Crea sito

Rosti di patate in padella

Il rosti di patate in padella è una ricetta facilissima che piace a tutti e di grande effetto. Però, non so se succede anche a voi, non viene mai in mente di prepararlo.

E invece è un’ottima idea anche perchè quando siete con l’acqua alla gola, non sapete dove sbattere la testa e non avete il tempo di fare la spesa… gli ingredienti per il rosti ce li avete di sicuro. Patate, olio e sale non mancano mai.

Si tratta di un piatto della tradizione svizzera. Spesso alla ricetta originale, vengono aggiunti ingredienti come salumi, cipolle, verdure o formaggi. Ma l’ingrediente base restano le patate grattugiate, che si possono usare crude, scottate o lesse. Al rosti poi si può dare la forma di una frittata oppure di piccole frittelle schiacciate.

Se usate le patate crude, meglio preferire quelle a pasta bianca che sono più farinose e cuociono meglio. Sennò potete sbollentarle o bollirle un po’ ma mi raccomando… non frullatele perché il risultato sarebbe una massa collosa.

Il rosti si può servire come contorno oppure come secondo piatto o piatto unico accompagnato da un’insalata di verdure crude.

Nella mia versione ho usato le patate crude e grattugiate finemente che cuocendo hanno formato una crosticina deliziosa… provare per credere!

Rosti di patate
  • DifficoltàBassa
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di riposo20 Minuti
  • Tempo di cottura20 Minuti
  • Porzioni4
  • Metodo di cotturaFornello

Ingredienti

  • 500 gPatate
  • 1 cucchiaioFecola di patate
  • q.b.Olio EVO
  • q.b.Sale o sale aromatizzato
  • q.b.Pepe

Strumenti

  • Grattugia con fori larghi per verdure
  • Padella antiaderente
  • Piatto
  • Leccapentole
  • Coppapasta se volete dei piccoli rosti più definiti
  • Ciotola
  • Scolapasta

Preparazione

  1. Rosti di patate

    Pulire e sbucciare le patate. Grattugiarle in una ciotola con una grattugia dai fori larghi.

    Farle riposare per 20 minuti, salandole leggermente, in uno scolapasta.

    Poi strizzarle per togliere il liquido in eccesso e in una ciotola aggiungere la fecola di patate, il sale e il pepe.

    Attenzione: state attenti a non mettere troppo sale perché le avete già salate prima. Se volete potete utilizzare il sale aromatizzato oppure un trito di erbe aromatiche.

    Amalgamare con il leccapentole e cuocere in una padella antiaderente con poco olio già bollente per circa 8 minuti per lato fin quando non risulterà dorato e croccante fuori e morbido all’interno.

    Consiglio: per girarlo aiutatevi mettendo un piatto rovesciato sopra la padella. Poi con una presina messa sul fondo per non bruciarvi, girare il tutto e fare scivolare di nuovo in padella per continuare la cottura.

    Se invece lo volete cuocere come delle frittelle basta usare una spatola per girarle.

Insalate per accompagnare il rosti

Il rosti può essere considerato un contorno ad un piatto di carne come i bocconcini di pollo oppure un secondo piatto. In questo caso per accompagnare il rosti consiglio le puntarelle oppure l’insalata di trevigiana, finocchi, arancia e avocado.

Con le patate grattugiate, si può cucinare anche il rotolo di patate allo zafferano.

4,9 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Renata Briano

Nata a Genova (GE) nel 1964, è laureata in Scienze Naturali e ha lavorato come ricercatrice presso l'ITD del CNR e presso ARPA Liguria. Dal 2000 al 2010 è Assessore all'Ambiente e allo Sviluppo Sostenibile, Caccia e Pesca della Provincia di Genova. Dal 2010 al 2014 ha ricoperto l'incarico di Assessore all'Ambiente e alla Protezione Civile in Regione Liguria. Dal 2014 al 2019 è stata Europarlamentare e Vicepresidente della Commissione Pesca al Parlamento Europeo. Da settembre 2019 è Food Blogger, dopo aver preso il diploma da "Chef fuoriclasse" presso il Centro Europeo di Formazione. Mamma di Francesco, è sposata con Luciano Ricci, scrittore. Non si separa mai dal suo barboncino Attila.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.