Consigli e astuzie per le torte salate

Consigli e astuzie per le torte salate

Per avere un risultato impeccabile quando si preparano torte salate, quiche o crostate salate strano ma vero, esistono tanti piccoli accorgimenti che se, messi in pratica, ci danno un aiuto notevole. Magari seguiamo per abitudine gesti quotidiani che per anni ci hanno permesso di sfornare queste deliziose torte salate, senza sapere o mettere in pratica qualche piccola astuzia per migliorarne sia l’aspetto che il sapore. Allora eccomi qui a fare un piccolo elenco di cosa fare e come fare; magari non escludo che tanti suggerimenti li conoscete già e li mettete anche in pratica ma, magari qualche altro non lo conoscete. Sapete che facciamo? Ci leggiamo questo articolo insieme ….consigli e astuzie per le torte salate.

Consigli e astuzie per le torte salate Blog Profumi Sapori & Fantasia

Consigli e astuzie per le torte salate

Gli impasti:  pasta sfoglia, pasta brisèe, pasta matta, pasta frolla salata, sia che siano preparati in casa o acquistati già pronti, toglierli dal frigo poco tempo prima di utilizzarli e senza manipolarli troppo altrimenti perdono consistenza e poi diventerà difficoltoso stenderli nella forma o spessore desiderato.

Tre varianti per sagomare i bordi: 

A penna: tenete il bordo della pasta un po’ più alto delle pareti dello stampo e, con forbici, praticate tutto intorno tanti taglietti obliqui profondi circa 1 cm ed equidistanti.

A smerlo tondo: si fa di solito utilizzando lo stampo da crostata. tagliate il bordo a filo delle pareti e premetelo nella scanaltura con un dito, sollevadolo appena.

A doppio smerlo: lasciate sbordare la pasta di circa 1,5 cm, praticate con le forbici tanti taglietti dritti ed equidistanti e piegate gli smerli, uno si e uno no verso l’interno.

Il ripieno: deve essere compatto e piuttosto asciutto, altrimenti bagna la pasta e la rende molliccia; a volte risolve spargere sul fondo della pasta già bucherellata del pangrattato affinchè assorba l’umidità in eccesso.

Farce perfette: la composizione del ripieno per le torte salate di solito è a base di formaggio e verdure, legati da uova o panna. Seguendo più o meno lo stesso procedimento e combinando gli ingredienti secondo il vostro gusto potrete ottenere una serie infinita di varianti in modo che nessuno prevalga sull’altro e il risultato finale sia armonioso.

* Sgocciolate i formaggi freschi, come la ricotta, in un colino e, per amalgamarli meglio agli altri ingredienti, setacciateli o lavorateli a crema con una frusta.

° Evitate di usare verdure crude: sono troppo acquose e in cottura rendono il ripieno più umido facendogli perdere consistenza. per lo stesso motivo, strizzate bene le verdure lessate, specialmente quelle a foglia come biete e spinaci, e possibilmente saltatele per qualche minuto in padella.

* Riempite sempre il guscio di pasta con un ripieno ben freddo, altrimenti il calore ammorbidisce troppo la pasta di base rendendola umida: cio non la fa cuocere in modo uniforme e alla fine risulta meno croccante.

La cottura: Va fatta sempre in forno tradizionale (non ventilato) e già a temperatura desiderata raggiunta, sistemando la torta salata nel ripiano più basso per renderla più croccante. I vantaggi della cottura in due tempi: la precottura o “cottura in bianco” del guscio di pasta vuoto serve a renderlo più croccante e anche impermeabile al ripieno che dovrà accogliere e con il quale dovrà continuare a cuocere. La punzecchiatura e la copertura con carta e legumi secchi, impediscono alla pasta di gonfiarsi e di rompersi. Questo metodo si usa quando guscio di pasta e ripieno richiedono tempi di cottura diversi.

Sfornare e sformare: quando la pasta è leggermente dorata e il ripieno compatto, la torta è pronta; nel dubbio è meglio toglierla dal forno qualche minuto prima perchè basta un attimo in più per fare seccare la pasta in modo irrimediabile. Togliete la torta dal forno e fatela riposare a temperatura ambiente per qualche minuto: così la pasta ha il tempo di compattarsi e il ripieno di riacquistare l’equilibrio dei sapori. Sollevate la carta da forno con precauzione (tende a sbriciolarsi) e trasferite la torta salata sul piatto di portata. se la servite subito, oppure su una gratella a raffreddare se la preferite tiepida.

Consigli e astuzie per le torte salate

10 Risposte a “Consigli e astuzie per le torte salate”

  1. Ciao Silvana,molte grazie X tutte queste dritte ,xke anche se molte si conoscono già c’ è sempre qualcosa da imparare.Buona notte.

  2. Ciao, in questo articolo dici di cuocere la torta salata con la funzione statica. Io ho seguito il tuomo consiglio ma la torta non è venuta dorata ma sembrava cruda. Io sapevo che la modalità statica serve per i lievitati e la torta salata non mi sembra un lievitato. Liliana

    1. La modalità statica è indicata per tutta la pasticceria in genere e tanto altro ancora,la cottura poi si sceglie anche in base alla pasta di fondo della torta salata, che sia di pasta sfoglia o pasta briseè o pasta matta. Ma tanto dipende anche dal forno che si possiede e il risultato pure; perciò si seguono anche le indicazioni della ricetta del momento che si vuole eseguire. Hai mai dato uno sguardo a questo articolo che ho postato tempo fa?

      https://blog.giallozafferano.it/silvanaincucina/2012/03/24/cuocere-in-forno-statico-o-ventilato/
      Ciao Liliana e buona domenica!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.