Pizza fritta napoletana

Pizza fritta napoletana

La pizza fritta (o per alcuni calzone fritto) è un prodotto che viene attribuito alla regione campania.
origini:
Si ricorda durante il secondo dopoguerra a Napoli l’allora tipica pizza verace ( pizza napoletana ) sembrava quasi un lusso gustarla. Così il popolo napoletano si inventò un altro tipo di pizza, per cercare di deviare la profonda crisi che in quel periodo riguardava un pò tutta l’italia, e cioè un tipo di pizza senza pomodoro nonchè mozzarella e il tutto cotto senza la necessità di un forno a legna, e dunque semplicemente fritta. Insomma una pizza molto semplice.
Pizza fritta contemporanea:
Oggi la pizza fritta nella ristorazione campana ma soprattutto nella provincia di Napoli viene prodotta dai commercianti ripiena in molti tipi , di cui si differenzia la farcitura con ricotta e salame.
Si ricordano in questo momento diverse sagre
a Strangolagalli( frosinone ) chiamata sagra della stesa
a cisterna e cortona nella parte della Valtiberina.

preparazione pizza fritta napoletana:
ingredienti:
farina: 500grammi
sale: 10grammi
acqua: 250ml circa
zucchero: 15grammi
lievito di birra: una bustina oppure meglio se si usa il lievito madre : 30 grammi
provola: 150grammi
ricotta: 15grammi
un cucchiaio di parmigiano
salame: 150 grammi
nella tradizione napoletana andrebbero utilizzati anche i cicoli.. ma risultano per nostra esperieza molto grassi.

procedimento pizza fritta:
-per l’impasto in primis prendere una grande ciotola e mettere 200ml di acqua e tenere i restanti 50ml questo perchè l’acqua si fa sempre presto ad aggiungere in un secondo momento per q.b. poi versare il lievito di birra o fresco , versare due cucchiaini di zucchero, poi la farina 500grammi , a questo punto il nostro è pronto per impastare, meglio se si utilizza una piccola impastatrice.
impastato bene aggiungere il sale, nota bene che se si usa il lievito madre prima di versare il sale togliere una parte per riottenere e riutilizzare più avanti il lievito madre, così aggiunto il sale e i restanti i 50ml di acqua messa da parte per sciogliere il sale. così reimpastare ancora per qualche minuto e l impasto è pronto ora dobbiamo solo lasciarlo riposare per un paio di ore e mi raccomando coperto senza spifferi d aria.
condimenti:
Durante l attesa della fermentazione dell’impasto preparare in una ciotola ,il composto per la farcitura della pizza: la ricotta, la provola a cubetti, il salame a pezzetti piccoli e mescolare bene.
Bene a questo punto appena lìimpasto è bene lievitato si può cominciare a lavorarlo:
Dall’impasto togliere un 150grammie stendere o con mattarello o con le mani fino ad ottenere una forma circolare poi prendere il composto per il ripieno e versarlo sulla pasta circolare, così si prende la pasta da un’estremità e portarla nell altra estremità per chiudere il composto farcito.Bene ora ripetere l’operazione per il restante impasto che rimane.
cottura della pizza fritta:versare in una pentola alta dell’olio di semi .. calcolando che deve coprire almeno a metà la pizza fritta.
pizza  fritta napoletana<
appena l’olio arriva a temperatuta immergere nell olio la pizza fritta , o uno alla volta o quante ce ne entrano sulla superficie ma da non riempire troppo la pentola altrimenti potrebbe esserci uno sbalzo di temperatura che causa una cottura non delle migliori eprchè una cottura troppo lunga può impregnare troppo le nostre pizze fritte.
Il tempo di cottura è indicativo di qualche minuto,Durante la cottura girare la pizza più volte, e quando la parte esterna della pizza fritta è ben abbrustolita è cotta. Così deporre le nostre pizze su carta da cucina per limitare il più possibile l olio in eccesso.
A questo punto la pizza fritta è prontissima da servire.
Per continuare le ricerche sulle migliori ricette vi consiglio il vickyart
Se ti è sembrato esaustivo questo mio articolo, mi puoi seguire e conoscere meglio su Facebook

Precedente Pizza digeribile a lunga conservazione Successivo come fare la pizza porchetta ripiena

3 commenti su “Pizza fritta napoletana

I commenti sono chiusi.