Crea sito

Pesto di fave

Il pesto di fave è un condimento tipico della Liguria di Ponente, conosciuto in genovese anche come Pestun de fave o Marò. La ricetta ha origini antiche e appartiene alla cosiddetta cucina povera delle famiglie contadine che lo cucinavano per insaporire il pane secco.

Le fave fresche sono una specialità primaverile da mangiare sia crude che cotte. In genere, per questa ricetta si utilizzavano quelle un po’ più grosse e meno tenere… sempre nell’ottica di non sprecare nulla!

Dopo averle sgranate vengono sbollentate e poi spellate della seconda pelle che è amara. Poi si frullano con gli altri ingredienti. Se avete delle fave più tenere potete evitare di togliere la seconda pellicina.

Il sapore del pesto di fave risulta molto delicato, ottimo per condire la pasta oppure come salsa per accompagnare secondi piatti a base di carne. Provate, ad esempio, le lasagne!

Pesto di fave
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Tempo di cottura5 Minuti
  • Porzioni6 persone
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 200 gfave fresche sgranate
  • 70 gparmigiano grattugiato
  • 40 gpinoli
  • Mezzo spicchioaglio senza anima (facoltativo)
  • 70 mlolio extravergine d’oliva
  • q.b.sale
  • 4foglioline menta

Strumenti

  • Pentola e scolapasta
  • Frullatore / Mixer

Preparazione

  1. Pesto di fave

    Dopo aver sgranato le fave, sbollentarle per 5 minuti. Scolarle e passarle sotto l’acqua fredda. Togliere la pellicina che le riveste.

    Attenzione: se sono piccole e tenere questo passaggio si può evitare.

    Metterle nel bicchiere del frullatore con tutti gli altri ingredienti e frullare il tutto a intermittenza, interrompendo a intervalli regolari dopo pochi secondi per non surriscaldare le lame.

    Interrompere quando si otterrà un composto cremoso e omogeneo.

    Versare in un contenitore in vetro il pesto di fave, coperto da un filo di olio. Conservare il frigo.

Altre ricette

Provate le lasagne al pesto di fave! Potrebbero interessarvi anche fave, salame e sardo fresco, verdurine primaverili stufate oppure come usare le cime di fava in cucina.

Se vi piacciono le mie ricette potete seguirmi su  YouTube,  Facebook,  Instagram,   Pinterest,   Twitter   e Telegram. Ma se preferite la forma cartacea ho pubblicato anche il libro La mia politica in cucina. 

In questo contenuto possono essere presenti uno o più link di affiliazione.

4,8 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Renata Briano

Nata a Genova (GE) nel 1964, è laureata in Scienze Naturali e ha lavorato come ricercatrice presso l'ITD del CNR e presso ARPA Liguria. Dal 2000 al 2010 è Assessore all'Ambiente e allo Sviluppo Sostenibile, Caccia e Pesca della Provincia di Genova. Dal 2010 al 2014 ha ricoperto l'incarico di Assessore all'Ambiente e alla Protezione Civile in Regione Liguria. Dal 2014 al 2019 è stata Europarlamentare e Vicepresidente della Commissione Pesca al Parlamento Europeo. Da settembre 2019 è Food Blogger, dopo aver preso il diploma da "Chef fuoriclasse" presso il Centro Europeo di Formazione. Mamma di Francesco, è sposata con Luciano Ricci, scrittore. Non si separa mai dal suo barboncino Attila.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.