Le costolette di agnello fritte sono un secondo piatto ricercato, tipico del pranzo di Pasqua e utilizzato per le occasioni speciali. Vengono realizzate con una panatura croccante di uova e pangrattato, e poi fritte nell’olio bollente. Croccanti fuori e morbide dentro, le costolette saranno più che apprezzate dagli ospiti. Queste costolette di agnello fritte sono un piatto prelibato e succulento, nella mia zona (al confine tra l’Abruzzo e le Marche) nel pranzo di Pasqua vengono servite a tavola insieme ad altra frittura: con olive all’ascolana e cremini.

Costolette di agnello fritte
  • Difficoltà:
    Bassa
  • Preparazione:
    10 minuti
  • Cottura:
    20 minuti
  • Porzioni:
    4 persone
  • Costo:
    Medio

Ingredienti

  • 12 Costolette di agnello
  • 2 Uova
  • q.b. Pangrattato
  • q.b. Sale
  • Olio (per friggere)

Preparazione

  1. Con l’aiuto del batticarne appiattire le costolette di agnello, dopodiché con delle forbici praticare dei taglietti sui bordi, in modo tale che in cottura non si arricciano. Salare le costolette da entrambe i lati.

  2. In una ciotola sbattere le uova con un pizzico di sale. In un piatto versare il pangrattato (a piacere si potrà aromatizzare con rosmarino o timo).

  3. Passare, una alla volta, le costolette nell’uovo sbattuto e poi nel pangrattato; per una panatura più consistente si consiglia di ripetere l’operazione due volte, quindi un’altra volta nelle uova e poi nel pangrattato.

  4. Friggere le costolette di agnello in abbondante olio bollente, girandole da entrambi i lati, fino a quando risulteranno dorate. Scolarle su carta assorbente e servire calde con degli spicchi di limone. Buon appetito!

  5. Costolette di agnello fritte

    Seguimi anche su Facebook per scoprire le nuove ricette. E per vedere le video ricette iscriviti al canale YouTube!

    Per ricevere gratis ogni settimana le nuove ricette direttamente sulla tua email, iscriviti (gratuitamente) alla Newsletter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.