Glassa all’acqua o ghiaccia reale?

Questo è il problema direbbe qualcuno.
Nella mia cucina, quando preparo dolci e biscotti sia la glassa all’acqua che la ghiaccia reale sono spesso presenti, mi diverto moltissimo a rivestire i biscotti, sopratutto quelli delle feste, con questo delizioso manto dolce, oppure a decorare torte o cupcake con scritte e disegni.

glassa all'acqua (2 di 2)

Ma che differenza c’è tra una e l’altra?
In realtà bisogna capire di cosa abbiamo bisogno, spesso infatti queste due preparazioni vengono confuse tra loro; oltre ad essere preparate diversamente, è proprio il loro utilizzo a fare la differenza. Hanno un ingrediente in comune: lo zucchero a velo.

La glassa all’acqua è quella che viene usata per ricoprire i biscotti o colata su di una torta, quando ci serve un composto che ricopra la nostra preparazione con un velo uniforme e lucido.
Viene preparata con zucchero a velo e aggiunta di acqua bollente e può essere utilizzata con o senza coloranti; in questo caso a seconda della sua densità, risulterà bianca o piuttosto trasparente, oppure colorata, aggiungendo il colorante preferito.
La ghiaccia reale viene invece principalmente usata per effettuare scritte o disegni, viene preparata utilizzando l’albume montato a neve e lo zucchero a velo ed è di un bel color bianco neve opaco, ma anche in questo caso può venire eventualmente colorata in base alle esigenze.  Con la ghiaccia si ottengono scritte in rilievo: è più densa e tende a livellarsi meno facilmente della glassa all’acqua.
Entrambe le preparazioni, una volta preparate, vanno utilizzate subito oppure coperte con della pellicola trasparente a contatto perchè tendono a seccare velocemente.
Si possono anche usare insieme…Come? Se avete preparato dei biscotti, potete prima ricoprirli con la glassa all’acqua colorata, per poi scriverci sopra con la ghiaccia reale bianca o di un colore contrastante.

Bene, ora che avete capito la differenza ecco le ricette:

Consigli e segreti ,
Sonia Peronaci

Informazioni su Sonia Peronaci

Innamorata della cucina in tutte le sue forme, ho fatto di questa passione un lavoro creando GialloZafferano, ho condotto una trasmissione su Fox-Life e ogni tanto mi diverto a pubblicare dei libri di cucina. Nella mia vita, 3 figlie, un compagno, 2 simpaticissimi e rumorosissimi pincher, oltre a una ventina di ragazzi in redazione a Giallozafferano.

Precedente Monsieur le macaron Successivo La torta della nonna