Zuppa di piselli secchi spezzati

La zuppa di piselli secchi spezzati è un primo gustoso e nutriente, realizzato pochi e semplici ingredienti, un vero e proprio comfort food da assaporare fumante nel periodo più freddo dell’anno.

I piselli sono ricchi di proteine, caratteristica che li rende molto adatti alle diete prive di carne, vegetariane o vegane. Naturalmente senza glutine sono ideali anche per le persone celiache.

Poco calorici, con un indice glicemico moderato, posseggono una buona quantità di carboidrati (specialmente quelli secchi), fibre, vitamine e sali minerali come fosforo e potassio.

Il potassio è molto importante perchè stimola la diuresi mentre le fibre aiutano il transito intestinale con effetto purificante. I piselli danno un buon senso di sazietà ma apportano poche calorie. Per questa ragione sono adatti anche per chi vuole perdere peso. In commercio si trovano freschi (a primavera), in scatola o vasetto di vetro, congelati e secchi.

Per la preparazione di zuppe o puree, vi consiglio quelli secchi, perchè il seme, decorticato e spezzato a metà, dona la giusta consistenza cremosa. Provate anche voi questa ricetta: è facile, economica e soprattutta buonissima!

Zuppa di piselli secchi
Zuppa di piselli secchi
  • DifficoltàFacile
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di riposo8 Ore
  • Tempo di cottura1 Ora 5 Minuti
  • CucinaItaliana

Ingredienti

250 g piselli secchi
200 g patate a pezzi
100 g pancetta affumicata a dadini o una fetta
800 g brodo vegetale o acqua
q.b. sale
1 carota
1 cipolla
1 gambo sedano
30 g olio extravergine d’oliva
q.b. timo fresco
q.b. crostini di pane

Strumenti

Tritatutto
Casseruola
Ciotola
Cucchiaio di legno
Pelapatate
Coltello

Passaggi

Sciacquare i piselli e metterli in ammollo per almeno 8 ore.

Tritare pancetta, sedano, cipolla e carote e far rosolare in olio evo nella casseruola per qualche minuto.

Unire i piselli secchi ammollati, il brodo caldo (o acqua e sale) e far sobbollire per circa 40 minuti.

Nel frattempo pelare le patate, lavarle e tagliarle a dadini. Unire alla zuppa e cuocere ancora 20 minuti. Se si addensa troppo aggiungere brodo o acqua.

Quando la consistenza è cremosa e i piselli e le patate disfatti, la minestra è pronta. Aggiustare di sale.

Servire calda aromatizzata con foglioline di timo, un filo di olio extravergine (se vi piace al peperoncino) e crostini di pane.

Consigli e altre ricette

Per preparare il brodo vegetale, fare bollire per un’ora in un litro di acqua salata una carota, una cipolla e un gambo di sedano. Potete aggiungere altre verdure come zucchine, pomodori e aromi come il prezzemolo o il basilico.

Se siete interessati alle zuppe, creme, minestre e vellutate, cliccate QUI per tutte le mie ricette.

Nella ricetta ho usato olio extravergine di olive taggiasche di Olio Roi.

Se vi piacciono le mie ricette potete seguirmi su  YouTube,  Facebook,  Instagram,   Pinterest,  Twitter  e Telegram. Ma se preferite la forma cartacea ho pubblicato anche il libro La mia politica in cucina. 

In questo contenuto sono presenti uno o più link di affiliazione.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Renata Briano

Nata a Genova (GE) nel 1964, è laureata in Scienze Naturali e ha lavorato come ricercatrice presso l'ITD del CNR e presso ARPA Liguria. Dal 2000 al 2010 è Assessore all'Ambiente e allo Sviluppo Sostenibile, Caccia e Pesca della Provincia di Genova. Dal 2010 al 2014 ha ricoperto l'incarico di Assessore all'Ambiente e alla Protezione Civile in Regione Liguria. Dal 2014 al 2019 è stata Europarlamentare e Vicepresidente della Commissione Pesca al Parlamento Europeo. Da settembre 2019 è Food Blogger, dopo aver preso il diploma da "Chef fuoriclasse" presso il Centro Europeo di Formazione. Mamma di Francesco, è sposata con Luciano Ricci, scrittore. Non si separa mai dal suo barboncino Attila.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.