Cassata Siciliana Palermitana

Cassata Siciliana Palermitana ricetta originale, la regina tra i dolci tipici siciliani, una torta di ricotta suntuosa, golosa, ricca e maestosa, la ricetta casalinga come in pasticceria.

Una torta farcita con della buona crema di ricotta e cioccolato, decorata con pasta di mandorla verde, una glassa bianca di zucchero e tanta frutta candita.

Un dolce che richiedi più passaggi, che in realtà non è così difficile come sembra. Realizzabile tranquillamente anche a casa, seguendo passo passo la mia ricetta della cassata siciliana palermitana, vi basterà procurarvi gli ingredienti e la teglia adatta, che se non avete potete reperirli facilmente in internet, dopo vi lascio i link per poterli acquistare se ne avrete bisogno.

QUI trovi la versione della CASSATA SICILIANA AL FORNO.

Un altro dolce siciliano con la ricotta molto gradito sono le iris fritte di ricotta, se non le hai mai mangiate provale, QUI TROVI LA MIA RICETTA.

Vi lascio curiosare anche la mia ricetta della crostata di ricotta QUI,

Adesso andiamo a vedere la ricetta passo passo, anche con la video ricetta della Cassata siciliana palermitana.

Cassata Siciliana Palermitana ricetta originale
  • DifficoltàDifficile
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione1 Giorno
  • Tempo di cottura35 Minuti
  • Porzioni16
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

per la Cassata siciliana palermitana del diametro di 24 cm

Pan di Spagna

5 uova
150 g farina 00
150 g zucchero

Crema di ricotta

1.2 kg ricotta di pecora
400 g zucchero
200 g gocce di cioccolato fondente

Glassa fondente

70 g glucosio (oppure miele )
120 g acqua
300 g zucchero

decorazioni per la Cassata siciliana palermitana

q.b. colorante alimentare (verde)
500 g frutta candita
q.b. zucchero a velo

Strumenti

Passaggi

Cassata Siciliana Palermitana

Per la realizzazione della Cassata Siciliana palermitana dovrete iniziare preparando alcuni ingredienti il giorno prima, la prima cosa che sicuramente dovrete fare è occuparvi della ricotta.

La ricotta di pecora fresca è troppo molle perché piena di siero, quindi è consigliabile metterla a sgocciolare in frigorifero nelle sue fascette o in uno scolapasta. Per una notte intera, se necessario anche 24 ore.

Sempre il giorno prima, procedete facendo un semplice pan di spagna.

In una ciotola mettete le uova, lo zucchero e montate a neve per almeno 20 minuti, deve risultare una nuvola ferma e compatta.

Aggiungete al composto la farina poco alla volta e pian piano incorporatela, girando dal basso verso l’alto con un cucchiaio di legno, in modo che il composto non si smonti.

Quando avrete incorporato tutta la farina, preparate una teglia rettangolare imburrate e infarinate. Versate il composto e mettete in forno a 180° C nel ripiano medio del forno in modalità statica per circa mezz’ora.

Il vostro pan di spagna dovrà risultare di una dorato leggero. Fate la prova dello stecchino e sfornate.

Girate su una vassoio e lasciate raffreddare coperto con uno straccio da cucina.

Lasciatelo da parte in questo modo fino al suo utilizzo.

Il giorno successivo preparate la crema di ricotta.

Mettete in una ciotola la ricotta con lo zucchero e mescolate fin quando lo zucchero non si sarà ben amalgamato alla ricotta.

Aggiungete le gocce di cioccolato fondente, mescolate.

Coprite con la pellicola trasparente e mettete in frigorifero.

Prendete la pasta di mandorla, io per comodità l’ho comprata su internet QUI . Ho solo aggiungo qualche goccia di colorante verde, ho impastato la pasta di mandorla fin quando il colore non risultava omogeneo.

Con un po’ di zucchero a velo sul piano, stendete la pasta di mandorle fino ad ottenere uno spessore di circa mezzo cm.

Ricavate una striscia e provate a inserirla all’interno della teglia per regolarvi con l’altezza che deve essere.

Con questa striscia ricavate tutte le altre della stessa altezza.

Con le strisce tagliate dei trapezi come in foto.

Prendete il pandispagna, e tagliate delle strisce prendendo come misura un trapezio.

Dividete il pandispagna creando delle strisce alte meno possibile, massimo un cm.

Due strisce di queste ricreate i trapezi come avete fatto con la pasta di mandorle.

Prendete la teglia e spolveratela con lo zucchero a velo. Adagiate i trapezi di pasta di mandorla alternati ai trapezi di pandispagna, facendoli combaciare. Dopo tagliate quello che fuoriesce dalla teglia.

Con le strisce intere di pandispagna coprite il fondo. Aggiungete tutta la crema di ricotta.

Livellate la crema con una spatola e chiudete la torta con altre strisce di pan di spagna.

Eliminate il pan di spagna in eccesso.

Mettete un vassoio e girate la cassata siciliana palermitana.

Togliete la teglia, spolverate la torta con lo zucchero a velo e coprite con la pellicola trasparente.

Rimettete la teglia sopra, capovolgete, rimettete il vassoio sopra e mettete la vostra cassata siciliana in frigorifero almeno 8 ore, ricordate il vassoio deve essere il coperchio.

Passate le 8 ore. Prendete la cassata siciliana palermitana, capovolgetela, togliete la teglia e la pellicola trasparente.

Procedete a realizzare la glassa fondente chiamata in Sicilia anche velatura.

Mettete in un pentolino il glucosio (oppure il miele) l’acqua e lo zucchero semolato. Accendete e fate cuocere fin quando non diventa trasparente e fa le bolle. Quando inizia a bollire aspettate ancora 5 minuti e spegnete.

Se avete un termometro spegnete quando avrà raggiunto i 115° C.

Cn un frusta elettrica montate questa glasse fin quando non diventa leggermente bianca.

A questo punto la glassa fondente è pronta per essere utilizzata.

Dovrete essere veloci perché si asciuga velocemente.

Con una spatola passatela prima sui bordi e poi la restante versatela direttamente al centro della torta per colmare il gradino.

La vostra torta cassata siciliana palermitana ricetta originale è praticamente pronta, dovrete semplicemente decorarla con la frutta candita a vostra disposizione.

Solitamente le pasticcerie palermitane iniziano dal centro posizionando un mandarino o una mezza arancia.

Ma non esiste una disposizione tipica, utilizzate la vostra fantasia.

Dopo aver decorato la superficie, la vostra torta cassata siciliana palermitana è pronta per onorare le più importanti feste.

Era tradizionalmente un dolce pasquale, ma la torta cassata siciliana palermitana diventata la regina dei dolci siciliani, si trova in tutte le pasticcerie tutto l’anno ed è protagonista di tutte le feste siciliane.

Se volete vedere altre ricette sfiziose o dei reel seguitemi mettendo MI PIACE su Facebook QUI e su diventando follower su Instagram QUI.

Alla prossima da Sapore di Arianna!

Conservazione

La cassata siciliana palermitana si può conservare in frigorifero per altre 48 ore.

Mentre potete surgelarla e consumarla entro 3 mesi.

4,9 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.