Amaro del Gargano

L’ amaro del Gargano e un liquore amabile dal retrogusto amaro, un ottimo digestivo che racchiude il profumo delle arance e dei limoni. Per prepararlo sono necessarie foglie di ulivo, bucce di limone e arance meglio se rigorosamente quelle del Gargano.

Amaro del Gargano
  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione20 Giorni
  • Tempo di riposo15 Giorni
  • Porzioni1 lt
  • Metodo di cotturaSenza cottura
  • CucinaItaliana

Ingredienti:

  • 200 foglieulivo (circa)
  • 4arance (scorze)
  • 4limone (scorze)
  • 1 lalcol puro
  • 500 gzucchero
  • 1 lacqua
  • 4chiodi di garofano

Preparazione:

  1. Amaro del Gargano

    Per Iniziare a preparare il nostro amaro del Gargano stacchiamo le foglie di ulivo dal ramo e le mettiamo nel lavandino.

  2. Amaro del Gargano

    Successivamente laviamole per bene sotto acqua corrente

  3. Amaro del Gargano

    Aggiungiamo un cucchiaio colmo di bicarbonato e continuiamo a lavarle per qualche minuto

  4. Amaro del Gargano

    Immergiamo nell’acqua anche le arance e i Limoni in modo tale che siano ben lavati.

  5. Amaro del Gargano

    In seguito tagliamo le scorze dei limoni e delle Arance

  6. Amaro del Gargano

    Togliamo le foglie di ulivo dal lavandino e copriamole in uno straccio avendo cura di asciugarle rigorosamente.

  7. Amaro del Gargano

    Successivamente mettiamo sia le foglie che le scorze di arance e limoni in un barattolo di vetro a chiusura ermetica e le irroriamo con l’alcol. Lasciamolo a macerare per 10-15 giorni massimo.

  8. Amaro del Gargano

    Mettiamo sul fuoco una pentola per preparare uno sciroppo con l’acqua e lo zucchero, e una volta che arriva ad ebollizione spegniamo e lasciamo raffreddare.

  9. Amaro del Gargano

    Nel frattempo filtriamo l’alcol aromatizzato usando un filtro a maglie strette.

  10. Uniamo lo sciroppo raffreddato all’alcol e facciamo riposare il tutto per almeno 20 giorni.

  11. Amaro del Gargano

    Trascorso il tempo imbottigliamo il nostro amaro del Gargano usando sempre il filtro a maglie strette.

    Servirlo freddo o con ghiaccio

    Se hai provato a realizzare questa ricetta, mandaci una foto della tua creazione; se invece vuoi un consiglio o un parere, chiedi pure, risponderemo con piacere

    Grazie per il tuo voto like

Note:

In questo contenuto sono presenti uno o più link di affiliazione

2,9 / 5
Grazie per aver votato!