La “Genovese” piatto cult Napoletano

La “Genovese” piatto cult Napoletano.
Si chiama Genovese ma non lo è.
Nel Seicento, a Napoli, vivevano e lavoravano moltissimi osti genovesi che cucinavano la carne in questo modo riuscendo a ricavare il sugo per la pasta e pure la carne da mangiare a parte, che, cuocendo tanto tempo era una meraviglia, tenera tenera.
Per me che sono una siciliana da generazioni, mi pare strano chiamare questa pietanza così, perchè in realtà già mia nonna che era di Panarea la preparava, e dopo di lei io la proposi a mia figlia, “che odia” le cipolle. Durante una passeggiata in barca in Calabria le feci credere che l’avevamo comprata proprio lì e da allora per noi si chiamò la “carne di Calabria”. Il mare le aveva fatto venire tanto appetito che manco ci fece caso alle cipolle. Ora vi darò le indicazioni per la scelta del taglio della carne.
la parte giusta è la punta dello scamone; ma vanno anche bene lo scamone intero e il lacerto che sarebbe il girello.

Per vedere tutte le ricette dei primi piatti cliccate qui

La Genovese fatta da una Siciliana D.O.C.
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • Tempo di cottura3 Ore 30 Minuti
  • Porzioni6
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 1000 gvitellone (lacerto )
  • 2 kgcipolle ramate
  • 150 mlvino bianco
  • 300 glatte
  • 200 gacqua (tiepida)
  • 100 gsedano (coste)
  • 200 gcarote
  • q.b.sale
  • q.b.pepe
  • 60 golio extravergine d’oliva (circa)
  • 400 gpenne rigate

Strumenti

  • Tagliere
  • Coltello
  • Pentola grande e larga
  • Scolapasta
  • Pentola per pasta

Preparazione: La “Genovese” piatto cult Napoletano.

  1. Tagliuzzare finemente, carote, sedano, odori,

    Affettare le cipolle molto sottili,

    Mettere tutto in una casseruola con , olio, sale e pepe.

  2. pentola

    Coprire e far cuocere a fuoco bassissimo, mescolando di tanto intanto, per circa 30 minuti.

    Quindi unire la carne tagliate a pezzi. Coprite.

  3. Dopo circa un’ora e mezza, bisogna scoperchiare la pentola e alzare il fuoco per far rosolare la carne.

    Dopodiché, versare il vino a più riprese e farlo evaporare.

  4. latte

    Allungare di tanto in tanto il latte con un po’ di acqua in modo che la carne sia cotta e il trito sia diventato una crema.

    Passerà circa un’altra oretta, quindi aggiustate di sale e di pepe.

  5. La salsa deve essere marroncino chiaro.

    Poi non vi resta che cucinare la pasta, io ho preferito le penne rigate, e tenere la carne da parte, da mangiare dopo.

  6. La Genovese fatta da una Siciliana D.O.C.

    A vostro piacimento, si può aggiungere il parmigiano al momento di servire.

    Ecco La “Genovese” piatto cult Napoletano.

conservazione

La “Genovese” piatto cult Napoletano.

La carne la potete conservare in frigo fino a 3 giorni e in freezer fino a 3 mesi.

4,3 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento