Crea sito

Frittelle di castagne con uvetta e pinoli

Le frittelle di castagne con uvetta e pinoli sono dolci tipici dell’Emilia Romagna ma potete trovarle anche in altre regioni in diverse varianti. Nel dopoguerra, la farina di castagne si trovava facilmente ed era considerata economica, veniva quindi utilizzata nella preparazione di dolci semplici come le frittelle, le mistochine e il castagnaccio. Solo negli ultimi tempi i dolci di castagne sono stati arricchiti con liquore, uvetta, pinoli, cacao e aromi.

La ricetta che vi propongo oggi è quella di famiglia, semplice ma davvero ottima, la prepariamo da decenni ed è sempre molto apprezzata.

La farina di castagne è priva di glutine quindi è ideale per chi soffre di celiachia, utilizzate però zucchero semolato o zucchero a velo che non contenga glutine.

frittelle-di-castagne-vert-def


Ingredienti

250 g di farina di castagne
240 g di latte intero
100 g di zucchero a velo
5 g di lievito per dolci
30 g di pinoli
50 g di uvetta

per friggere
olio di arachidi q.b.

zucchero a velo

Procedimento

Mettete l’uvetta in ammollo con acqua tiepida per mezz’ora.

Versate la farina di castagne in una ciotola, unite lo zucchero a velo, il lievito e aggiungete il latte poco alla volta mescolando con una frusta (o una forchetta) in modo da non formare grumi. Dovete ottenere una pastella cremosa non troppo liquida.

Lasciate riposare il composto per 20 minuti poi aggiungete i pinoli e l’uvetta strizzata dall’acqua di ammollo. Mescolate amalgamando bene.

Mettete l’olio in una padella antiaderente (non ne occorre molto, generalmente ne utilizzo un bicchiere in una padella di 22 cm di diametro) e fatelo scaldare, versate un cucchiaio di impasto allargatelo leggermente e fatelo cuocere fino a doratura, girate la frittella e fate dorare anche dall’altro lato. Cuocete 4 o 5 frittelle alla volta poi scolatele dall’olio in eccesso e fatele riposare un paio di minuti su carta assorbente.

Spolverizzate le frittelle di castagne con zucchero a velo e servite. Si conservano perfettamente a temperatura ambiente per un paio di giorni.

Se avete dubbi o domande potete contattarmi anche sulla pagina facebook (cliccando qui), sarò felice di rispondervi.

frittelle di castagne

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.