Crea sito

Pasta frolla tradizionale


Pasta frolla tradizionale

Ecco la ricetta tradizionale della pasta frolla, una delle basi della pasticceria. E’ utilizzata soprattutto per creare crostate, tartellette alla frutta e biscotti. Esistono poi tante varianti, che vedono l’aggiunta di aromi o l’utilizzo di altre farine e dato che mi piace sperimentare, ve ne posterò un paio 😉 !

Qualche suggerimento utile prima di inziare:

FARINA: utilizzate farine biologiche quando possibile. Nella ricetta tradizionale si utilizza una farina di grano tenero di forza debole, ma si può ottenere un ottima frolla anche con altre farine

BURRO: la parte grassa contenuta deve essere intorno all’80%. La temperatura del burro deve essere di circa 10° (basta tirarla fuori dal frigorifero, che ha una temperatura di 5-6°, e attendere qualche minuto)

UOVA: si tratta della parte umida della ricetta. Si considerano sempre uova di medie dimensioni, dal peso di circa 50 g

ZUCCHERO: nella frolla tradizionale si utilizza lo zucchero semolato, se desiderate una frolla più fine  e friabile potete utilizzare lo zucchero a velo, per una frolla più grezza e croccante è ottimo lo zucchero di canna

 

PASTA FROLLA

INGREDIENTI:

300 g farina 00

150 g burro freddo

100 g zucchero

1 uovo

sale

PROCEDIMENTO:

  1. Setacciamo 300 g di farina e la disponiamo sul piano di lavoro (un piano di marmo è l’ottimale) con un pizzico di sale, la mescoliamo a 100 g di zucchero e creiamo la classica fontana
  2. Mettiamo il burro freddo tagliato a tocchetti al centro e iniziamo ad incorporarlo alla farina con la punta delle dita. Questo passaggio è molto importante in quanto non dobbiamo far surriscaldare il burro, per questo utilizziamo soltanto la punta delle dita
    Pasta frolla tradizionale
  3. Quando avremo ottenuto un composto “sbriciolato”, riformeremo la fontana e metteremo al centro un uovo intero, incorporandolo sempre con la punta delle dita al resto del composto
  4. Formiamo una palla compatta, la avvolgiamo con pellicola e la lasciamo riposare in frigo almeno mezzora, dopodiché potremo utilizzarla per la nostra ricetta. Possiamo creare una crostata alla marmellata sempre apprezzata da grandi e bambini, fare dei biscotti sbizzarrendoci con le formine, o creare delle tartellette con crema e frutta. (PS: una volta estratta dal frigorifero, prima di tirarla con il mattarello dobbiamo ammorbidirla un po con le mani!)

 

Pasta frolla tradizionale