Lemon Meringue Pie

Lemon Meringue Pie

Sulla riva occidentale del fiume Delaware, noto come Front Street, costeggiato da alti e rigogliosi verdi alberi, nasceva la città di Filadelfia.
Le vie della città brulicavano di carrozze trainate da splendidi cavalli e i marciapiedi erano calcati dalle aristocratiche signore vestite di tutto punto, con ampi abiti merlettati dalle maniche a sbuffo e l’immancabile ombrellino per proteggersi dal sole dei giorni più caldi.
 
A loro seguito, immancabilmente, la servitù dalle braccia ingombre di pacchi di oggetti più disparati che le loro Signore compravano per diletto, più che per reale necessità.
Non vi era giorno, però, che popolazione non facesse tappa alla più grande, golosa e profumata pasticceria di tutta Filadelfia.
 
Elizabeth Coane Goodfellow era la pasticcera e proprietaria del negozio di dolciumi divenuto tra i più importanti dello stato. Le sue opere erano a dir poco divine, ogni giorno sfornava biscotti, ciambelle, torte farcite e crostate per allietare i palati di tutti i suoi amati clienti.
 
Amava davvero il suo lavoro, cercava sempre di creare una novità che potesse mettere tutti d’accordo. Da qualche tempo lavorava a un progetto che era quasi al termine: Crostata fragrante con un ripieno di crema aspra ai limoni. Limoni di cui aveva apprezzato le caratteristiche in uno dei suoi innumerevoli viaggi nello stato del sud.
 
Il dolce era buono, ma aveva bisogno di una marcia in più: ”Eloise cara, ho avuto un’idea, ti prego inizia a montare gli albumi d’uovo, almeno sei, e metti al loro interno due manciate di zucchero e mi raccomando, che siano super montati” chiese alla sua assistente di laboratorio.
 
Se l’idea fosse stata giusta, presto avrebbe avuto la sua punta di diamante: la Lemon Meringue Pie. Aggiunse in tutta fretta altra legna nel caminetto, che utilizzava per tutte le cotture dei suoi dolci, e quando gli albumi furono montati a dovere, con il rovescio di un cucchiaio iniziò a decorare tutta la superficie della torta creando dei ciuffi disordinati.
 
Infornò la torta per un minuto affinché l’albume prendesse un colore brunito che emanava odore di caramello. Con quel risultato invitante, sorrise alla sua assistente e disse: ”Beh, scopriremo presto se le mie fatiche saranno state vane” “Sono certa che il Vostro lavoro sarà apprezzato in tutto lo stato e oltre, Mrs. Goodfellow” rispose l’altra.
 
La fama di quel dolce è ormai conosciuto in tutto il mondo, tanto che dal 1850 ad oggi viene festeggiato con il National Lemon Meringue Pie Day… aveva proprio ragione la cara Eloise, Mrs. Goodfellow aveva creato la sua punta di diamante!

Cosa aspettiamo? Accendiamo i fuochi, si parte!
In questa ricetta sono presenti link Amazon.

Lemon Meringue Pie
  • DifficoltàMedia
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione30 Minuti
  • Tempo di riposo4 Ore
  • Tempo di cottura40 Minuti
  • Porzioni10
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaAmericana
457,79 Kcal
calorie per porzione
Info Chiudi
  • Energia 457,79 (Kcal)
  • Carboidrati 58,64 (g) di cui Zuccheri 36,59 (g)
  • Proteine 5,69 (g)
  • Grassi 23,64 (g) di cui saturi 14,32 (g)di cui insaturi 9,20 (g)
  • Fibre 0,63 (g)
  • Sodio 54,72 (mg)

Valori indicativi per una porzione di 100 g elaborati in modo automatizzato a partire dalle informazioni nutrizionali disponibili sui database CREA* e FoodData Central**. Non è un consiglio alimentare e/o nutrizionale.

* CREA Centro di ricerca Alimenti e Nutrizione: https://www.crea.gov.it/alimenti-e-nutrizione https://www.alimentinutrizione.it ** U.S. Department of Agriculture, Agricultural Research Service. FoodData Central, 2019. https://fdc.nal.usda.gov

Ingredienti per la frolla

  • 250 gfarina 00
  • 150 gburro
  • 45 gtuorli
  • 100 gzucchero a velo
  • 1scorza di limone (grattugiata)
  • 1 pizzicosale

Per la crema Lemon Curd

  • 6tuorli
  • 160 mlsucco di limone
  • 30 mlacqua
  • 180 gzucchero
  • 80 gburro
  • 50 gamido di mais (maizena)

Per la Meringa all’italiana

  • 35 galbumi
  • 65 gzucchero
  • 15 gacqua
  • 1 cucchiaiosucco di limone

Procedimento

  1. Per iniziare la ricetta delle mini Lemon Meringue Pie: preparare la frolla versando la farina, il burro a tocchetti e il limone grattugiato in una ciotola e mescolare delicatamente con le mani “sabbiando” gli ingredienti.

  2. Aggiungere i tuorli amalgamandoli al composto e terminare con lo zucchero a velo. Impastare velocemente senza scaldare l’impasto.

  3. Stendere con un mattarello per uno spessore da 3mm, tagliare dei dischi con un coppa pasta da 10cm e posizionarle la frolla all’interno degli stampi precedentemente imburrati e infarinati. Lasciarli riposare in frigorifero per 2 ore

  4. Cuocere le frolle in forno statico preriscaldato a 170°C per 18 minuti coprendo la superficie di carta forno e un legume secco (fagioli, ceci ecc…)

  5. Preparare la crema lemon curd lasciando in infusione per 20 minuti il succo con la buccia grattugiata dei limoni e l’acqua. In una casseruola porre i tuorli, lo zucchero e l’amido di mais mescolando bene con una frusta prima di versare al suo interno il succo di limone filtrato dalla buccia grattugiata.

  6. Lemon Meringue Pie

    Mettere la crema sul fuoco, a fiamma moderata, mescolando continuamente affinché non si formino grumi sino a quando sarà ben soda. Spegnere la fiamma, aggiungere il burro e amalgamarlo alla crema. Lasciarla raffreddare coperta con la pellicola a contatto.

  7. Portare a 121°C 65gr di zucchero con 15gr di acqua e nel frattempo, iniziare a montare l’albume in planetaria.

    Quando lo sciroppo di zucchero sarà pronto, versarlo subito, a filo e lentamente, nella planetaria mentre l’albume monta alla massima velocità (fare molta attenzione in questo passaggio perché ci si può ustionare).

    Lasciare in azione la planetaria sino a quando la ciotola non sarà completamente fredda.

  8. Lemon Meringue Pie

    A questo punto si possono assemblare le mini Lemon Meringue Pie versando all’interno delle crostatine abbondante crema, livellare con una spatola e terminare decorando con la meringa all’italiana, inserita in una saccapoche con  bocchetta a stella, fiammeggiando leggermente con il cannello.

    Porre le crostatine in frigorifero per almeno 2 ore prima di servirle.

Consigli utili

Se non si possiede un termometro, lasciar bollire l’acqua con lo zucchero sino a quando si sarà formato uno sciroppo abbastanza denso.

E’ possibile ovviare al cannello ponendo le crostatine nella parte più alta del forno statico al massimo della temperatura per pochi minuti.

Guarda anche (clicca sui link in rosso)

Sfogliatine alle mele e Sise delle monache

Seguitemi sui social per restare sempre aggiornati

Facebook e Instagram

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.