Arista di maiale al forno

Questo è il tipico arrosto delle feste, godurioso al massimo! La spiegazione sembra lunga, ma gli ingredienti sono pochi, sono io che sono precisina e vado nel dettaglio. Ed è da fare assolutamente, ne vale proprio la pena!

Sponsorizzato da blog.giallozafferano.it/ricettariodimariber

  • DifficoltàBassa
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione30 Minuti
  • Porzioni10
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 2 kgArista di maiale
  • 200 gPancetta (tesa)
  • q.b.Trito rosmarino, timo, salvia,
  • 2Carote lavate e tagliate a tocchetti
  • 2Cipollotti mondati e tagliati a tocchetti
  • 2Mele lavate, tagliate in 4 e private del torsolo
  • 1Cuore sedano lavato e tagliato a tocchetti
  • 1Manciata sale grosso
  • q.b.Senape di Digione
  • 8 Prugne secche denocciolate
  • 2 foglieAlloro
  • q.b.Olio evo
  • q.b.Sale e pepe nero macinato al momento
  • q.b.Brodo vegetale
  • 1Lattina di birra da 33 cl

Preparazione

Mettere il trito aromatico e una manciata di sale grosso tra due fogli di carta da cucina e rotolarvi sopra una bottiglia vuota, pressando in modo da rendere più fine il sale grosso; poi prendere la carne e rotolarla sopra il trito con il sale, di modo che vi si attacchi bene. Spalmare l’arista con un poco di senape massaggiandola bene, poi ricoprirla con le fettine sottili di pancetta. Porre delicatamente la lonza nel tegame da forno, e contornarla con le prugne, le mele, il sedano, le carote, i cipollotti tagliati a tocchetti, le due foglie di alloro, un poco di sale, ma poco, una abbondante macinata di pepe nero, versarvi sopra un giro di olio evo, sul fondo del tegame un mestolo di brodo vegetale e infornare a forno caldo a 180/190° facendola rosolare bene sopra e sotto. A questo punto, versarvi la lattina di birra e continuare la cottura in forno, girando ogni tanto la carne, facendo attenzione a non bucarla altrimenti escono tutti i succhi. Quando la temperatura del cuore dell’arista raggiungerà i 65° toglierla dal forno, facendo attenzione non bruciarsi, fasciarla con della carta argentata come se fosse un pacchetto e lasciarla riposare su di un piatto. Nel frattempo, eliminare l’alloro e con il mixer frullare con il frullino ad immersione, versare la salsa ottenuta in una salsiera con il coperchio per farla mantenere calda. Al momento di servire, affettare l’arista, cospargerla con un filo di salsa e portarla in tavola.
  1. Scorcio di un tramonto a Torriglia

/ 5
Grazie per aver votato!
Precedente Crema di limone Successivo Tempi di cottura della carne

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.