Liquore di mirto

[banner size=”468X60″]
Liquore di MirtoIl liquore di mirto lo faccio da tre anni, da quando il cespuglio che abbiamo piantato nel giardino ha prodotto le sue prime bacche. Ho iniziato a prepararlo il 27 novembre. Abbiamo raccolto le bacche mature al punto giusto, l’ho assaggiate un paio di volte prima di decretare che era arrivato il momento. Quest’anno ho trovato una nuova ricetta per il liquore su una rivista e ne ho tenuto conto, anche se, come faccio quasi sempre ormai, non l’ho seguita alla lettera ma l’ho adattata ascoltando anche il mio istinto. Le bacche sono pronte quando sono abbastanza dolci e non più asprigne. La nuova ricetta prevedeva anche l’utilizzo delle foglie che si impiegano per aromatizzare i cibi. I testi della ricetta riportata nella rivista sono quelli del volume “Liquori salutari. La storia e l’arte di una creazione.” Di Renato Vicario. Il liquore ottenuto dal mirto è il tipico amaro di Sardegna, così viene definito, anche se in realtà è piuttosto dolce e molto gradevole. Le bacche per 1 l di alcool avrebbero dovuto essere 500 g, io invece ne avevo solo 190 g, ma nella ricetta degli anni precedenti ne servivano 200-250 g. Ecco cosa ho fatto io…

Ingredienti:

  • 700 ml di alcool,
  • 190 g di bacche di mirto,
  • 20-30 foglie di mirto,
  • 700 ml di acqua,
  • 300 g di zucchero.

Preparazione: dopo aver lavato e messo ad asciugare separatamente bacche e foglie di mirto, mettetele in un recipiente, coprite con l’alcool, chiudete il coperchio non ermeticamente e lasciate riposare per circa 20 giorni mescolando ogni tanto.

Trascorso il tempo preparate lo sciroppo con l’acqua e lo zucchero fino a farlo quasi bollire. Poi fate raffreddare a temperatura ambiente e nel frattempo passate le bacche, le foglie e tutto l’alcool con il passaverdura e poi ripassatele ancora con un telo fitto. Aggiungete lo sciroppo, mescolate bene e mettete in bottiglie chiuse. Servite il liquore di mirto freddo.

[banner]

Pubblicato da Raffa

Le ricette sono come la vita che scorre e si trasforma. Prendono vita nell'istante in cui le prepari: mai uguali, basta variare semplicemente il sale o le quantità, seguendo l'istinto del momento... Insomma un mondo affascinante e ricco di scoperte continue...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.