Fave in porchetta… reduce da herbaria!

Fave in porchetta - finocchio selvaticoLe fave in porchetta sono un piatto tipico delle Marche, che io preparo con la ricetta di mia madre, nel mese di maggio, con aglio e finocchio selvatico.

L’ho già cucinate più volte in questa stagione che ci ha donato  finocchio selvatico in abbondanza (veramente nel mio “erbario” è un po’ miserino, ma da mia madre è veramente rigoglioso!).

Le fave gentilmente fornite, ormai avrete capito da chi, (sempre dall’orto di mia mamma), dopo averle assaporate fresche con il pecorino le ho sgranate, lavate e… sotto trovate la ricetta.

Fave in porchetta

Ma prima vi volevo brevemente raccontare della mia esperienza alla manifestazione herbaria che si svolge dal 2005 all’Abbadia di Fiastra (MC).

Per me è diventato un appuntamento a cui non riesco a rinunciare. Mi reco li alla mattina e mi immergo in un rigenerante bagno, cercando di lasciarmi portare dall’istinto e mi creo un piccolo bagaglio di riserve da utilizzare tutto l’anno.

Questa edizione ho assistito alla conferenza “In forma con gusto” con EVELINA FLACHI, nutrizionista e SIMONE RUGIATI, chef, entrambi provenienti dalla RAI, da “La prova del cuoco”.

Mi ha fatto piacere riscontrare che non sono sola nel mio modo di fare e pensare e anche i giovani, lo chef ha appena compiuto 31 anni, sono sensibili al mangiar sano con gusto.

Mi ha subito conquistato con il suo parlar semplice, anche se tendente al logorroico per la voglia di comunicare velocemente la sua “filosofia”. Toscano, simpatico e diretto, ha parlato in pochi minuti dell’olio d’oliva extravergine del il funzionamento dell’abbattitore nei ristoranti, a proposito del pesce cucinato crudo.

Ha consigliato di usare le spezie al posto di troppo sale, per variare gusto ai cibi e renderli così più sani e appetitosi.

Ha raccomandato di fare la spesa con la testa e non con gli occhi, preferendo cibi di stagione.

Infine che si può cucinare in poco tempo e con ingredienti poveri cibi che ci aiutano a stare bene investendo così nella salute, come ribadiva puntualmente la nutrizionista con cui duettava armoniosamente.

Fave in porchetta... reduce da herbaria! - Abbadia di Fiastra

L’Abbazia è già di per se un posto favoloso, cornice ideale per tale manifestazione, immersa in un verde da favola e ricca di storia. Il tema guida di quest’anno era l’equilibrio…

Fave in porchetta - herbaria 2012

Scusate se l’ho fatta troppo lunga, ma avevo voglia di condividere con voi questa mia bella esperienza…

Per rimediare ecco in fretta la ricetta delle fave in porchetta:

Ingredienti:

  • fave sgranate,
  • aglio,
  • finocchio selvatico,
  • olio d’oliva extravergine q.b. o abbreviato, olio e.v.o. (io l’ho scoperto da poco eh! )

Fave in porchetta - campo fave

Preparazione: 

mettete in padella l’olio, uno spicchio d’aglio tagliato a pezzettoni, se è grosso come quello che sto usando io adesso, e il finocchio selvatico tagliato, dopo averlo precedentemente lavato.

Quando soffrigge aggiungete le fave, salate e coprite con un coperchio che chiuda bene.

Controllate spesso se si asciugano troppo ed eventualmente aggiungete un po’ d’acqua.

Quando sono abbastanza morbide all’assaggio, aggiustate eventualmente aggiungendo il sale e portate in tavola.

Fave in porchetta - fave raccolte

Pubblicato da Raffa

Le ricette sono come la vita che scorre e si trasforma. Prendono vita nell'istante in cui le prepari: mai uguali, basta variare semplicemente il sale o le quantità, seguendo l'istinto del momento... Insomma un mondo affascinante e ricco di scoperte continue...

2 Risposte a “Fave in porchetta… reduce da herbaria!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.