Piadina semintegrale doppia ricetta

Piadina semintegrale doppia ricetta

La piadina è un pilastro culinario non solo in Romagna quale terra di origine, ma con il tempo si è diffusa in tutta Italia e nel mondo. Da brava romagnola però, dopo avere pubblicato la ricetta originale della piadina classica, oggi voglio proporvi la versione semintegrale; decisamente più leggera e digeribile, qui ve la propongo in due versioni, cioè con lo strutto oppure con l’olio extravergine d’oliva nell’impasto. Ma non solo, aggiungo anche il procedimento realizzato con il Bimby, facilissimo e soprattutto velocissimo. La piadina semintegrale è diventata la versione preferita a casa mia, ne cucino sempre in quantità e poi, precotte, le congelo pronte all’uso, infatti basterà scongelarle e terminare la cottura prima di portarle a tavola e farcirle come più vi piace.

Piadina semintegrale doppia ricetta
  • Difficoltà:
    Molto Bassa
  • Preparazione:
    15 minuti
  • Cottura:
    5 minuti
  • Porzioni:
    7 pezzi
  • Costo:
    Molto Basso

Ingredienti

  • 260 g farina integrale
  • 240 g farina 0
  • 50 g strutto (oppure stessa quantità di olio extravergine d’oliva)
  • 125 g acqua tiepida
  • 125 g latte scremato
  • 1 + 1/2 cucchiaino bicarbonato
  • 12 g Sale fino

Preparazione

  1. Piadina semintegrale doppia ricetta collage

    Procedimento tradizionale impasto a mano

    Sulla spianatoia mescolate le due farine al bicarbonato e formate la classica fontana; distribuite tutt’attorno, sulla farina, il sale previsto.

    Al centro mettete lo strutto oppure l’olio come preferite, intiepidite il latte e l’acqua mescolati.

    Con le mani oppure utilizzando un cucchiaio di legno amalgamate lo strutto oppure l’olio alla farina, aggiungendo a filo la miscela di liquidi e impastate ottenendo un impasto grezzo.

    A questo punto iniziate ad impastare con energia ottenendo un composto liscio che andrete a mettere in un sacchetto ben chiuso per almeno 30 minuti.

    Dopo il riposo riportate l’impasto della piadina sulla spianatoia e tagliatela in 7 pezzi di circa 115 g ognuno, la misura della piadina stesa con il mattarello è di 20 cm di diametro (ovviamente se volete delle piadine più grandi aumentate il peso).

    A questo punto formate le palline da ogni porzione di impasto e lasciatele riposare sulla spianatoia coperte da un panno per ancora 15 minuti.

    Con il mattarello stendete le palline in piadine dallo spessore desiderato ed infine cucinatele su una piastra apposita oppure una crepiere antiaderente o ancora una padella su fiamma media, bucherellandole leggermente con i rebbi di una forchetta e girandole per favorire la cottura da entrambi i lati.

    A cottura ultimata tagliate ogni piadina a metà e appoggiate una parte all’altra affinchè raffreddino per poi gustarle a piacere.

  2. Procedimento con il Bimby

    Mettete nel boccale acqua, strutto oppure olio e sale, azionate il robot per 1 minuto a 37° veloc. 4.

    Aprite il coperchio e aggiungete le farine con il bicarbonato, richiudete e avviate il robot per 2 minuti a velocità spiga.

    Ottenuto l’impasto della piadina semintegrale proseguite come descritto nel procedimento tradizionale.

Note

La piadina semintegrale è possibile realizzarla o con lo strutto oppure con l’olio extravergine d’oliva, il procedimento dell’impasto, inoltre, si può fare a mano oppure con il Bimby. Facilmente congelabili solo dopo una pre-cottura di qualche minuto e un ottimo raffreddamento anche avvolte, ognuna, in carta da forno e sistemate in un unico sacchetto. In questo modo potrete estrarre le piadine che necessitano di volta in volta e procedere a cuocerle prima dell’utilizzo.

Se clicchi MI PIACE alla mia pagina di FACEBOOK non perderai le mie ricette e aggiungerai valore al mio lavoro!

 
Precedente Lasagne con salsiccia e gorgonzola Successivo Vellutata di piselli e patate con radicchio rosso

Lascia un commento