Crea sito

Panini con farina di castagne ricetta antica

Dovete assaggiare la bontà di questi panini con farina di castagne; al primo assaggio sembra di gustare le castagne arrostite… un sapore indimenticabile. Mio marito ricorda che da bambino la sua mamma era solita preparare il pane con questa farina ottenuta dalle castagne essiccate per sfamare la numerosa famiglia. Vivevano in un paesino ai piedi dell’Appennino Tosco Romagnolo, circondati da numerosi castagneti e le castagne, in autunno, davano un aiuto notevole all’alimentazione poiché il grano scarseggiava e per il pane utilizzavano, appunto, la farina di castagne. Mia suocera parlava sempre di quel meraviglioso pane profumato e saporito e per mio marito, assaggiando i panini con farina di castagne, è stato come fare un tuffo nella sua infanzia.
Vi consiglio di servire i panini con farina di castagne insieme agli antipasti in prossimità delle feste, sono perfetti con salumi, formaggi e tutto quello che di buono offrirete ai vostri commensali, per i quali saranno una gustosa sorpresa.
Beh, ora non resta che provarlo anche a voi. Seguite ingredienti e procedimento per preparare questi panini con farina di castagne e, ne sono certa, ne resterete positivamente colpiti pure voi!

Panini con farina di castagne Blog Profumi Sapori & Fantasia

Panini con farina di castagne ricetta antica

Con queste dosi ho realizzato 22 panini da 40 g ciascuno circa.

  • 400 g di farina 0
  • 250 g di farina di castagne
  • 2 cucchiai di burro morbido oppure usate della ricotta se volete i panini più leggeri
  • 1/2 cubetto di lievito di birra fresco oppure 1 bustina di lievito di birra secco
  • 1 cucchiaio di cacao amaro
  • 320 ml di acqua tiepida
  • 1 cucchiaio di miele di acacia o millefiori
  • 1 cucchiaino di sale fino

Procedimento con la macchina del pane

In una ciotolina versate 100 ml di acqua prelevata dalla dose prevista e scioglietevi il lievito aggiungendo anche il mieie, lasciate riposare per 10 minuti poi versatelo nel cestello dellla macchina, aggiungete anche l’acqua tiepida rimasta, il burro o la ricotta, il cacao amaro setacciato e le farine mescolate insieme. Aggiungete all’interno della montagnola di farine il sale.

Avviate il programma solo impasto della durata di 15′.

A ciclo terminato trasferite l’impasto in una ciotola leggermente infarinata e occludetela con la pellicola, praticate qualche forellino con i rebbi di una forchetta poi mettete a lievitare fino al raddoppio dell’impasto. Nel forno spento con la lucina accesa è l’ideale.

Panini con farina di castagne Blog Profumi Sapori & Fantasia

Procedimento con il Bimby

1) Versate nel boccale il miele, il lievito sbriciolato e l’acqua. impostate e avviate a 37° 30 sec. veloc.3

2) Aggiungete il burro o la ricotta, le farine setacciate al cacao mescolate al sale e impastate 2 minuti veloc. spiga.

3) Al termine prelevate l’impasto e ponetelo in una ciotola leggermente infarinata ben chiusa da pellicola e lasciate lievitare, più lievita e più sarà soffice il pane. Tenete presente che ora con questa temperatura esterna ci vorrà molto più tempo e soprattutto con questi impasti.

Procedimento tradizionale a mano

1) In una ciotolina mettete l’acqua tiepida con il lievito sbriciolato e il miele, lasciate riposare per almeno 10′ fino a che il lievito sarà ben sciolto, poi mescolatecon cura.

2) In una ciotola capiente versate le farine setacciate al cacao e mescolate al sale, aggiungete il burro o la ricotta, poi ad aggiungere i liquidi e iniziate ad amalgamare fino ad ottenere un impasto; trasferitelo sulla spianatoia infarinata e formate una sorta di panetto; infarinate una ciotola e metteteci il panetto a livitare fino al raddoppio, occludendo perfettamente con della pellicola bucherellata con i rebbi di una forchetta.

Preparazione dei panini

Sul piano di lavoro lavorate brevemente l’impasto e poi staccate pezzetti del peso di 40 g ciascuno (magari potete anche aiutarvi con una bilancia) lavorate ogni porzione di impasto fra le mani o sulla spianatoia fino ad avere delle palline che andrete ad appiattire e pozionatele a mano a mano, sulla teglia foderata con carta da forno e così via fino ad ultimare l’impasto.

Aiutandovi con il beccuccio di una sac a poche praticate dei fori in ogni pagnottina, in questo modo si formeranno panini tipo ciambelline, ovviamente potrete ricavare e dare la forma che più gradite ai panini con farina di castagne.

Accendete il forno in modalità statica a 200°, infornate una teglia alla volta per circa 20 minuti, il tempo come sempre specifico, è a discrezione del vostro forno.

A cottura ultimata trasferite i panini con farina di castagne su gratelle a raffreddare completamente prima di portarli in tavola.

Panini con farina di castagne Blog Profumi Sapori & Fantasia

16 Risposte a “Panini con farina di castagne ricetta antica”

  1. Ho preparato sia i panini che il filone intero e devo dire prrferisco la pagnotta intera xk ank se l impasto è il medesimo il sapore, secondo me, cambia . Comunque a parte qst, k rimane una mia opinione, il sapore è divino veramente buono, avevo provato altre ricette ma nessuna ha eguagliato in sapore grazie a presto

  2. Ciao, eccomi di nuovo qua:grazie x la risposta mi cimentero’oggi stesso nella preparazione. Ora mi spiego il motivo di tante ricette romagnole! !Come la spoia lorda k se nn sei della zona mica la conosci! Grazie di nuovo:)

  3. Ciao, è da poco, e casualmente che ti ho trovata nel web tra gli infiniti blog di cucina e devo dire che le tue ricette,dei lievitati salati mi piacciono un sacco (ankquelli dei finocchi).Volevo preparare qst impasto con farina di castagne e volevo sapere se era possibile fare un unico filone invece dei panini o se veniva compromessa la lievitazione e la riuscita della ricetta grazie

    1. Ciao Cristina e benvenuta, puoi dare la forma che vuoi al pane, una volta che l’impasto è ben lievitato di li in poi fai come credi. Ovviamente il tempo di cottura controllalo, può darsi che serve più tempo se il filone è unico. Un abbraccio e buon fine settimana

    1. Vuoi dire eliminare la farina di castagne e usare farina integrale? Si che puoi..ovviamente saranno panini integrali…ciaoo

  4. no grazie a te anzi! ma sei toscana che conosci questo pane? aspetta che mi vado a leggere un po’ indietro non me ne intendo per niente di come funzionano i blog…magari l’hai scritto cento volte e io lì imbambolata a guardare sti panini con l’acquolina…saranno secoli che non li vedo in giro per firenze l’ultimo fornaio che li vendeva sarà vent’anni fa ora c’è una farmacia -___- un salitone per ora!

    1. Elisabetta sono romagnola, ma questo tipo di pane si faceva e presumo di faccia tutt’ora nei paesini di montagna al Passo del Carnaio ad esempio. Un caro saluto ciao

  5. ciao perdonami spero di non disturbare io non sono una foodblogger e arrivo qui per puro caso ma…non ci credo!!!! vedo il pane alle castagne della mia infanzia!!!! ho avuto un sussulto al cuore al ricordo di un profumo e un momento della mia vita perduto da tanto…grazie! Elisabetta

    1. Ma Elisabetta per è un piacere enorme averti qui nel blog e poi avere riacceso in te ricordi tanto piacevoli….grazie dal profondo del cuore!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.