Pan brioche dolce con ricotta senza uova e burro

Pan brioche dolce con ricotta senza uova e burro

Per una colazione nutriente niente di meglio che il pan brioche con ricotta senza uova e burro; la ricotta è l’unico ingrediente aggiunto alla farina, zucchero, latte e lievito. Alto, soffice e profumato ho aggiunto all’impasto lo zafferano per dare una nota calda di colore. E’ perfetto per chi è intollerante alle uova, ideale invece per chi butta spesso un’occhio alla bilancia; rimanere in forma fisica è molto importante. Le fette di pan brioche alla ricotta sono ottime al naturale oppure farcite con un velo di marmellata e, per i più golosi con la nutella. Per realizzare il pan brioche mi sono fatta aiutare dalla macchina del pane; imbattibile per l’impasto e per la prima lievitazione. Vediamo insieme il procedimento!

pan brioche dolce

 

Pan brioche dolce con ricotta senza uova e burro

Ingredienti 

Ho utilizzato la macchina del pane per impastare

Stampo antiaderente per ciambelle di 26 cm

N.b per chi non utilizza la farina manitoba utilizzare solo la farina 00 per il totale del peso richiesto.

  • 300 g di farina manitoba
  • 300 g di farina 00
  • 250 g di ricotta asciutta ben sgocciolata
  • 210 g di latte tiepido
  • 160 g di zucchero semolato
  • 1 bustina di zafferano ( facoltativa)
  • 1 bustina di lievito di birra disidratato oppure 1/2 cubetto di lievito fresco
  • 1 cucchiaino di sale fine
  • per decorare: zucchero in granella
  • poco burro + farina per lo stampo oppure solo carta da forno

Procedimento con la macchina del pane

Intiepidite il latte e scioglietevi il lievito con 1 cucchiaino di zucchero prelevato dalla dose, aggiungete anche lo zafferano e mescolate bene gli ingredienti.

Versate nel cestello il latte con lievito e zafferano, aggiungete la ricotta, lo zucchero avanzato e le farine setacciate, al centro della montagnola di farina inserire il sale; avviate il programma che prevede l’impasto e la 1° lievitazione (nella mia macchina prog. 6 della durata di 1 ora e mezza).

Procedimento dell’impasto a mano

Intiepidite il latte e scioglietevi il lievito con 1 cucchiaino di zucchero prelevato dalla dose, aggiungete anche lo zafferano e mescolate bene gli ingredienti.

In una ciotola capiente setacciate le farine con il sale, al centro formate un incavo e aggiungete la ricotta e lo  zucchero poi iniziate a versare a filo il latte mescolando e intridendo la farina tutt’attorno, impastate bene tutti gli ingredienti e trasferite il composto sulla spianatoia leggermente infarinata, impastate ancora fino ad avere un panetto morbido e compatto. Ponetelo a lievitare in una ciotola leggermente infarinata sigillata con della pellicola per alimenti per 1 ora, all’interno del forno spento con solo la lucina accesa, l’impasto dovrà raddoppiare il volume.

Preparazione del pan brioche

Imburrate e infarinate lo stampo previsto per la cottura, se preferite eliminare questo passaggio foderate lo stampo con carta da forno.

Prelevate l’impasto lievitato dalla ciotola o dal cestello e sistematelo nello stampo congiungendo le estremità, spargetevi sopra lo zucchero in granella e ponete il pan brioche a lievitare ancora 1 ora (seconda lievitazione) in forno spento solo con la lucina accesa.

Pan brioche dolce con ricotta senza uova e burro

Pan brioche dolce con ricotta senza uova e burroA fine lievitazione estraete lo stampo e portate la temperatura del forno a 180° modalità statica, raggiunto il calore desiderato infornate per circa 30-40′, tutto dipende dal forno, quando il pan brioche risulterà dorato estraetelo e lasciatelo raffreddare.

Pan brioche dolce con ricotta senza uova e burro

Servite il pan brioche dolce con ricotta senza uova e burro a piacere, ottimo per la colazione o un dolce spuntino.

 

Pan brioche dolce con ricotta senza uova e burro

Pan brioche dolce con ricotta

 

 
Precedente Torta salata allo yogurt Successivo Le marinate per carne e pesce

50 thoughts on “Pan brioche dolce con ricotta senza uova e burro

  1. Maria il said:

    ma appenavpronto l’impasto va subito in frigo o prima deve lievitare fuori!? E poi quant tempo deve restare in frigo ? E dopo dove è X quanto tempo deve lievitare prima di infornare!? Grazie

    • Silvana Scalambra il said:

      La lievitazione va fatta fare fuori dal frigo, in una ciotola coperta. I tempi sono sempre differenti in base agli ingredienti utilizzati e la temperatura, tieni presente che la massa dell’impasto deve raddoppiare come minimo.

    • Silvana Scalambra il said:

      Ciao Maresa intendi impasto lievitazione e cottura tutto nella macchina del pane? Io personalmente te lo sconsiglio, se segui la ricetta puoi darle la forma che vuoi al pan brioche ma in modo particolare procedere anche alla 2° livitazione nello stampo, passagggio che nella macchina del pane non farebbe, andrebbe dalla 1° lievitazione alla cottura direttamente. Io mi trovo molto bene con la macchina del pane ma la utilizzo solo per impastare e lasciare lievitare anche per il pane…poi vedi tu cosa vuoi fare. Se vuoi provare puoi fare eseguire la cottura per crosta media. Ciaooo

  2. Francesca il said:

    Buonasera! Scrivo perchè purtroppo ho avuto dei grossi problemi con la lievitazione del dolce e ho dovuto buttare tutto: il pan brioche non è proprio cresciuto di volume!
    Ho seguito la ricetta alla lettera (secondo il procedimento dell’impasto a mano), facendo anche sciogliere il cucchiaino di zucchero nel composto di latte, lievito e zafferano. Il problema è stato quando mi sono accorta, quando mi mancava poco a terminare di impastare, che non era scritto quando aggiungere il restante zucchero. 🙁 Sono stata così costretta ad aggiungerlo come ultimo ingrediente al composto. Credo che sia stato questo a causare la non lievitazione, e siccome vorrei tentare di nuovo la realizzazione del pan brioche, vorrei sapere esattamente a che punto della preparazione devo aggiungere lo zucchero restante (a cui avrò sottratto il cucchiaino da mettere nel latte). Spero che qualcuna di voi possa aiutarmi, e la ringrazio in anticipo!

    • Silvana Scalambra il said:

      Buonasera Francesca, sono io l’unica a scrivere su questo blog dopo avere testato le ricette pubblicate. Ho corretto la dimenticanza dello zucchero nell’impasto e fin qui tutto bene. La mancata lievitazione non è derivata dall’aggiungere lo zucchero alla fine all’impasto ma puo’ derivare da tanti fattori. L’acqua era tiepida quanto basta? Non erano presenti correnti d’aria nella stanza? Molte volte la lievitazione parte con molto ritardo percio’ spesso impastare di sera e lasciare lievitare il composto in frigorifero per riprenderlo la mattina dopo aiuta. Comunque spesso anche gli ingredienti utilizzati ritardano la lievitazione, l’unica cosa da fare è sicuramente riprovarci aggiungendo magari le nozioni appena inserite in questo commento. Senza fretta alcuna lascia lievitare l’impasto. Ciao e spero di essere stata esaustiva. Silvana

      • Francesca il said:

        Innanzitutto grazie mille per la prontezza della risposta! Riproverò al più presto con le indicazioni che mi ha gentilmente fornito, preparando l’impasto la sera e lasciandolo lievitare in frigorifero durante la notte. Ma un ultimo passaggio non mi è chiaro: ha menzionato l’acqua tiepida… io non l’ho proprio messa! Quando va a aggiunta l’acqua?
        Mi scusi per le innumerevoli domande ma sono alle prime armi e ho bisogno di consigli di esperti! 🙂

      • Silvana Scalambra il said:

        Hai ragione Francesca l’acqua in questa ricetta non c’è ma presenzia il latte. In genere nei lievitati c’è l’acqua percio’ l’ho menzionata..quindi deduco che il latte fosse tiepido. Un buon lavoro e a presto!

      • Francesca il said:

        Aggiornamento: ho rifatto la ricetta una seconda volta e grazie ai suoi consigli e all’aiuto di mia sorella ha lievitato alla perfezione ed è buonissima!
        Grazie infinite e alla prossima ricetta!

      • Silvana Scalambra il said:

        I tuoi successi sono anche i miei Francesca grazie infiniti!!

  3. Ilaria il said:

    Ciao, vorrei provare questa ricetta perché mi ispira molto. Volevo chiederti se è possibile farcire il pan brioche prima della cottura, stendendo l’impasto e poi dandogli la forma a ciambella.
    Grazie.

  4. Marco il said:

    Ciao. Ho realizzato il tutto, e devo dire che il risultato è davvero gustoso. Tuttavia appena raffreddato era morbidissimo, mentre la mattina successiva, quindi a poche ore di distanza, si è un pochino “rinsecchito”; mio figlio ha aggiunto saggiamente un po’ di marmellata, io l’ho inzuppato nel latte. Ho sbagliato secondo te qualcosa o c’è qualche trucco per ovviare al problema? Grazie, ciao.

    • silvanaincucina il said:

      Marco succede quando i dolci sono privi di grassi come il burro e le uova. Se tu provi a realizzare lo stesso dolce aggiungendo al posto della ricotta sia il burro che le uova resta soffice per più giorni, ovviamente anche la conservazione ben chiusa aiuta. Ma alla fine è così buono he sparisce in fretta..ciaoo e grazie!

  5. L’impasto sta ora nella macchina del pane!
    Nella spiegazione manca l’indicazione di quando aggiungero lo zucchero semolato: io l’ho messo dopo le farine!
    Speriamo bene!!!!

      • Francesca il said:

        Ho lasciato un altro commento ma scrivo anche qui…
        Buonasera! Scrivo perchè purtroppo ho avuto dei grossi problemi con la lievitazione del dolce e ho dovuto buttare tutto: il pan brioche non è proprio cresciuto di volume!
        Ho seguito la ricetta alla lettera (secondo il procedimento dell’impasto a mano), facendo anche sciogliere il cucchiaino di zucchero nel composto di latte, lievito e zafferano. Il problema è stato quando mi sono accorta, quando mi mancava poco a terminare di impastare, che non era scritto quando aggiungere il restante zucchero. 🙁 Sono stata così costretta ad aggiungerlo come ultimo ingrediente al composto. Credo che sia stato questo a causare la non lievitazione, e siccome vorrei tentare di nuovo la realizzazione del pan brioche, vorrei sapere esattamente a che punto della preparazione devo aggiungere lo zucchero restante (a cui avrò sottratto il cucchiaino da mettere nel latte). Spero che qualcuna di voi possa aiutarmi, e la ringrazio in anticipo!

      • Maria il said:

        Omettendo lo zucchero e aumentando un pò il sale lo potrei rendere un pan brioche alla ricotta salato? Dovrei cambiare qualcosa? Mi pptresti suggerire le dosi? Grazie

      • silvanaincucina il said:

        Maria lascia comunque 1 cucchiaio di zucchero raso anche per attivare bene il lievito poi per il sale ne aggiungi 1 cucchiaio raso su tutto l’impasto. Ricorda che se lo farcisci salato con altri ingredienti daranno sapore al composto oppure da solo a fette.

  6. Raffaella il said:

    Buongiorno vorrei chiedere se possibile avere la ricetta ma da fare con il bimby, x la cottura io ho solo il forno ventilato va bene lo stesso? Grazie mille

    • silvanaincucina il said:

      Ciao Raffaella, io ho impastato con la macchina del pane. mi aggiorno anche con il Bimby e appena posso ti mando il procedimento!

  7. marina il said:

    Ciao vorrei provare questa ricetta moooolto invitante,utilizzando pero’ la PM al posto del lievito di birra. Mi potresti fornire qualche indicazione per non fare pasticci? 🙂 grazie mille

    • silvanaincucina il said:

      Prego e puoi anche farlo al cacao sottrai dal peso delle farine il peso di 3 cucchiai colmi di cacao amaro poi setaccia insieme e procedi….ottimo!

  8. michela il said:

    buonasera Silvana,grazie per questo dolce bellissimo! L’ho preparato oggi ed e’ stato divorato quasi completamente!!!
    Mi e’ venuto in mente di prepararlo omettendo lo zucchero per mangiarlo come pane. Cosa ne pensi?
    Grazie e a presto
    Michela

  9. Ciao Silvi,
    Le due ultime preparazioni sono ok o nice – per dirla con gli anglosassoni – e molto gradite, specialmente quella salata: le salate, come forse ricorderai, sono le mie preferite.
    Ti ringrazio e ti abbraccio.
    Tuo fratello maggiore Teo.

Lascia un commento