Dieta a zone: ecco come dimagrire in punti specifici

E’ possibile dimagrire in punti specifici del proprio corpo con la dieta a zone? Ecco alcuni consigli utili.

Che tu sia un atleta o un amante della vita fitness e basta, poco importa, sicuramente avrà sentito da qualche parte la famosa dieta a zone.

Chiunque l’abbia provata ammette l’efficacia della dieta in questione. Per coloro i quali, invece, non ne hanno mai sentito parlare è bene sapere che la dieta a zone, creata dal dottor Barry Sears, stimola la produzione degli eicosanoidi, ormoni buoni che migliorano le funzioni dell’organismo.

Problemi di salute come infiammazioni, malattie croniche, ma anche per rallentare il processo d’invecchiamento della pelle, la dieta a zone si afferma per la sua utilità. E’ possibile infatti perdere piccole quantità di grasso in punti del proprio corpo critici, come: pancia e glutei.

Qualche consiglio sulla dieta a zone

Il trucco sta proprio nella costituzione alimentare di ogni giornata, caratterizzata da 40% carboidrati, per il 30% proteine e per il 30% grassi. Dunque, ecco come tenere a bassi livelli l’assunzione di carboidrati gioverebbe alla perdita localizzata di grasso. Maggior energia e una miglior memoria seguiranno di conseguenza.

Nella dieta a zone per le donne sono previste 1100 -1200 kcal al giorno, mentre per gli uomini 1500-1700 kcal, distribuite in 3 pasti giornalieri. Inoltre bere un bicchiere d’acqua ogni 15 minuti è punto essenziale.

Gli alimenti da evitare seguendo la dieta a zone sono i seguenti: zucchero in tutte le sue forme, frutta come banane, uva, fichi e prugne e verdure come patate, carote, mais e piselli.

Due squisiti alimenti consigliati per questa dieta sono il Salmone alla griglia fit con sesamo e la Macedonia fit per ogni spuntino.

Ecco un esempio di alimentazione nella giornata tipo di un individuo che adopera la dieta a zone:

Colazione latte parzialmente scremato, gallette di riso, caffè
Spuntino yogurt magro, shaker proteico (se ce l’avete)
Pranzo pasta al tonno, insalata mista con olio extravergine di oliva, pistacchi e noci
Spuntino frutta secca o fesa di tacchino
Cena petto di tacchino, zucchine, olio extravergine di oliva

Per chi pratica palestra, alla dieta a zone potrà benissimo unire un allenamento ad alta intensità sui muscoli posti nelle zone nelle quali si vorrà perdere grasso. E’ stato scientificamente provato che ciò accelera la perdita localizzata di adipe.

loading...
Precedente Risotto agli agrumi: come realizzarlo in modo semplice Successivo Torta con porri e brie: il dolce salato dal successo garantito