Frozen porridge alle mandorle e cioccolato

Il frozen porridge alle mandorle e cioccolato è una zuppa di fiocchi di avena perfetta per una colazione sana e nutriente che ci permette di affrontare al meglio la giornata.

Il porridge viene cotto la sera, decorato con mandorle e cioccolato, poi viene messo in frigorifero per tutta la notte per essere gustato al mattino.

È l’ideale quindi per essere preparato in estate in modo da avere pronta una colazione nutriente e fresca, ma è ugualmente delizioso anche in inverno per una colazione semplice e golosa.

L’ho preparato con una bevanda alla mandorla, yogurt alla mandorla, poco burro di mandorle e sciroppo d’agave come dolcificante in modo che sia una ricetta vegana e adatta a tutti.

Nulla vieta comunque di usare altri ingredienti a piacere in base ai gusti e alla disponibilità.

Il frozen porridge alle mandorle e cioccolato oltre ad essere buonissimo e invitante è un modo perfetto per svegliarsi al mattino con la colazione già pronta.

E che dire della crosticina di cioccolato che si forma in superficie così sfiziosa da rompere con il cucchiaino?

Non credete anche voi che sia una cosa fantastica?

ALTRE RICETTE DI PORRIDGE

frozen porridge alle mandorle e cioccolato
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di riposo4 Ore
  • Tempo di cottura10 Minuti
  • Porzioni1 persona
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaBritannica
  • StagionalitàTutte le stagioni

Ingredienti per il frozen porridge alle mandorle e cioccolato

Per il porridge alle mandorle

40 g fiocchi di avena
200 g bevanda di mandorle
2 cucchiai sciroppo di agave
50 g yogurt (di mandorle o di soia)

Per il topping

30 g cioccolato fondente
15 g mandorle pelate
697,40 Kcal
calorie per porzione
Info Chiudi
  • Energia 697,40 (Kcal)
  • Carboidrati 66,73 (g) di cui Zuccheri 30,34 (g)
  • Proteine 20,02 (g)
  • Grassi 40,04 (g) di cui saturi 11,19 (g)di cui insaturi 6,81 (g)
  • Fibre 12,59 (g)
  • Sodio 347,60 (mg)

Valori indicativi per una porzione di 340 g elaborati in modo automatizzato a partire dalle informazioni nutrizionali disponibili sui database CREA* e FoodData Central**. Non è un consiglio alimentare e/o nutrizionale.

* CREA Centro di ricerca Alimenti e Nutrizione: https://www.crea.gov.it/alimenti-e-nutrizione https://www.alimentinutrizione.it ** U.S. Department of Agriculture, Agricultural Research Service. FoodData Central, 2019. https://fdc.nal.usda.gov

Come preparare il frozen porridge alle mandorle e cioccolato

Mettere la bevanda alla mandorla in un pentolino assieme ai fiocchi d’avena.

Porre sul fornello acceso e portare a ebollizione.

Cuocere pochi minuti giusto il tempo di far assorbire il liquido e raggiungere la consistenza desiderata.

Se il porridge dovesse essere troppo solido aggiungere ancora latte, altrimenti cuocere ancora qualche istante.

Dolcificare con due cucchiai di sciroppo d’agave o comunque secondo i vostri gusti.

Aggiungere lo yogurt di bevanda di mandorla (o di soia) e mescolare bene.

Trasferire il composto in una tazza e lasciare raffreddare.

Tritare grossolanamente le mandorle e farle tostare a fiamma bassa per 5 minuti in una padella antiaderente girandole spesso e facendo attenzione a non farle bruciare.

Distribuirle sulla superficie del porridge.

frozen porridge alle mandorle e cioccolato

Spezzettare il cioccolato fondente e metterlo in un contenitore adatto al forno a microonde.

Farlo sciogliere azionando il forno per 15 secondi alla volta, mescolare con un cucchiaino e azionare nuovamente se necessario.

Versare il cioccolato fuso sulla superficie del porridge e distribuirlo uniformemente creando un sottile strato.

Coprire con della pellicola per alimenti e riporre in frigorifero fino al mattino successivo (o comunque per almeno 3-4 ore).

Servire fresco.

frozen porridge alle mandorle e cioccolato

I consigli di Dany

CONSERVAZIONE

Il frozen porridge alle mandorle e cioccolato si conserva in frigorifero per due o tre giorni.

Possiamo quindi anche prepararne in quantità per avere la colazione pronta per più giorni.

VARIANTI

Al posto dello sciroppo d’agave possiamo mettere un altro dolcificante purché sia liquido come ad esempio lo sciroppo d’acero, il malto di riso o il miele tenendo conto che quest’ultimo non è vegano.

NOTE

In questo contenuto sono presenti uno o più link di affiliazione.

In questo contenuto sono presenti uno o più link di affiliazione.

Per non perdere le prossime ricette seguimi sui social

Mi trovi su Facebook

oppure su Instagram

o ancora su Pinterest

Sul mio canale You Tube invece troverai alcune delle mie ricette sotto forma di video.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.