Colazione sana: pane e caffellatte

Altra proposta per una colazione sana : del semplice pane tostato con marmellata, una fonte di grassi buoni data dal burro di frutta secca e il tutto accompagnato da una bella tazza di caffellatte, nel mio caso latte di soia vegetale.
Anche in questo caso si tratta di una colazione fatta con ingredienti sani, che la maggior parte di noi ha in casa, ma sopratutto che si prepara in pochi minuti.
Ad ogni modo è sempre importante la scelta degli ingredienti. Partiamo dal pane: ovviamente sarebbe meglio avere sempre a disposizione del pane fresco, vi consiglio anche in caso di prenderne di più e poi congelarlo già tagliato a fette, vi basterà poi scaldarlo per pochi minuti e avrete subito pronto dell’ottimo pane.
Ad ogni modo esistono dei “sostituti” al pane freso che trovo sia comodo avere sempre in casa.
Un esempio sono i formati di pane confezionato già tagliato a fette, che ormai si trovano in tutti i supermercati. Una volta controllati gli ingredienti, che dovrebbero avvicinarsi il più possibile a quelli del pane fresco, si tratta di prodotti comodi perchè durano molto più a lungo rispetto al pane e che quindi ci permettono di avere sempre a disposizione un sostituto adatto. Inoltre ne esistono veramente di vari tipi, e fatti anche con farine diverse come quelli di segale, di farro o multicereali che ci permettono dunque di variare sempre la nostra fonte di carboidrati.
Diversi dal pane ma che comunque possono considerarsi sostituti validi da inserire nella colazione possono essere i wasa (fette croccanti che ricordano dei cracker per la consistenza) oppure delle fette biscottate, anche in questo caso è fondamentale controllare la lista degli ingredienti che potrebbe essere molto lunga e piena di zuccheri e grassi.
Ad ogni modo sarebbe sempre meglio avere del pane fresco da poter consumare.

Per quanto riguarda la marmellata ormai in commercio se ne trovano di tutte le tipologie a partire dalle classiche a finire con quelle light, o senza zuccheri. Bene per chi dovesse seguire una dieta ipocalorica capisco che la scritta su una marmellata “senza zuccheri” o “light” è come leggere ingresso libro ad un parcogiochi. Ci si sente subito leggeri e si finisce anche con l’abusarne perchè tanto si tratta di un prodotto “light” appunto.
Sicuramente avrà poche calorie ma per il resto? solitamente per rendere un prodotto meno calorico si aggiungono ingredienti chimici (come edulcoranti ) o che comunque non sarebbero presenti nella classica preparazione e, in conseguenza, anche il risultato sarà totalmente diverso. Certo ai nostri occhi sembrerà di mangiare una classica marmellata ma senza avere sensi di colpa (se poi si può parlare di sensi di colpa per una marmellata…) ad ogni modo in realtà stiamo mangiando un prodotto artefatto. Per cui meglio diminuire le dosi, in caso, e mangiare anzi una marmellata di qualità fatta con gli ingredienti giusti ma sopratutto che almeno abbia un sapore buono, di frutta e non di chimico. Inoltre per chi scegliesse la marmellata per soddisfare le proprie voglie di dolce con quella “finta” non otterrà un bel niente! Per cui meglio meno ma meglio.
Per ricordarci gli ingredienti che dovrebbe avere una marmellata buona (che poi per dirla precisamente sarebbe una confetturaextra) sono:
La frutta, che dovrebbe essere il primo di ingredienti e con una percentuale sopra i 60-70%
Lo zucchero, perchè si ci deve essere anche lo zucchero, fattore indispensabile per la conservazione  per questo, soprattutto per le ricette casalinghe, è molto importante non lesinare sullo zucchero. Oltre allo zucchero classico, nelle conserve di frutta può essere usato lo zucchero grezzo o bruno, lo sciroppo di fruttosio o il miele. In alternativa a questi, molto popolare è lo zucchero della frutta come quello di mela e di uva (anche sotto forma di succhi) che però è sempre zucchero, infatti dal punto di vista calorico e nutrizionale non c’è alcuna differenza: quindi se sulle etichette dei prodotti si legge “100% frutta” non significa che lo zucchero non c’è

Invece parlando di burri di frutta secca ormai sul commercio se ne trovano veramente di diversi anche se i classici sono quello di burro di arachidi e di mandorle, e mi raccomando 100% frutta secca e non 90% zuccheri o altre sostanze. Si tratta di un’ottima fonte di grassi che ci permette di ottenere così un piatto bilanciato anche sotto questo aspetto. Inoltre sono veramente buonissimi.

Infine per quanto riguarda il latte quello dipende dalle proprie scelte a tavola e dai propri gusti, io oggi ho optato per del latte di soia (anche se non è tra i miei preferiti preferisco però sempre variare le bevande vegetali per trarne i vari benefici da ciascuna) 

  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMolto economico
  • Porzioni1
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 2 fettepane fresco
  • 2 cucchiaiMarmellata di prugne (fatta in casa )
  • 1 cucchiaioBurro di arachidi
  • 200 gLatte di soia
  • 3 cucchiaicaffe solubile di orzo

Strumenti

  • Pentola piccola
  • Griglia o padella antiaderente

Preparazione

  1. La preparazione è veramente semplicissima: mettere a scaldare in un pentolino dell’acqua, che ci servirà per preparare il caffè (a meno che voi non utilizzate quello della moka, in tal caso iniziate preparando quello) e in un altro il latte di soia.

  2. Nel frattempo tagliare qualche fetta di pane fresco e farla scaldare su una griglia o su un padellino antiaderente finche non farà la crosticina.

  3. Una volta che l’acqua bolle preparare il caffè e, se avete lo strumento per fare la schiuma con il latte preparare anche quella. Aggiungere poi al caffè il latte e la schiuma. Il caffè latte/ cappuccino sarà cosi pronto

  4. Quando il pane avrà dorato spalmarci sopra del burro di frutta secca (arachidi in questo caso) e la marmellata e la vostra colazione sarà cosi pronta in pochissimi minuti

Come potete vedere anche in questo caso si tratta di una colazione facile, veloce ma allo stesso tempo sana e gustosa.

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.