Spaghetti cacio e pepe

A Roma, si sa, la pasta è una religione.La cucina romana è incentrata sui primi, precisamente sui primi poveri: carbonara, amatriciana, gricia e cacio e pepe. Ma nessuno di questi incarna la vera essenza romana come fa la cacio e pepe. Pasta, pepe e pecorino. Nulla di più semplice, anche se farla buona riesce a pochissimi.

La cacio e pepe a Roma è un’istituzione, è come il Colosseo, Lungotevere, una poesia di Trilussa.

La storia di questo piatto simbolo della romanità nasce tra i pascoli durante la transumanza. All’epoca i pastori dell’agro romano facevano lunghi spostamenti del gregge, durante il viaggio riempivano la bisaccia di alimenti calorici e a lunga conservazione. Nelle bisacce c’erano immancabili i pomodori secchi e il guanciale, in mezzo però trovavano spazio anche il pecorino, il pepe nero in grani e gli spaghetti essiccati preparati a mano con acqua, sale e farina.

  • Preparazione: 5 Minuti
  • Cottura: 11 Minuti
  • Difficoltà: Medio
  • Porzioni: 2 Persone
  • Costo: Basso

Ingredienti

  • Spaghetti Quadrati 160 g
  • Pecorino romano 50 g
  • Acqua di cottura q.b.
  • Pepe nero q.b.

Preparazione

  1. Come prima cosa per preparare gli spaghetti cacio e pepe mettiamo a bollire metà dell’acqua che useremmo di norma per cuocere la pasta. Questo perché ci seve una pasta ricca di amido  Solo quando l’acqua bolle possiamo salare e mettere la pasta.

    Nel frattempo maciniamo il pepe (ho scritto quanto basta perché dipende dai gusti), metà del pepe lo mettiamo in una padella e lo facciamo rosolare un minuto a fiamma bassa per non bruciarlo. A questo punto aggiungiamo un mestolo di acqua calda, aggiungiamo gli spaghetti al dente che terminano la loro cottura nella padella. Alterniamo il mischiare la pasta (meglio se con una pinza o forchette per spaghetti per far prendere un po’ d’aria) con il creare la crema di pecorino. Per creare la crema mettiamo in una ciotola due mestoli di acqua di cottura con il pecorino grattugiato. Versiamo a questo punto la crema nella padella, mescoliamo energicamente per un minuto e spegniamo la fiamma. Se si dovesse asciugare la crema si può aggiungere un pochino di acqua di cottura a fiamma spenta.

    Buon appetito e gustatevi questi fantastici spaghetti cacio e pepe.

    Pronti? E allora allacciate il grembiule e buona ricetta !!

Note

(Visited 233 times, 1 visits today)
Senza categoria
Precedente Risotto allo zafferano con crema di philadelphia Successivo Crostata con fragole e crema pasticcera

Lascia un commento