Crea sito

Orzotto con carciofi e patate

Orzotto con carciofi e patate, un piatto invernale profumatissimo e gustoso, nutriente, da gustare caldo caldo. Una ricetta semplice che grazie all’utilizzo della pentola a pressione si velocizza non poco. Senza latticini né altri derivati animali, è un primo piatto perfetto per chi vuole mangiare leggero senza rinunciare al sapore. In questa ricetta ho usato solo i gambi dei carciofi, che sono saporiti tanto quanto i “fiori” che in questo caso io avevo usato per fare un’altra ricetta. L’orzo è venuto saporitissimo, uno spettacolo! Ma ovviamente per questo piatto di orzo puoi usare il carciofo tutto intero! Vediamo come si prepara. Se non hai la pentola a pressione, ti dico come fare senza, non preoccuparti!

orzotto con carciofi e patate
  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di cottura20 Minuti
  • Porzioni6
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti dell’Orzotto con carciofi e patate

  • 200 gOrzo perlato
  • 6Carciofi (solo i gambi)
  • 1/4Cipolle dorate
  • 500 mlBrodo vegetale (circa)
  • 1Patate (circa 150 g)
  • q.b.Olio extravergine d’oliva
  • q.b.Sale, Pepe nero

Strumenti

  • 1 Pentola a pressione
  • 1 Padella
  • 1 Pentola
  • 1 Tagliere

Preparazione dell’Orzotto con carciofi e patate

  1. L’orzo perlato è un cereale bello da vedere, tondeggiante e chiarissimo, sano e anche facile da preparare: una base perfetta per primi piatti sia freddi sia caldi, per minestre, zuppe o per un primo piatto come questo, un orzotto, chiamato così perché si cuoce come un risotto e ne ricorda la consistenza.

  2. L’unico problema di solito sono i tempi di cottura, ed è per questo che ogni volta che cucino l’orzo mi armo di pentola a pressione per dimezzarli. Di solito, infatti, l’orzo perlato impiega circa 40 minuti a cuocere, immerso in acqua salata. In pentola a pressione ne bastano 15.

    Per l’orzotto con carciofi e patate ce ne vorranno 20, perché ho completato la cottura in padella per farlo risottato. Ma facciamo un passo alla volta.

  3. Dopo aver sciacquato l’orzo perlato sotto il getto dell’acqua corrente, l’ho messo con acqua a coprirlo per bene, senza aggiungere sale, nella pentola a pressione: al fischio della valvola ho fatto cuocere per 10 minuti.

  4. Nel frattempo ho pulito e tagliato i gambi dei carciofi: ho eliminato la parte più dura, quella verde più scuro e filamentosa, aiutandomi con un coltello, letteralmente “sbucciando” il gambo. Quando sono arrivata al cuore morbido e verde chiaro ho eliminato i fili (se sono molti ci si può aiutare con un pelapatate) e l’ho affettato a rondelle.

  5. Ho messo sul fuoco anche un pentolino con il brodo vegetale (la ricetta cliccando qui) che mi servirà per completare la cottura dell’orzotto.

  6. Se hai deciso di usare tutto il carciofo per questo orzotto, leggi cliccando qui come si puliscono i carciofi.

  7. Ho anche sbucciato e tagliato a cubetti la patata, poi ho tritato la cipolla e poi l’ho rosolata in padella con un filo di olio extravergine di oliva e un pochino di brodo caldo. Una vola che la cipolla è diventata morbida morbida e trasparente, ho messo a rosolare i cubetti di patata, mescolando di tanto in tanto, per 5 minuti. Infine ho aggiunto i gambi a rondelle cotto per altri 5 minuti.

  8. Nel frattempo ho aperto la pentola a pressione e scolato l’orzo perlato. Il mio orzotto con carciofi e patate è quasi fatto! L’ho messo in padella, ho mescolato, condito con sale e pepe nero e coperto con brodo caldo per fare la cottura risottata.

  9. L’orzotto, mescolando spesso, sarà pronto in 5, 10 minuti al massimo, dipende dalla consistenza che preferisci dargli.

    Ho servito questo primo piatto con orzo, carciofi e patate ben caldo. Buon appetito!

Cottura senza pentola a pressione

Se non usi la pentola a pressione, ti servirà solo un po’ di tempo in più per fare questa ricetta. Segui le istruzioni di cottura dell’orzo perlato riportate sulla confezione. Ti consiglio di scolare l’orzo qualche minuto prima del tempo indicato in modo da poter terminare la cottura come un risotto, così che prenda tutto il sapore dei carciofi e delle patate.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.