Polpo bollito in insalata

Il polpo bollito in insalata è un secondo piatto molto gustoso e leggero. Se anche voi, come me, amate il polpo tenero come quello del ristorante, questa ricetta fa per voi.

Per cucinarlo a puntino vi svelerò qualche segreto.

Per prima cosa comprate il polpo fresco e poi congelatelo per almeno 24 ore. In realtà il polpo appena pescato andrebbe sbattuto più volte sugli scogli in modo da rompere le sue fibre. Il congelamento ha più o meno la stessa funzione.

Poi scongelatelo lentamente in frigo. Se non lo ha fatto il vostro pescivendolo di fiducia eliminate gli occhi e il becco coriaceo, che si trova al centro dei tentacoli. A questo punto bisogna rovesciare la testa e tagliare le sacche del nero. Risciacquare bene il polpo e poi immergerlo in acqua bollente per alcuni secondi tenedolo dalla testa. I tentacoli si arricceranno. Ripetere l’operazione.

Immergerlo nell’acqua bollente con una cipolla e due foglie di alloro e lasciarlo sobbollire.

Un polpo da 1 kg dovrà cuocere 40 minuti. Se utilizzate la pentola a pressione i tempi si dimezzano.

Attenzione perché se cuoce troppo diventa duro perciò verificare la cottura infilando in un tentacolo la punta di un coltello. Se entra senza resistenza è pronto!

Ultimo segreto è farlo raffreddare nella sua acqua.

Il trucco del tappo di sughero invece non serve a nulla. Era solo un’antica tradizione dei pescatori che cuocevano i polpi in grandi pentoloni e per riconoscere il proprio lo legavano ad un tappo diverso dagli altri.

Oggi vi propongo questa ricetta molto semplice per valorizzare al massimo questo buonissimo mollusco dopo averlo bollito. Fatemi sapere se vi è piaciuto!

Polpo bollito in insalata
  • DifficoltàBassa
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Tempo di riposo1 Ora
  • Tempo di cottura40 Minuti
  • Porzioni6
  • Metodo di cotturaBollitura
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 1 kgPolpo fresco scongelato
  • 300 gPatate
  • 2Carote
  • 10Pomodorini
  • 20 gOlive denocciolate (verdi o nere)
  • Olio EVO
  • Mezzo spicchioAglio
  • Foglie di prezzemolo
  • Sale
  • 1Cipolla
  • 3 foglieAlloro

Strumenti

  • Pelapatate
  • Pentola o pentola a pressione
  • Vaporiera
  • Ciotola
  • Coltello
  • Tagliere
  • Cucchiaio

Preparazione

  1. Polpo

    Mettere a bollire in una pentola capiente abbondante acqua.

    Nel frattempo pulire il polpo che avevate acquistato fresco e che avete congelato per almeno 24 ore e poi scongelato in frigo (vedi introduzione).

    Eliminare gli occhi e il becco coriaceo, che si trova al centro dei tentacoli. A questo punto rovesciare la testa e tagliare le sacche del nero. Risciacquare bene il polpo poi immergerlo nell’acqua bollente per alcuni secondi tenendolo dalla testa. I tentacoli si arricceranno. Ripetere l’operazione.

    Immergerlo nell’acqua bollente con una cipolla e due foglie di alloro e lasciarlo sobbollire per 40 minuti. Fare la prova di cottura con la lama di un coltello. Lasciarlo raffreddare nella sua acqua.

  2. Polpo bollito in insalata

    Nel frattempo spellare, lavare e tagliare le carote a metà e poi per ogni metà in 4 bastoncini.

    Spellare e lavare le patate, tagliarle a pezzettoni.

    Cuocere nella vaporiera per 10 minuti le carote e le patate. Tenere da parte.

    Mentre cuociono mettere il mezzo spicchio di aglio con l’olio in una ciotola.

    Poi tagliare il polpo a tocchetti sul tagliere e aggiungerlo nella ciotola con i pomodorini divisi a metà. Infine mescolare bene il tutto anche con carote, patate e olive. Togliere l’aglio. Aggiustare di sale e guarnire con foglioline di prezzemolo fresco.

    Servire l’insalata di polpo tiepida.

Potrebbero piacervi anche polpo e patate, il polpo in guazzetto con fagiolini, il carpaccio di polpo, lo stoccafisso in bianco alla ligure e i calamari ripieni alla genovese.

Se vi piacciono le mie ricette potete seguirmi su YouTube, Facebook, Instagram, Pinterest, Twitter e Telegram. Ma se preferite la forma cartacea ho pubblicato anche il libro La mia politica in cucina. 

4,9 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Renata Briano

Nata a Genova (GE) nel 1964, è laureata in Scienze Naturali e ha lavorato come ricercatrice presso l'ITD del CNR e presso ARPA Liguria. Dal 2000 al 2010 è Assessore all'Ambiente e allo Sviluppo Sostenibile, Caccia e Pesca della Provincia di Genova. Dal 2010 al 2014 ha ricoperto l'incarico di Assessore all'Ambiente e alla Protezione Civile in Regione Liguria. Dal 2014 al 2019 è stata Europarlamentare e Vicepresidente della Commissione Pesca al Parlamento Europeo. Da settembre 2019 è Food Blogger, dopo aver preso il diploma da "Chef fuoriclasse" presso il Centro Europeo di Formazione. Mamma di Francesco, è sposata con Luciano Ricci, scrittore. Non si separa mai dal suo barboncino Attila.