Crea sito

Pasta frolla alla panna

La pasta frolla alla panna è nata per puro caso dovendo utilizzare velocemente mezza confezione di panna fresca. Il risultato finale si è dimostrato più che soddisfacente: buona e friabile al punto giusto. L’ho utilizzata per creare biscotti di ogni tipo ma la soddisfazione più grande l’ho ottenuta con le crostate, mai nessuna pasta frolla mi ha dato lo stesso risultato. Apprezzamenti ne ho ricevuti anche da chi assaggiava sia i biscotti che crostate dai ripieni più svariati: con marmellata, confettura o crema di cioccolato. Provate la pasta frolla alla panna e ve ne innamorerete.

Pasta frolla con la panna
  • Preparazione: 10 + riposo 60 Minuti
  • Cottura: Minuti
  • Difficoltà: Molto facile
  • Porzioni: 6 persone
  • Costo: Basso

Ingredienti

  • 500 g Farina 00
  • 100 g burro freddo (a dadini)
  • 100 ml Panna fresca liquida
  • 150 g zucchero semolato
  • 2 cucchiaini lievito per dolci
  • 2 uova medie

Preparazione

  1. Frolla alla panna

    (Se volete la versione al cacao basta aggiungere alla farina, 4 cucchiai di cacao amaro e setacciarli insieme, e procedere come da indicazioni)

    Potete impastare la pasta frolla alla panna nella maniera tradizionale: versate la farina sulla spianatoia setacciata con il lievito. Fate un buco al centro e aggiungete lo zucchero, il burro morbido, le uova e la panna.

  2. Iniziate ad impastare con una forchetta raccogliendo la farina circostante e poi a piene mani mescolando e amalgamando tutti gli ingredienti fino ad ottenere un panetto morbido ma elastico. Sigillatelo nella pellicola e lasciatelo riposare in frigo per almeno 1 ora.

  3. Impasto con il Bimby: versate nel boccale la farina setacciata al lievito e il burro freddo a dadini. Frullate i due ingredienti fino ad ottenere una sfarinata di farina e burro. A questo punto aggiungete lo zucchero, le uova e la panna a temperatura ambiente e impastate per 1 minuto e mezzo tasto posizionato su icona “boccale” a velocità spiga. Capovolgete il composto ottenuto sulla spianatoia e impastate fino ad ottenere un panetto morbido ma elastico. Sigillatelo nella pellicola e lasciatelo riposare in frigo per almeno 1 ora.

    Terminato il riposo la pasta frolla è pronta per l’utilizzo preferito.

Note

Se ti piacciono le mie ricette seguimi sulla mia pagina FACEBOOK
basta cliccare “mi piace” e ogni giorno puoi essere aggiornato sulle ultime ricette pubblicate e commentare con me le varie preparazioni.

Altre ricette simili: RICETTE DI BASE PER DOLCI

Seguimi su PINTEREST

4,9 / 5
Grazie per aver votato!

72 Risposte a “Pasta frolla alla panna”

  1. ciao Silvana! Sono un’appassionata di dolci e stavo cercando una frolla con la panna per fare lo strudel tipico altoatesino e con gran bella sorpresa ho trovato il tuo blog! Ne avevo già fatto uno d (del pasticcere Markus)ma non mi entusiasmava molto. Domani vorrei provare a rifare lo strudel con la tua frolla, che ne dici? Va bene se metto in sequenza nel mixer: burro +zucchero, poi panna, uova, vaniglia naturale liquida e per ultima farina+lievito? Grazie intanto

    1. Elisabetta fai così: nel mixer metti la farina mescolata al lievito (2 cucchiaini) con il burro freddo a dadini e frulla fino ad avere una sfarinata..poi aggiungi lo zucchero, le uova e la panna a temperatura ambiente. Mescola fino ad ottenere un composto liscio e senza grumi. Puoi usarla subito senza il riposo in frigo e se la usi per lo strudel aiutati con due fogli di carta da forno leggermente infarinati re stendila sottile quanto puoi.Fammi sapere del risultato buon lavoro..a presto

      1. Ciao Silvana! Molto gentile e Grazie per la risposta veloce! Anch’io uso il metodo sabbiato e metto gli ingredienti nel mixer seguendo il tuo ordine, ma leggevo che per la pasta dello strudel che contiene latte o panna (non nelle tue dosi) s’inizia impastando il burro morbido con lo zucchero e poi gli altri ingredienti…sinceramente non ho ben capito che differenza fra i due metodi. Forse quest’ultimo è più adatto ad una frolla morbida, mah? Cmq, ti dirò come mi verrà fuori.

  2. Ciao! Sono Elisabetta e ho appena scoperto il tuo blog!Complimenti! Stavo cercando ricette di frolla con panna perché domani vorrei fare lo strudel con pasta frolla tipico altoatesino….ne avevo già provato uno ma non mi entusiasmava e volevo proprio approfondire il discorso della panna nella frolla e vedo il tuo esperimento di successo…cosa ne pensi se applico la tua ricetta per lo strudel? non vedo l’ora di vedere tutte le altre tue ricette..sono un’appassionata di dolci , ma mi tengo altrimenti mi mangio tutte le torte io!

    1. Puoi impastare anche in una ciotola sfarinando a mano la farina con il burro sfregando gli ingredienti fino a che saranno ben amalgamati poi aggiungi gli altri ingredienti. Buon lavoro…

  3. Ciao, seguo da un po’ il tuo blog e ho provato diverse ricette, tra cui i Biscotti morbidi ripieni all’Alchermes, e mi trovo benissimo con la pasta frolla alla panna. Volevo provare ad usarla per una crostata, posso seguire una delle tue ricette, anche se usi una frolla diversa in quelle?

    1. Certo che si Francesca..tanto più che diverse crostate hanno proprio la pasta frolla alla panna come base. Buona giornata e grazie!

      1. Grazie mille, per la risposta! Si ho visto che molte avevano quella pasta, ma volevo provare la Crostata con crema alla Nutella, che nella ricetta ha la frolla di ricotta, quindi ho chiesto per quello;
        Di dolci non sono molto pratica, solo ultimamente mi sto dedicando alla pasticceria.
        Ancora complimenti, le tue ricette sono fantastiche e ben spiegate, come ti dicevo ho provato ieri a fare i Biscotti morbidi ripieni all’Alchermes, e oggi li ho fatti provare, sono stati un successone, graditissimi da tutti!

      2. Sono felicissima dei tuoi successi Francesca…vai avanti tutta senza timori sperimentare a volte ti aiuta davvero tanto pur partendo da una base standard. Buona giornata carissima e a presto!

      3. Ah, avevo dimenticato, mi servirebbe ancora un consiglio, ho visto che solitamente usi stampi più grandi del mio, quindi ho un dubbio, per uno stampo rotondo di diametro 24 e alta 6 a cerniera apribile, le dosi sono sempre queste o devo diminuirle? Se si in che proporzione?
        Sono all’inizio in pasticceria e non vorrei sbagliare a ridurre le dosi…

      4. Stampi per torte in generale o per le crostate? Per la prima opzione 24 di diametro le dosi sono perfette salvo che siano indicate sulla ricetta, ad esempio per un 250 g di farina e altri ingredienti puoi usare uno stampo di 22 cm viene più alta. Per le crostate invece ti regoli con lo spessore della frolla per averle più alte o più basse.

      5. Stampi in generale, uso quelli a cerniera, ho seguito i tuoi consigli, è venuta una crostata perfetta, grazie mille!

  4. la miglior pasta frolla che abbia mai provato!!!!sopratutto è l unica frolla che riesco ad arrotolarla nel matterello e stenderla direttamente sulla teglia senza che si rompa!!fantastica!!!!grazie Silvana!!!!!

    1. Concordo pienamente Annalisa e dire che fu, tempo fa, un esperimento. Ben riuscito alla fine ciao e grazie!

  5. Salve,
    Volevo sapere per panna fresca cosa intende panna per dolci da montare???
    Grazie e complimenti per il blog e le ricette

    1. La panna liquida fresca che è venduta nel banco frigo vicino al latte. Puo’ essere utilizzata per i dolci ( da montare) oppure per pietanze salate..grazie e a presto!

  6. Che spettacolo! Il tuo sito mi sta letteralmente stregando…Complimenti,sei bravissima!Presto metterò in pratica qualche ricetta seguendo i tuoi preziosi consigli!DAVVERO FANTASTICA…

  7. Colpita e affondata! Dopo aver provato la tua ricetta della “pasta frolla con la panna” la mia, quella che ho eritato da mamma e nonna, la posso anche mettere in fondo ad un cassetto e chiuderlo a chiave.
    STREPITOSA ! Certo, ero un po scettica per il lievito, ma devo ricredermi: ideale come base a tutte le crostate perché non assorbe le creme; per i biscotti delle merenda e, se ricoperti di un leggero strato di cioccolato, sono il perfetto accompagnamento per un caffé goloso.
    Silvana. Un nome. Una certezza.

    1. Elena..credici …sono rimasta senza parole..grazieee! E pensare che questa pasta frolla è nata per puro caso..dovevo utilizzarla in scadenza e da allora non l’ho mai più abbandonata. Nel blog ho tante altre frolle ma nessuna si avvicina nemmeno di striscio a questa! Grazie e a presto!

  8. Ho la veneranda età di 86anni ma mi piace cucinare.le tue ricette sono bellissime, per io nella pasta frolla (e così anche mia mamma) non ho mai messo il lievito. Comunque sei bravissima! Ciao

  9. ciao, volevo provare a fare la tua crostata arrotolata alla ricotta, ma se invece di arrotolarla, metto la frolla sotto e sopra il ripieno, facendo una crostata chiusa, va bene lo stesso? cambia il tempo di cottura? grazie

    1. Il tempo di cottura dipende sempre anche dal forno, percio’ i tempi che si dettano nelle ricette sono da ritenersi indicativi. Controlla la doratura in questo caso di una crostata, certo che puoi farcirla e chiuderla, la forma è come preferisci. Ciao Anna

  10. ciao,
    vorrei fare la tua crostata arrotolata ripiena di ricotta nocciole e cioccolato ma mi trovo in difficoltà con dosi del lievito x dolci.
    io uso di solito Paneangeli che di 16g la bustina e che mi sembra un po’ tantino x 500g di farina? mi potresti indicare il peso esatto e magari la marca. grazie

    1. Ciao Gianna grazie e benvenuta, io posso consigliarti di iscriverti alla mia Newsletter, riceverai nella tua posta le nuove ricette che pubblicherò. Per quelle presenti sul blog non posso mandartele io ma puoi stamparle con l’opzione presente. Un’abbraccio..

  11. A proposito di crostate e biscotti, da quando ho imparato questa ricetta da te, non la lascio più, dimenticando la mia, quella base, che facevo prima. Ma la tua frolla base qual è? Come te, amo mettere un pò di lievito perchè mi piacciono alte,ma non amo sntire troppo il burro! grazie e baci

  12. Ciao Silvana!! Stamattina, complice il freddo gelido (persino in Puglia) e la mia presenza, forzata, in casa, ho utilizzato questa pasta frolla, alla quale ho aggiunto il cacao amaro, per preparare degli ottimi biscotti ripieni di cioccolato fondente sciolto a bagnomaria ( unico ingrediente valido nella mia dispensa )! Dalle mie parti e nel sud Italia in genere, si chiamano ” bocconotti “, in quanto, in origine, erano talmente piccoli da mangiarli in un sol boccone!
    A parte l’ ottimo profumo in casa, il sapore è squisito.
    Prima di infornarli, li ho spennellati con del latte ( come per la crostata imparata da te). Ho fatto bene?
    Sicuramenete, questo periodo di riposo “casalingo ” mi permetterà, se non di crecere come docente, quantomeno di migliorare in cucina!!
    Grazie ancora

    1. Chissà che bontà Marta…slurp davvero. Si hai fatto bene spennellare con il latte i biscotti, resteranno più teneri e friabili….brava Marta!!!!

  13. Buon giorno Silvana e Buona domenica, volevo fare i biscotti bicolore con questa pasta frolla ma non ho la frusta a spirale, posso impastare a mano ???
    Grazie 🙂

    1. Certo Patrizia, io aggiungo l’utilizzo dei vari robot per semplificare il procedimento ma l’impasto a mano è sempre perfetto..buon lavoro carissima!

    1. Maria Rosaria con lo yogurt ho sempre avuto timore…..allora meglio tradizionale!! Grazie bella buona giornata!!

      1. Cara, anche a proposito di pasta frolla, ho da porti qualche domanda.
        Ti ho già detto quanto, crostata e biscotti con la tua alla panna, abbiano avuto un gran successo in casa e fuori.
        Per Natale, vorrei preparare ancora biscotti ripieni di nutella e marmellata. A tuo parere, qual è la pasta frolla, tra le tante, che farà mantenere i biscotti più a lungo morbidi e friabili? Vorrei prepararli qualche giorno prima di Natale.
        Ancora grazie

      2. Quella alla panna Marta è molto friabile e si conserva benissimo, ma anche la frolla al limoncello è ottima magari con marmellata di mandarini o di arance, puoi farne alcuni con nutella e alcuni con marmellata..con le frolle corrispondenti….sarà un successo Marta!

      3. Leggo che hai un pò timore di utilizzare lo yogurt nella frolla. Se ti “fidi” un pò di una delle tue tante fans (io), eccoti una ricetta, più volte da me collaudata in passato, perchè presa da un libro di cucina, la cui autrice conduceva (ora ci son le repliche) un bel programma culinario:
        300 g di farina con un pò di lievito, 1 uovo intero, 125 g di zucchero, 75 g di burro fuso e 75 g. di yogurt bianco, non zuccherato.
        Per il resto, non sarò certo io a spiegarti impasto etc. Ci mancherebbe! Se la provi dimmi cosa ne pensi. Grazie ancora.

      4. Ma che bello Marta non sai quanto mi piace interagire con voi che mi seguite, dopo Roberto eccoti qua….perfettissimo sai che la utilizzerò quanto prima..e sicuramente sarà perfetta. Grazie ancora carissima….buona serata!

  14. Silvana non sapevo si potesse mettere la panna nella pasta frolla…sicuramente la renderà più delicata, è da provare, magari faccio dei biscottini natalizi !!! ti farò sapere brava comunque, bacio

    1. Buongiorno Adele cara, si la panna…l’avevo nel frigo e avevo una paura nera di doverla buttare dopo averne usata un po’ per la carbonara…sai quant’è deperibile, allora mi son detta!! Proviamo a metterla nella frolla al posto del latte, sicuramente sarà più buona..azzeccato in pieno!! Un bacionissimo Adele e buon Week end..

  15. ciao silvana non conoscevo questa ricetta mi ha incuriosito e stamane ho preparato la crostata devo dire che è molto friabile e delicata davvero buona complimenti a presto

  16. pasta frolla con la panna???? Silvana mi stupisci sempre di più 😉 bravissima…
    panna fresca da montare vero? non posso sostituirla con quella da cucina?

    1. No Martina quella fresca liquida da montare, durante l’impasto aggiungila come fosse latte, io ho usato lo sbattitore con le fruste a spirale, un gran bell’impasto, e si velocizza pure…è subito pronta poi da tirare per fare crostate o biscotti…quello che vuoi! Ciaooo

    1. Ciaooo Silvietta…tutto bene??? Maya come sta?? me la ricordo eccome……si Silvia è buonissima…….provala anche per le crostate è una bomba!!! Buona serata a presto

  17. devo dire che questa è un ulteriore ricetta di pasta frolla…….certo che la panna rende il tutto molto diverso……la conoscevo quest’altra variante….ed è davvero valida….complimenti Silvana…..giusta proposta…..
    se non hai la panna però in casa, puoi optare per una tazzina di latte…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.