Marmellata di prugne con zenzero

marmellata_prugne_zenzero_okLa marmellata di prugne con zenzero è la maniera per conservare questo frutto di stagione per tutto l’anno, così da averne a disposizione ogni giorno per una salutare colazione spalmandone un po’ su una fetta biscottata, o come perfetta farcitura di crostate.

Sonia di GialloZafferano consiglia di usarla anche come accompagnamento su formaggi dolci o carni bianche. Io non ci ho ancora provato perché l’ho appena scoperta e non ho avuto il tempo.

Adoro lo zenzero e non perdo occasione di usarlo in tutte le combinazioni possibili. Con le prugne è un accostamento azzeccato che non conoscevo e perciò una bella scoperta. Consiglio a tutti di provare al più presto la marmellata di prugne con zenzero.

Potete usare qualsiasi varietà di prugne, vanno bene sia quelle gialle che quelle viola di ogni dimensione. Io ne ho già provate due varietà e penso che continuerò visto il successo.

Ho usato una quantità di zucchero di canna minore rispetto a quella consigliata, il limone, senza pectina e non ho passato o frullato la marmellata ottenuta, lasciandola al naturale. Non amo i sapori troppo dolci ma poi occorre fare attenzione: una volta aperto il barattolo purtroppo non si conserva a lungo neanche tenendola sempre in frigorifero.

Ingredienti per tre vasetti:

1200 g di prugne

250 g di zucchero di canna

succo di mezzo limone

2 cm circa di radice fresca di zenzero

Preparazione:

lavare le prugne, tagliarle in quattro eliminando i noccioli.

Mettere in una pentola di acciaio dai bordi alti insieme al succo di limone, lo zucchero e lo zenzero grattugiato.

Cucinare a fuoco dolce girando spesso fino a quando le prugne si saranno spappolate ed avranno raggiunto la consistenza desiderata.

A questo punto inserire in barattoli sterilizzati e caldi, chiudere e capovolgere.

Lasciare raffreddare prima di riporre in dispensa al riparo dalla luce diretta del sole.

 

 

Pubblicato da Raffa

Le ricette sono come la vita che scorre e si trasforma. Prendono vita nell'istante in cui le prepari: mai uguali, basta variare semplicemente il sale o le quantità, seguendo l'istinto del momento... Insomma un mondo affascinante e ricco di scoperte continue...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.