    In una terrina, preparare il fondo con il sugo, adagiare la pasta scolata e condire nuovamente con altro sugo, mescolare e infine spolverare di pecorino grattugiato.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.