Asparagi bianchi di Fiumicello

Questi asparagi bianchi provengono dal paese di Fiumicello, comune italiano in provincia di Gorizia in Friuli Venezia Giulia.

  • Con un bel mazzo di asparagi
  • 2 uova sode
  • Sale epepe
  • olio evo qb.

Si pela il tronco degli asparagi  fino  alla  parte tenera si cuociono nella asparagera nell’acqua  e sale lasciando fuori la testa per circa una ventina di minuti si colano , si adagiano con attenzione su un piatto e si aggiungono le uova sode e si condiscono.

 

 

Precedente Torta di riso Successivo Torta di carote con mandorle zenzero e albicocche secche

6 commenti su “Asparagi bianchi di Fiumicello

  1. Che buoni Laura!
    Ottima materia prima e semplicità nella preparazione fanno di questo piatto un piatto eccellente.
    Un abbraccio e un affettuoso saluto Elena

  2. ricetteealtro il said:

    Si molto semplice . Sei sempre molto cara Elena ti abbraccio anchio.

  3. Adriana il said:

    Ciao Laura, ti ho conosciuta per caso leggendo il blog di Giulia “in cucina per caso”, mentre cercavo la ricetta delle favette triestine.
    La mamma era friulana, proprio di Fiumicello, e io ho dei bellissimi ricordi delle mie vacanze di scuola passate proprio a Fiumicello dalla zia, tanti,tanti anni fa.
    Mi è venuta un po’ di nostalgia di quei giorni, leggendo questo tuo post, ma chi ha dei bei ricordi ha avuto anche una bella vita.
    Sai che non sapevo che a Fiumicello si coltivassero gli asparagi bianchi? Io sono di Vicenza, quindi conosco molto bene quelli di Bassano, dove abita Giulia, di quelli di Fiumicello non avevo però mai sentito parlare.
    Vorrei dirti come li mangio io gli asparagi: invece di mangiare le uova come mostri tu nella foto. io con le uova sode faccio una salsetta, macinandole molto sottilmente e condendole con olio,sale ,pepe(aceto se piace)e caso mai allungandola con un po’ di acqua di cottura degli asparagi se fosse troppo densa.
    Provala, sentirai che è proprio buona.
    Ti ringrazio per avermi fatto tornare in mente cose piacevoli e scusami per essermi dilungata tanto
    Un abbraccio Adriana
    PS: ho fatto le favette, buonissime!

  4. ricetteealtro il said:

    Cara Adriana, è un piacere sapere che con le cose che scrivo nel mio blog vengono a mente dei bei ricordi.
    Devo assolutamente provare anche questa tua salsetta . Ti ringrazio del tuo commento e di aver provato le mie favette!
    Metterò presto nel blog anche le favette che ho fatto da poco che sono molto più semplici e un po’ nuove se ti fa piacere ti avviso quando le posto con un E-MAIL
    Un caro saluto Laura

  5. Adriana il said:

    Grazie Laura, appena puoi mandami la nuova ricetta, per ora continuerò a fare le “vecchie”, dato che ho trovato tutti gli ingredienti. Se dovessi accontentare quelli che le hanno assaggiate(migliori di quelle che si comprano, hanno detto!), dovrei produrne come una pasticceria.
    Ciao e un abbraccio Adriana

  6. ricetteealtro il said:

    Succede anche a me, non riesco mai accontentare tutti. Ormai in questo periodo le faccio a chili, ma non tutte in un giorno se no di notte mi sogno che faccio palline
    Ciao spero di rivedere ancora in qualche ricetta un tuo bel commento
    Laura

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.