Ravioli orientali senza glutine

I ravioli, o jiaozi, sono tra le pietanze orientali che più amo. Si tratta di un formato di pasta ripiena (per questo noi li chiamiamo comunemente “ravioli”) cotta al vapore o alla piastra, accompagnati con salsa di soia e/o aceto di soia. Sono largamente diffusi in Cina, Giappone e Corea, anche se ormai la loro bontà li ha resi famosi in tutto il mondo.

Esistono doversi tipi di ripieno, sia a base di carne/pesce e verdure, sia totalmente vegetariani, ed esistono diverse forme e chiusure a seconda dei luoghi e del tipo di raviolo che si è preparato. La forma più conosciuta e caratteristica è quella a mezzaluna, con le pieghe su un solo lato: è un rimando alla moneta cinese e, pertanto, è simbolo di buon augurio. Vengono consumati soprattutto in occasione del Capodanno cinese, occasione in cui le famiglie si riuniscono per preparare questi deliziosi jiaozi tutti insieme.

La versione che vi propongo io è quella “base” dei ravioli di carne, con un involucro fatto con farina di riso, amido di mais e acqua. Voi potete cambiare carni, farlo solo di verdure o solo di pesce a seconda dei vostri gusti.

Lo ammetto, ci vuole un po’ di manualità per farli al meglio, ma vi assicuro che ne varrà assolutamente la pena.

  • Porzioni3
  • CucinaCinese

Ingredienti

ATTENZIONE: tutti gli ingredienti considerati a rischio contaminazione devono necessariamente riportare la scritta “senza glutine” sulla confezione.

Per la pasta dei ravioli

  • 60 gfarina di riso (finissima)
  • 30 gamido di mais (maizena)
  • 80 gacqua bollente

Per il ripieno

  • 150 gcarne tritata ((mista/maiale))
  • 60 gcavolo cappuccio
  • Mezzacipolla bianca
  • 1carota
  • 2 cucchiaisalsa di soia
  • q.b.olio di semi

Preparazione

  1. Per preparare i ravioli orientali senza glutine dobbiamo partire dal ripieno. Tradizionalmente il ripieno dovrebbe essere usato a crudo, ma io preferisco comunque stufarlo leggermente prima, in modo da averlo sempre ben cotto.

    Per prima cosa, bisogna sminuzzare finemente tutte le verdure: cipolla (o cipollotto o scalogno), cavolo e carota e mescolarli alla carne tritata con due cucchiai di salsa di soia. Lasciarli insaporire per qualche minuto, poi ungere una padella con un filo di olio di semi, farla scaldare a fuoco moderato e cuocervi l’impasto di carne e verdure, aggiungendo un filo d’acqua qualora fosse necessario.

    A questo punto, dato che l’impasto senza glutine è molto meno elastico, io preferisco passare leggermente il ripieno con il frullatore. Non bisogna esagerare, solo cercare di avere un composto leggermente più liscio.

  2. Mentre il ripieno raffredda, passiamo alla preparazione dell’impasto. Mettere l’acqua a bollire e intanto setacciare insieme in una ciotola la farina e l’amido di mais. Versare su l’acqua bollente ed iniziare ad impastare con una forchetta.

    Quando la temperatura della pasta si sarà abbassata, continuare ad impastare con le mani. Il composto dovrà essere liscio ed omogeneo, ben sodo ma non duro. Aggiustate la consistenza con un po’ di farina o di acqua, se il vostro dovesse risultare troppo appiccicoso o troppo sodo.

    Creare un filoncino e tagliare dei tocchetti di circa 2cm. Prendete un tocchetto alla volta (vi consiglio di tenere gli altri coperti nel frattempo, in modo che non si secchino) e schiacciarlo sul piano leggermente infarinato con il palmo della mano. Ora, delicatamente, stendere con il mattarello fino ad ottenere un dischetto sottile di circa 6-8cm di diametro.

    Riempire con un cucchiaino di ripieno, inumidire i bordi con un filo di acqua e sigillarli accuratamente a forma di mezzaluna. Che vogliate richiuderli con la tipica forma o semplicemente a mezzaluna, fa lo stesso, dipende molto dalla manualità e dal tempo a vostra disposizione.

  3. Potete cuocere i vostri ravioli sia al vapore che alla piastra.

    Nel primo caso, servirà la vaporiera, il cui piano andrà coperto con delle foglie di cavolo. Disporre i ravioli sulle foglie di cavolo ben distanziati tra loro, coprire e porre la vaporiera su una pentola piena di acqua bollente e lasciare cuocere 10min senza mai alzare il coperchio.

    Per i ravioli alla piastra, basterà invece far scaldare per bene una padella con un filo di olio. Far cuocere i ravioli sulla piastra- un po’ distanziati tra loro- finchè sul fondo non si sarà creata una bella crosticina dorata. A questo punto, copriamo i ravioli con acqua fino a metà della loro altezza, chiudiamo per bene la padella con un coperchio e lasciamo che il vapore finisca di cuocerli per bene. Quando l’acqua sarà evaporata, potrete trasferire i ravioli su un bel piatto da portata e servirli caldi accompagnati a della buona salsa di soia o della salsa agrodolce!

3,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.