RISOTTO ALLO ZAFFERANO CON PISELLI SU CIALDA DI PARMIGIANO

Il profumo del risotto allo zafferano si unisce alla dolcezza dei pisellini e viene esaltato dalla cialda sfiziosa.

  • Preparazione: 10 Minuti
  • Cottura: 20 Minuti
  • Difficoltà: Medio
  • Porzioni: 4 PORZIONI
  • Costo: Medio

Ingredienti

  • Riso Carnaroli 250 g
  • Pisellini 4 manciate
  • Brodo vegetale 1 l
  • Parmigiano reggiano 250
  • Scalogno 1/2
  • Zafferano 1 bustina
  • Vino bianco 1 bicchiere
  • Sale
  • Pepe
  • Olio extravergine d'oliva

Preparazione

  1. Per prima cosa, tritare finemente lo scalogno e soffriggerlo con olio evo. Aggiungere il riso e farlo tostare per qualche minuto. Sfumare con il vino bianco.

    Continuare la cottura secondo il tempo indicato dalla confezione, aggiungendo il brodo bollente per non far asciugare.

    Nel frattempo, cuocere i piselli (se freschi per circa 10/15 minuti, se surgelati, per qualche minuto).

    Dopodichè preparare le cialde di parmigiano. In una padella non troppo grande versare circa 50 gr di parmigiano. Quando inizia a “fare le bolle”, spegnerlo e lasciarlo riposare due minuti. Trasferire quindi la cialda in una ciotola per dare la forma desiderata e far raffreddare completamente. Ripetere il procedimento.

    Per metterci meno tempo, potete anche prepararle in forno, tutte insieme, ma state attentissimi a non farle bruciare.

    5/6 minuti prima del termine della cottura del riso, stemperare lo zafferano in poco brodo e unirlo.

    Spegnere il fuoco e mantecare con il restante parmigiano.

    Infine, impiattare mettendo il riso nella cialda e cospargendo con i pisellini.

Note

Piatti tipici, Primi piatti

Informazioni su sedanocarotacipolla

Fino ai vent'anni non mangiavo niente. Solo pasta al pomodoro e bistecca. Niente verdure, formaggi, legumi... Poi ho deciso di andare a convivere e ho iniziato a pensare che non potevo far morire di fame quel poveretto del mio compagno :') Così ho iniziato a sperimentare qualche ricetta, abbinare gli ingredienti in modo creativo e soprattutto ho cominciato ad assaggiare. Mi si è aperto un mondo: la cucina ora è il posto dove mi rilasso dopo una giornataccia al lavoro, dove fantastico e provo nuovi piatti e gusti.

Precedente GNOCCHI ALLA SORRENTINA Successivo TORTA ALLA ZUCCA CON NOCI E CIOCCOLATO

Lascia un commento