Le treccine con il lievito madre

In questo blog ho già avuto modo di raccontare la storia del lievito madre, di come è nato, degli esperimenti fatti su di lui, anzi su di loro, visto che sono più versioni;  la redazione di Giallozafferano si è presa cura dei “lieviti” così come vengono affettuosamente chiamati in redazione ( se non aveste letto nulla qui ci sono le puntate precedenti: http://blog.giallozafferano.it/soniagz/?s=lievito+madre).
treccine-vertA dire il vero è un po’ che non vi parlo di loro, quasi un anno, nel frattempo di acqua sotto i ponti ne è passata tanta, di cose a Giallozafferano ne sono successe tantissime, una sede nuova, una trasmissione TV ma loro, i lieviti, sono sempre li, fedeli, vivi e attivi come non mai.
Da quando ho scritto l’ultima volta di loro ci sono state due vacanze, quelle della scorsa estate e quelle invernali; in estate ci siamo equamente divisi le responsabilità e a turno siamo andati (anche in agosto) in redazione per rinnovarli, mentre per Natale è stato il prode Luigi a portarseli a casa per curarli, manco fossero dei bambini:)
Quella che vi presento oggi è una ricetta  nata proprio con uno di quei lieviti gelosamente custodito nella dispensa di Giallozafferano, una treccia, anzi una treccina preparata con un impasto che vede il lievito madre protagonista.
Ci vuole un po’ di pazienza: è infatti una preparazione dalla lievitazione lunga ma, il risultato vi sorprenderà! Morbide e soffici brioche a treccia con una ricopertura di granella di zucchero, insomma l’ideale per una colazione con i fiocchi.

Ecco la ricetta delle treccine con il lievito madre: http://ricette.giallozafferano.it/Treccine-con-lievito-madre.html
Se invece ancora non lo conoscete e volete cimentarvi nella preparazione di un vostro lievito madre ecco come prepararlo: http://ricette.giallozafferano.it/Lievito-madre.html

I miei lievitati , ,
Sonia Peronaci

Informazioni su Sonia Peronaci

Innamorata della cucina in tutte le sue forme, ho fatto di questa passione un lavoro creando GialloZafferano, ho condotto una trasmissione su Fox-Life e ogni tanto mi diverto a pubblicare dei libri di cucina. Nella mia vita, 3 figlie, un compagno, 2 simpaticissimi e rumorosissimi pincher, oltre a una ventina di ragazzi in redazione a Giallozafferano.

Precedente Il plumcake delicato al limone Successivo La ricetta più polemica: la cacio e pepe

11 commenti su “Le treccine con il lievito madre

  1. Antonella Morgia il said:

    preparate stamattina e domani infornare oggi ho fatto una marea di impasti sono stanchissima la pizza per stasera la focaccia con l’impasto di ricotta mi sono impazzita

  2. Pina Pavone il said:

    Sono due volte che al supermercato prendo la confezione con scritta lievito madre secco la giro ,la rigiro e poi la rimetto nello scaffale…..da quando ti seguo sono tentata anche perché faccio sempre il pane in casa e tante altre ricette di lievitati Forse quando mi deciderò a provarlo non lo lascerò più

  3. Renata Leteo il said:

    Lascia perdere il lievito madre secco, Pina Pavone, non c’entra nulla con quello fresco!

  4. Antonella Morgia il said:

    fatte oggi e cotta una però è rimasta un po’ cruda dentro che ho sbagliato? le dosi come scritto sulla ricetta la lievitazione superato le 16 ore forse? boh

  5. Sonia Peronaci il said:

    Antonella ogni forno è diverso..la prossima volta prova a cuocerla qualche minuto in più 😉

  6. Paola Bezzi il said:

    humm… no, purtroppo. Avrei voluta farla ieri , ma mi sono dimenticata di rinfrescare il lievito madre 24 ore prima. cosi mi tocca aspettare un prossimo we!

  7. Antonella Morgia il said:

    scusa ma si è perso un pezzo di quello che ho scritto: un crudo cotto appena tolta dal forno, appena raffreddata a momenti mi gioco gli incisivi dura da morire, che ho sbagliato? il forno è ventilato quindi se dici 180 statico per me è 160 ma normalmente cuoce bene, riprovo a farle, ciao sonia

  8. Pina Pavone il said:

    la tua ricetta di lievito madre mi invoglia tantissimo…bravissima come sempre nelle spiegazioni Sinceramente ogni volta che parlavi di lievito madre sorvolavo, non provavo nemmeno a leggerlo pensavo “troppo complicato”Adesso mi sono decisa e con tutti i tuoi consigli sono pronta per questa grande avventura Ti farò sapere tra 15 giorni Grazie ancora Sonia!!!!

I commenti sono chiusi.