Farecchiata o polenta di roveja

La farecchiata o polenta di roveja è un primo piatto della tradizione povera di una bontà inaspettata. Avevo già scoperto l’antico legume conosciuto come pisello selvatico dei Monti Sibillini un anno fa e ci avevo preparato l’ottima Zuppa di roveja, non pensavo però che la farina mi piacesse così tanto! Sicuramente proverò a prepararci altre squisitezze. E pensare che mi preoccupava il tempo di cottura e il fatto che occorre girare quasi continuamente per impedire che si attacchi al fondo. Una fatica ripagata completamente e subito dimenticata.

Farecchiata o polenta di roveja

Il condimento è estremamente semplice ma assolutamente perfetto! Non esagero e vi assicuro credetemi resterete sbalorditi. Olio, aglio e alici sott’olio. Ho provato ad assaggiare la polenta da sola ed ha un sapore amarognolo che si dilegua immediatamente e si trasforma cospargendola con il condimento di alici. Mi raccomando però la Farecchiata o polenta di roveja è da assaporare rigorosamente calda.

Io vi fornisco la ricetta per tre porzioni, dopo aver definito il giusto quantitativo di acqua occorrente per ottenere la giusta densità. Utilizzate un tegame con un fondo spesso o, come ho fatto io inserite uno spargi fiamma per evitare che la polenta si attacchi.

Ringrazio ancora una volta Lucia (mi ha già fornito l’antica tipica ricetta delle penciarelle di Fabriano, quella della bavarese di mascarpone al caffè… e purtroppo mi rendo conto ora che non ho più realizzato il buonissimo Polpo alla croata assaggiato da lei) per avermi fatto dono graditissimo della farina di roveja proveniente da Castelluccio di Norcia, prima che purtroppo venisse colpita dal terremoto. Io ricambio ora Lucia con la ricetta assicurando che la farina si è conservata perfettamente.

Farecchiata o polenta di roveja

Ingredienti per 3 persone:

  • 200 g di farina di roveja
  • 900 ml di acqua
  • sale q.b.
  • 8 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 1 spicchio d’aglio
  • 4 filetti di alici + 3 per decorare

Preparazione: mettete a bollire l’acqua e appena inizia ad alzare il bollore versateci il sale grosso e poi la polenta a pioggia girando con una frusta. Continuare a girare, quasi continuamente la polenta con un cucchiaio di legno a fuoco dolce per circa 20-25 minuti.

Nel frattempo fate dorare nell’olio, in una padella antiaderente l’aglio tagliato a metà, quindi estraetelo e lasciate sciogliere l 4 filetti di alici.

Versate la polenta in tre piatti piani e condite subito con l’olio e le alici, aggiungete un filetto arrotolato al centro di ogni piatto.

Pubblicato da Raffa

Le ricette sono come la vita che scorre e si trasforma. Prendono vita nell'istante in cui le prepari: mai uguali, basta variare semplicemente il sale o le quantità, seguendo l'istinto del momento... Insomma un mondo affascinante e ricco di scoperte continue...

2 Risposte a “Farecchiata o polenta di roveja”

  1. Carissima Raffaella,
    sei sempre troppo buona!!!!
    Proverò a fare la polenta di roveja con il tuo velocissimo condimento, chissà se è possibile cuocerla con la pentola a pressione……proverò poi ti dirò il risultato….
    Un saluto carissimo a tutti,
    un abbraccio a te e grazie per tutte le buonissime ricette!
    lucia

    1. Lucia non credo sia possibile con la pentola a pressione, è proprio come una polenta e si attacca al fondo se non giri con un cucchiaio di legno.
      Ciao e a presto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.