Crea sito

Il gelso e ricordi antichi

Il gelso e ricordi antichi

succede che i ricordi appaiano quando meno te lo aspetti . Questa volta nasce da un lavoretto di scuola portato a casa dal bimbo di un’amica..

Ovvero il baco da seta …e la mente vola.

Ricordo la nonna Pierina che raccontava che lei e le sue sorelle nei primi del 900 andavano  a piedi fino in Val Seriana per lavorare in filatura .Avevano più o meno dai 8 anni a poco più di 14 .

Partivano accompagnate per un pezzo dal mio bisnonno , poi lui andava a lavorare nei boschi.Loro così piccoline ed ad illuminare la strada  loro piccole lanterne .Camminavano ore e ore per raggiungere il quel di Albino . Non posso immaginare la fatica e la paura di trovarsi nei boschi da sole .

Ricordo che disse che per non soffrire il freddo,la fame ,la stanchezza e per darsi coraggio cantassero sempre .

foto e canzone dalla Vecchia filanda zona Osio Sopraimage002 (1)

O mamma mia, tegnìm a cà                               o mamma mia tienimi a casa

o mamma mia, tegnìm a cà
o mamma mia, tegnìm a cà
che mi ‘n filanda                                                  che io in filanda non voglio andare
mi ’n filanda mi vöi pü’nà.

Me dör i pé, me dör i man                                   Mi fanno male i piedi , mi fanno male le mani
me dör i pé, me dör i man
me dör i pé, me dör i man
e la filanda                                                            e la filanda
e la filanda l’è di vilàn.                                          e la filanda è dei villani

L’è di vilan per laurà                                             è dei villani per lavorare
l’è di vilan per laurà
l’è di vilan per laurà
e mi ’n filanda                                                        e io in filanda
mi ’n filanda mi vöi pü’nà.                                      e io in filanda non voglio andare

Gh’è giò ’l sentòn, ferma ‘l rudón                         Viene giu il cinghione ,viene la ruota del molino
gh’è giò ’l sentòn, ferma ‘l rudón
gh’è giò ’l sentòn, ferma ‘l rudón
e la filanda                                                           e la filanda
la filanda l’è la presón.                                         e la filanda è la prigione

L’è la presón di presoné                                     e la prigione dei prigionieri
l’è la presón di presoné
l’è la presón di presoné
e mi ‘n filanda                                                    e io in filanda
mi ‘n filanda son stüfa asé.                               e io in filanda sono stanca abbastanza

8-marzo-1908In quel tempo quasi tutte le bambine andavano a lavorare nelle fabbriche , la povertà era tanta e le bocche da sfamare innumerevoli .

Scriveva nel lontano 1843 Giovanni Burger : La seta più fina proveniente dal circondario di Bergamo .viene al secondo posto quella di Como con quella dei dintorni di Varese (vol. Agricoltura del regno lombardo veneto)

Le foglie dell pianta del gelso nutriva i bachi da seta , e per quello il gelso originario della Cina fu introdotto qui al Nord . Qui da noi venne chiamata MURU . Importando la pianta si importò la cultura  la produzione della pregiata seta .

foto di Pleutje2038214009_4cf520a766_z

I bachi da seta  si nutrono delle foglie del gelso  e intorno alla metà dell’800 nella sola provincia di Bergamo si censirono oltre tre milioni di piante di gelso . La loro diffusione aumentò come aumentarono le filande , la produzione del fiato da seta .

Dopo la metà del ‘900 arrivarono le fibre sintetiche , questo evento portò al successivo abbattimento delle piante del gelso , alla coltivazione dei bachi da seta, e la chiusura di tutte le filande.

baco-da-seta-4

frasnadello-apr10-113.jpg_20105321630_frasnadello-apr10-113 (1)foto di Marz

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.