Focaccia sottile con crescenza

La focaccia sottile con crescenza che vi presento oggi assomiglia tantissimo alla famosa focaccia di Recco, tipica specialità genovese. Una sfoglia di pasta lievitata è tirata al mattarello molto sottile per poi essere farcita con tanti pezzetti di crescenza distanziati fra di loro. E’ ricoperta da una secondo strato di pasta e infine richiusa, creando una focaccia dove il formaggio si fonde in cottura creando un ripieno molto appetitoso. Ottima da gustare come snack ma ideale anche da portare in tavola con salumi, sott’oli e altri formaggi, la focaccia sottile con crescenza è ideale per uno spuntino con parenti e amici, sarà graditissima da tutti.

Focaccia sottile con crescenza
  • Difficoltà:
    Bassa
  • Preparazione:
    15 + 120 per lievitazione minuti
  • Cottura:
    25 minuti
  • Porzioni:
    6-8 porzioni
  • Costo:
    Basso

Ingredienti

Per l’impasto della focaccia

  • 250 g farina tipo 1
  • 150 g farina 0
  • 100 g Farina 00
  • 4 cucchiai olio extravergine d’oliva
  • 280 ml acqua tiepida
  • 1 bustina Lievito di birra secco
  • 2 cucchiaini Sale fino
  • 1 cucchiaino zucchero

Per il ripieno

  • 250 g crescenza
  • 2 cucchiai Olio di oliva
  • 2 cucchiai acqua tiepida
  • 1 cucchiaino sale grosso

Preparazione

  1. La focaccia potrete impastarla nella maniera tradizionale oppure utilizzando la macchina del pane oppure il Bimby.

    Impasto con la macchina del pane

    Versate nel cestello l’acqua tiepida con l’olio, aggiungete le farine mescolate fra di loro, il sale e lo zucchero per ultimo versate sulla montagnola delle farine il lievito di birra secco.

    Avviate il programma impasto+lievitazione aggiungendo se serve qualche cucchiaiata di farina per ottenere un panetto morbido. La mia macchina del pane, con questo programma, prevede un tempo di 90 minuti.

  2. Impasto con il Bimby

    Versate nel boccale l’acqua con l’olio e il lievito programmate 10 secondi a 37° veloc.4.

    Aprite il boccale e aggiungete le farine mescolate e il lievito, programmate per 2 minuti veloc. spiga.

    A fine programma trasferite l’impasto in una ciotola leggermente infarinata e fate lievitare per 2 ore o fino al raddoppio dell’impasto.

  3. Impasto nella maniera tradizionale a mano

    Mescolate le farine in una ciotola capiente, al centro fate un’incavo e aggiungete l’olio lo zucchero e il sale poi iniziate ad amalgamare intridendo le farine aggiungendo piano l’acqua.

    Ottenuto una sorta di impasto trasferitelo sulla spianatoia leggermente infarinata e lavoratelo ancora fino a d avere un panetto soffice  e ben amalgamato.

    Infarinate leggermente una ciotola e ponetevi l’impasto, sigillate la ciotola con della pellicola e fate lievitare fino ad ottenere il raddoppio della massa, circa 2 ore.

    Il segreto per ottenere una focaccia perfetta è nello stendere la pasta molto sottile con il mattarello.

    Ottenuto l’impasto della focaccia lievitato sgonfiatelo leggermente sulla spianatoia poi dividetelo in due parti uguali.

    Ungete la leccarda del forno o un’altra teglia adatta e posizionatevi la prima pasta sottile, tirandola con  delicatezza fino a coprire il fondo della teglia.

    Spennellate con pochissimo olio la superficie poi aggiungete la crescenza a pezzetti leggermente distanziati fra di loro.

    Accendete il forno in modalità ventilato a 200°.

    Con la pasta rimasta e tirata anch’essa sottile coprite il tutto, sigillando i bordi formando un cordoncino affinchè la crescenza, fondendo in cottura, non fuoriesca.

    Create un’emulsione mescolando l’acqua, l’olio e il sale grosso e spennellatela sulla superficie della focaccia.

    Infornate per 25 minuti circa, la focaccia sottile con crescenza, una volta cotta, dovrà essere dorata e leggermente croccante.

    Servitela con tutto ciò che più vi piace è una squisitezza.

    Altre ricette analoghe potrai trovarle in questa pagina di raccolta:

    PANE PIZZA E FOCACCE

    Se clicchi MI PIACE alla mia pagina di FACEBOOK non perderai le mie ricette e aggiungerai valore al mio lavoro!

 
Precedente Vellutata di piselli e patate con radicchio rosso Successivo Finocchi stufati allo zafferano

Lascia un commento