Tagliancozzo, biscotti Siciliani! (Marsalesi)

I Tagliancozzo sono dei biscotti da “panificio” molto croccanti e fragranti con mandorle dolci e profumate, questi biscotti si trovano nelle panetterie della mia città natale “Marsala”, biscotti simil cantucci ma molto meno dolci, si usava pucciarli dentro al pregiato vino Marsala! Durante il periodo invernale sono molti i dolcetti tipici che si possono trovare nella mia città, le famiglie si riuniscono e passano pomeriggi nel farli tutti insieme, un momento di unione, voci, risate, farina e tanto profumo. Meravigliose tradizioni!

tagliancozzo, biscotti siciliani

Tagliancozzo – Biscotti siciliani!

Ingredienti:

  • 900 gr di farina 00
  • 450 gr di zucchero
  • 150 gr di latte
  • 100 gr di strutto
  • 2 uova
  • 8 gr di ammoniaca per dolci (si trova facilmente vicino al normale lievito per dolci)
  • 2 bustine di vanillina
  • 1 pizzico di sale
  • 400 gr di mandorle tostate

 

tagliancozzo, biscotti siciliani

Per i vostri tagliancozzo, unite in un recipiente tutti gli ingredienti secchi,  girate, poi aggiungete le uova, il latte e lo strutto sciolto (passatelo qualche secondo nel forno a microonde.

Impastate molto bene, deve risultare un impasto omogeneo, se risulta troppo duro aggiungete ancora qualche goccia di latte, ma non esagerate.

Quando otterrete una palle come quella in foto, piano piano, pugno dopo pugno aggiungete tutte le mandorle, cercate di non lasciare pezzi di pasta grossi senza mandorle, sembreranno troppe mandorle, ma vi assicuro che non è così, con pazienza entreranno tutte.

A questo punto prelevatene pezzettini e fate dei salsicciotti lunghi come volete voi, in base alle vostre teglie, ma larghi non più di 3/4 cm, cresceranno molto in forno. Adagiate i vostri salsicciotti nella teglia e su carta da forno.

Infornate a 180° per circa 25 minuti. Devono dorare un po’ in superficie, devono avere un po’ di crosta ma abbastanza morbidi da poter tagliare.

tagliancozzo, biscotti siciliani

A questo punto prendete i salsicciotti e facendo attenzione a non bruciarvi, con un coltello tagliateli a fettine spessi circa 1 cm, Se sentite odore forte di ammoniaca tranquilli che quello va via appena saranno cotti del tutto,  riprendete le fettine, poggiatele come in foto, e rimettete in forno fino a doratura, prima di un lato e poi dell’altro.

Ps: come vedete in foto una variante sempre del posto è quella di aggiungere delle ciliege candite. Questo va a vostro gusto.

Buonissimi, ne vale la pena!!

 

Vi aspetto anche nella mia pagina facebook Sapore di Arianna!!

4 Risposte a “Tagliancozzo, biscotti Siciliani! (Marsalesi)”

  1. Sai come si chiamano questi biscotti al mio paese? Pipatelli. 🙂 Io abito in provincia di Palermo e, si sa, in Sicilia basta spostarsi di qualche km e il dialetto cambia accanto e lessico.
    Bello il tuo blog! Ci tornerò!
    A presto,
    Rosa

    1. Ciao conterranea benvenuta nel mio blog….verissimo Rosa basta pochi km che tutto cambia come i nomi di stessi dolciumi…la nostra terra colpita da diverse colonie ha una cultura infinita. ..bellissimo scoprirla e grazie della tua testimonianza…non lo sapevo! E chissà come si chiamano in altri paesi della Sicilia…..

  2. Ciao, sono nata in Sicilia ma abito in venezuela e vorrei sapere se sono biscotti duri per masticare? voglio dire sono morbiti?

I commenti sono chiusi.