Crema diplomatica ricetta come in pasticceria

Crema diplomatica, composta da crema pasticcera e panna montata alla vaniglia, o nota come crema chantilly all’italiana, erroneamente chiamata semplicemente crema chantilly. La confusione viene dal fatto che la crema diplomatica è composta in parte da crema pasticcera e in parte da crema chantilly, di solito due parti di crema pasticcera e una di crema chantilly. La crema pasticcera è preparata con uova, zucchero amido e latte, aromatizzata alla vaniglia, e la crema chantilly altro non è che panna montata aromatizzata alla vaniglia. Proprio il gusto intenso alla vaniglia fa si che questa sia una delle mie creme preferite, e infatti la vedrete spesso a farcire i miei dolci, non solo torte alla frutta, ma anche rotoli, come il tronchetto all’ananas e quant’altro ci sia da farcire, un classico la torta diplomatica o la torta mimosa.

Se vuoi ricevere le  mie ricette seguimi anche sui social, sulla pagina FACEBOOKPinterest  Telegram e Instagram,  ti ricordo che puoi lasciare un commento, qui o anche sui social, e se provi una mia ricetta inviami anche il tuo scatto, mi trovi anche su YouTube: Ornella Scofano Ricette che Passione.
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di cottura5 Minuti
  • Porzioni4 porzioni
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 2tuorli (o 1 uovo intero)
  • 400 gLatte
  • 2 cucchiaiZucchero
  • 1 cucchiaioFrumina (abbondante)
  • 250 gPanna (da montare)
  • 1/2 cucchiainoestratto di vaniglia

Preparazione crema diplomatica

  1. crema diplomatica ricetta perfetta

    Preparo prima di tutto la crema pasticcera, intanto vi ricordo che la panna per essere montata alla perfezione, deve essere ben fredda di frigo.

  2. In un pentolino dal fondo spesso mettiamo i tuorli, lo zucchero e la frumina, io la preferisco alla farina, lascia la crema più liscia e più buona, aggiungo anche il latte poco per volta e giro con un mestolo di legno, stando attenta all’inizio a non far formare grumi.

  3. Facciamo attenzione all’aroma alla vaniglia che usiamo, se usiamo i semi di bacca di vaniglia per aromatizzare la panna, possiamo usare la stecca di vaniglia per profumare la crema, basterà metterne un pezzo nella crema in cottura, e lo possiamo togliere quando la crema si addensa, oppure possiamo bollire il latte con la stecca di vaniglia e usiamo il latte caldo nelle uova con lo zucchero e la farina, ma portiamo sempre a cottura sul fuoco, dopo avere mescolato gli ingredienti, perchè la crema deve arrivare a bollore per cuocere.

  4. crema diplomatica o crema chantilly all'italiana

    Possiamo usare anche una bustina di vanillina, da aggiungere con la frumina, o dell’aroma alla vaniglia da aggiungere solo a fine cottura.

  5. Cotta la crema pasticcera, la lasciamo raffreddare, meglio in una ciotola di ceramica spessa, che assorbe il calore, e la copriamo con un foglio di plastica trasparente a contatto con la crema, così evitiamo il formarsi di quella fastidiosa pellicola sulla superficie.

  6. Quando la crema sarà raffreddata andremo a montare la panna, la ricetta originale prevede panna fresca da montare con zucchero a velo e semi di vaniglia, ma io preferisco la panna da montare che monta meglio, aromatizzata o con semi di vaniglia o mezzo cucchiaino di estratto alla vaniglia, più facile da tenere in dispensa sempre pronto all’uso.

  7. Basterà unire le due creme per ottenere la crema diplomatica, basta aggiungere la panna poca per volta alla crema e incorporarla con movimenti ripetuti dal basso verso l’alto per non smontarla, se non ci serve proprio stabile al 100% possiamo anche usare le fruste elettriche. Usiamo la nostra crema come più ci piace, con queste dosi possiamo farcire due strati abbondanti di una torta da 18-22 cm di diametro.

  8. Consiglio: Potete variare le proporzioni dell’una e dell’altra crema per avvicinarli di più ai vostri gusti, in pasticceria è bene avere le basi ma è anche bene poi decidere un po’ a proprio gusto. Io a volte aggiungo anche altre componenti, come amarene e sciroppo di amarene, cioccolato bianco da sciogliere nella crema pasticcera, o crema di pistacchio per avere una crema diplomatica dal gusto sempre diverso, anche se la classica è alla vaniglia.

Note

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.