Crea sito

CRESPELLE A VENTO

CRESPELLE A VENTO
Le crespelle a vento sono dei dolci tipici calabresi. Semplicissimi da fare e ricchi di gusto e tradizione.
Il loro nome cambia a secondo della zona “squaratielli, “crispedde”, “scoratelli”, “scoratedd'”, “cullurialli” o semplicemente “fritti a ventu”…
Presenti nella gastronomia locale della Sila greca (Campana, Mirto Crosia, Cariati, ecc) e nonostante sono numerosi i paesi che li mantengono nella loro tradizione, ciò che non cambia è il metodo di preparazione e gli ingredienti. Come sono fatti? Non ci crederete, con soli tre semplici ingredienti riuscirete a sorprendere tutti per il loro gusto, se poi, li abbinate ad una calda e fumante cioccolata calda, farete contenti grandi e piccini. Eccole! sono piccole ciambelline sottili fatte di acqua, farina e olio e poi passate nello zucchero che si preparano soprattutto in occasione di qualche ricorrenza, in alcune zone, per esempio si fanno il 1 Dicembre per inaugurare il mese dedicato alla nascita di Gesù. Un ultima curiosità, si chiamano fritti a vento proprio perchè non contengono uova e quindi sono fatti d’aria e si mangiano velocemente. A questo punto non vi resta che provarle!


  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Porzioni4
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 300 mlacqua
  • 250 gfarina di grano duro
  • 20 mlolio di oliva
  • 1 pizzicosale
  • 2 fogliealloro
  • cannella in polvere abbondante
  • olio per friggere
  • zucchero per la copertura finale

Preparazione

  1. Per preparare le crespelle a vento segui la procedura qui descritta.

    Riempire una pentola con l’acqua, aggiungere un’abbondante spolverata di cannella, il pizzico di sale, l’ olio e due foglie di alloro

    Quando l’acqua inizia a bollire, versare gradualmente la farina mescolando continuamente con un cucchiaio di legno.

    Dopo aver mescolato bene l’impasto, trasferirlo su una spianatoia sulla quale avrete versato un filo d’olio.

    Sbattere l’impasto ripetutamente fin quando non risulta liscio ed elastico. Staccare un pezzo di impasto alla volta e lavorarlo sulla spianatoia dandogli una forma sottile ed allungata, poi chiudete i bordi e date la forma di una ciambella o quella che preferite. Un po’ alla volta, poi, immergetele nell’olio bollente per pochi minuti( devono restare chiare) e appena cotte trasferitele su figli di carta assorbente, per togliere l’olio in eccesso.

    Ancora calde, tuffatele in una capiente ciotola piena di zucchero, girandole spesso affinchè si ricoprano bene. Gustatele subito calde, calde, e scoprirete i sapori di un tempo, quando con pochi ingredienti si riusciva ad accontentare proprio tutti!

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.