Arista alla Birra

L’Arista alla birra è una ricetta che mi capita spesso di preparare per una serie di motivi. Primo fra tutti perchè è buona. L’elaborata preparazione sicuramente è compensata dalla bontà del risultato: infatti piacerà a tutti. Poi perchè l’arista si trova molto facilmente anche tra i banchi dei supermercati e a volte anche con strepitose offerte. E infine, quando avanza la surgelo a fette con la salsa a parte per poi scongelarla e condirla all’occorrenza. Ottima direi, non trovate?

 

Ingredienti per 4 persone:

  • 500 gr di arista in un unico pezzo;
  • 1 carota;
  • 1 cipolla bianca non tanto grande;
  • 1/2 costola di sedano;
  • 1 rametto di rosmarino fresco;
  • qualche foglia tenera di salvia;
  • due bicchieri di birra*
  • 3 bicchieri di brodo vegetale (va bene anche quelli di dado vegetale)
  • 4 bacche di ginepro;
  • pepe macinato;
  • sale fino;
  • olio d’oliva.birraAltaQuota

*io ho utilizzato la birra rossa Giovio del birrificio Alta Quota

Prepariamo la marinatura in cui lasceremo l’arista per una notte intera. In una ciotola di vetro mettiamo l’arista, le bacche di ginepro, la carota, il sedano e la cipolla tritate finemente e la birra, coprite con un coperchio o pellicola trasparente e riponete in frigorifero.

Trascorsa la notte, o almeno 4-5 ore, tirate fuori l’arista  e lasciatela a temperatura ambiente almeno un’oretta: quando la cuocerete non deve essere fredda per evitare shock termici alle fibre della carne. Intanto tritate finemente con un coltello il rosmarino, la salvia, aggiungete al trito una presa di sale e una macinata di pepe. Ungete con quattro cucchiai di olio il fondo di una padella dai bordi alti. Intanto prelevate l’arista dalla marinatura scolatela e tamponatela asciugandola con della carta da cucina, quindi strofinatela bene, facendo pressione con le dita, con il trito di rosmarino e salvia. Poi adagiate l’arista nell’olio caldo e fatela dorare molto bene da tutti i lati a fuoco medio-alto.

Una volta che sarà ben dorata da tutti i lati, separate con un setaccio la birra e le verdure di marinatura e mettete a cuocere queste ultime nella padella insieme alla carne fino a quando non saranno appassite, ci vorranno alcuni minuti. Infine bagnate poco per volta con la marinatura a fuoco moderato e infine con il brodo vegetale caldo. Si dovrà restringere il liquido fino a diventare una salsetta densa che poi potrete rendere vellutata frullandola, se invece vi piace un po’ più rustica la potete lasciare così com’è.

Regolate di sale se necessario, spegnete il fuoco e lasciate intiepidire. Ora tagliate l’arista a fettine sottili, versate il fondo di cottura in un porta salsa e servite caldo. Buon Apppetito!

….MMmmm Yummy!!!

CONSIGLIO: se vi piace il gusto delicatamente amarognolo allora usate, come ho fatto io una birra rossa dal sapore amaro; se invece preferite un gusto dolce allora usate una birra chiara.

Oltre ad aver usato la birra artigianale Giovio nella preparazione di questo piatto, ho servito ai commensali l’arista calda a fette abbinandola con la stessa birra alla temperatura di 14°C per un risultato davvero sublime!! Provatela è una birra artigianale dalle ottime qualità, alla vostra  tavola verrà sicuramente apprezzata!

birraAltaQuota

Print Friendly, PDF & Email

Pubblicato da Say Yummy

Mi chiamo Emanuela e sonoun ingegnere, ma con la passione per la cucina. La preparazione dei pasti per me è sempre stata la parte creativa e rilassante della giornata. Mi piace mangiare sano ed equilibrato senza dimenticare il gusto e con un occhio di riguardo anche al portafoglio. Vi propongo, nel mio blog, varie ricette della tradizione italiana e altre che ho scovato in giro per il mondo, mi permetto anche di consigliarvi alcune mosse frutto della mia esperienza sperando che vi possano essere utili nella riuscita delle vostre preparazioni. Seguitemi e scrivetemi se anche voi avete consigli o suggerimenti da darmi!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.