Sei in carenza di Vitamine? Ecco come scoprirlo. 4 segnali del corpo

Il nostro corpo è davvero magnifico. Pensate che può darci dei segnali chiari per comunicarci diversi problemi e mancanze. Oggi vedremo come il corpo reagisce alla carenza di vitamine. Ecco a 4 importanti segnali da non sottovalutare, pelle, capelli e umore ci aiutano.

Ecco le informazioni che ti aiuteranno a mantenere i livelli di vitamine alti nel corpo.

1. Capelli e cuoio capelluto

I capelli sono un indicatore importantissimo per la mancanza di vitamine dell’organismo. Se i tuoi capelli si stanno ingrigendo un po’ troppo presto e siete ancora giovani, indicativamente 20 anni, potrebbe trattarsi di una carenza di rame. Invece, se notate che i capelli sono fragili potrebbe essere un segno di anemia causata da una mancanza di ferro. I capelli fragili possono essere dovuti anche a bassi livelli delle vitamine B, (folato). Se invece avete prurito o desquamazione sul cuoio capelluto potrebbe trattarsi della carenza di alcune vitamine chiave, come A e C, o di acidi grassi. Allora come attingere in natura a questo tipo di vitamine?

  • Fonti di rame: vongole in scatola, ostriche, funghi.
  • Fonti di ferro: manzo, legumi come ceci, lenticchie e fagioli, spinaci.
  • Fonti di acidi grassi: pesce grasso, noci, lino.

In alternative si possono utilizzare integratori alimentari, che potete comprare in sconto dal nostro partner: https://www.nozamalab.com/2018/07/11/integratori-per-lestate-quale-scegliere/

2. Cavo orale: infiammazioni?

Se avete infiammazioni del cavo orale, potrebbero essere un segno di bassi livelli di vitamina B12. Bene, allora vediamo la soluzione:

  • Fonti di vitamina B12: alimenti di origine animale come carne rossa magra, pollo, uova o alimenti arricchiti come latte di soia, cereali e lievito.

3. Senso di stanchezza

La stanchezza può essere causata da una serie di variabili alle quali il nostro corpo è soggetto. Non solo ci sentiamo stanchi se dormiamo poco o male, ma la grossa stanchezza può essere dovuta anche a bassi livelli di potassio.

La stanchezza può dipendere anche dalla carenza di vitamina D. Infine, se la stanchezza è accompagnata dalla perdita di appetito, da nausea, vomito e debolezza, potrebbe essere dovuta ad una carenza di magnesio.

Ecco alcune fonti naturali di queste vitamine.

  • Fonti di potassio: banane, cereali integrali, latte, verdure, fagioli, piselli.
  • Fonti di vitamina D: latticini arricchiti sotto forma di yogurt o latte, alcuni tipi di pesce come le sardine.
  • Fonti di magnesio: mandorle, anacardi, noccioline, spinaci, fagioli neri, fagioli di soia.

4. Brufoli rossi sulla pelle

Se vi ritrovate ad avere piccoli brufoli rossi sulla parte posteriore delle braccia, potrebbe trattarsi di cheratosi pilare.

È una condizione che potrebbe indicare che non state assumendo a sufficienza nutrienti chiave, come lo zinco e la vitamina A. Secondo i CDC, circa il 17,3% della popolazione mondiale è a rischio di una carenza di zinco, mentre 1 bambino su 3 in età pre-scolare e 1 donna incinta su 6 ha una carenza di vitamina A.

  • Fonti di vitamina A: patate dolci, melone.
  • Fonti di zinco: pollo, humus, semi di zucca.

Speriamo di essere stati utili. Fateci sapere nei commenti se avete domande di qualsiasi tipo.

loading...
Precedente Crostata al KIWI: ingredienti e preparazione. Un tocco di freschezza Successivo Torta rustica senza uova: con zucchine prosciutto e mozzarella