Taralli pugliesi

Taralli pugliesi

Era da tanto tempo che volevo provare a preparare i taralli pugliesi e ho colto l’occasione chiedendo alla mia amica pugliese Francesca del blog Un caffè in cucina

Lei è stata davvero gentilissima e mi ha dato la ricetta collaudata della sua mamma.

Ci ho messo davvero pochissimo a prepararli e il risultato è stato ottimo, questi taralli sono buonissimi, uno tira l’altro.

Sono perfetti per un aperitivo, da portare al lavoro e a scuola per una pausa e in ogni altro momento della giornata, quando si ha voglia di qualcosa di sfizioso salato.

Vi consiglio di provarli, vi innamorerete !

La ricetta originale prevede che l’impasto venga fatto a mano ma io per praticità e abitudine ho usato la planetaria.

L’olio extra vergine utilizzato è quello del frantoio del mio paese L’olivaio ottimo per ogni preparazione.

Taralli pugliesi
  • Difficoltà:
    Bassa
  • Preparazione:
    30 minuti
  • Cottura:
    30 minuti
  • Costo:
    Basso

Ingredienti

  • Farina 0 350 g
  • Semola di grano duro rimacinata 150 g
  • Sale 1 cucchiaino
  • Vino bianco 200 ml
  • Olio extravergine d’oliva 125 g
  • Semi di finocchio 1 cucchiaio

Preparazione

  1. Versare nella planetaria la farina, la semola, i semi di finocchio, il sale, il vino tiepido e l’olio extra vergine di oliva.

    Impastare a velocità media fino ad ottenere un impasto morbido e liscio.

    Con l’impasto ricavare tanti rotolini e dopo averli tagliati a pezzetti formare i taralli arrotolandoli su un dito e unendo le estremità.

    Le dimensioni dei taralli dipenderanno dai vostri gusti personali, io li ho fatti molto piccoli.

    Mettere a bollire una pentola con sola acqua.

    Gettare i taralli e aspettare che risalgano a galla.

    Scolare con un mestolo forato, adagiandoli su un canovaccio appoggiato su uno scolapasta.

    Posizionare i taralli lessati su una teglia foderata di carta forno.

    Cuocere in forno preriscaldato ventilato a 180° per c/a 20 minuti e comunque fino quando saranno ben asciutti e dorati.

    Lasciare raffreddare.

    Conservare in un contenitore ermetico.

Note

Trovi i miei salati qui

Vi aspetto anche sulla mia pagina fb

(Visited 639 times, 1 visits today)
Precedente Torta di farro e cacao con pere Successivo Zuppa di ceci e patate

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.