Crea sito

Penne con speck e radicchio rosso di Treviso, mantecate al Castelmagno

Le penne con speck e radicchio rosso di Treviso mantecate al Castelmagno sono un primo piatto squisito e veloce da preparare con tre prodotti di eccellenza italiani.

Lo Speck Alto Adige IGP mette insieme la cultura alpina con quella mediterranea. I 29 produttori altoatesini autorizzati preparano lo speck in un ambiente dal clima assolato e tanta aria pulita. La stagionatura media dello speck è di 22 settimane mentre gli aromi utilizzati sono rosmarino, alloro, ginepro, sale e pepe.

Il Radicchio rosso di Treviso IGP è un tipo di cicoria di colore rosso scuro intenso, con striature bianche e una consistenza croccante. Il gusto amarognolo si abbina molto bene allo speck. Anche il radicchio rosso trevigiano, come lo speck, è un prodotto italiano a Indicazione Geografica Protetta. Ne esistono due varietà, quello precoce e quello tardivo più pregiato. Per questa ricetta vanno bene entrambi.

Il Castelmagno DOP è un formaggio piemontese di grande tradizione prodotto in alcuni comuni della provincia di Cuneo con latte di vacca e, a volte, latte di pecora e capra ( in percentuale da un minimo del 5% ad un massimo del 20%). La varietà che ho usato io, prodotta con rigide regole produttive sopra i 1000 metri di altitudine, ha la menzione aggiuntiva “di Alpeggio”. Questo formaggio possiede una pasta friabile, che si presta molto bene alla mantecatura. Il Castelmagno è un prodotto DOP, la certificazione che tutela di più il consumatore.

La ricetta, , un po’ come quella dei pici, è molto semplice anche perché sono talmente buoni gli ingredienti che non ci vuole un grande chef per stupire i commensali.

Provatela e fatemi sapere se vi è piaciuta.

Penne con speck e trevigiana, mantecate al Castelmagno
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di cottura10 Minuti
  • Porzioni4
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 4 fetteSpeck Alto Adige IGP di 1 mm di spessore
  • 2 cespiRadicchio rosso di Treviso
  • 200 gCastelmagno DOP
  • 1Scalogno
  • q.b.Olio EVO
  • 1/2 bicchiereVino rosso
  • 320 gPenne
  • Acqua per la pasta
  • q.b.Sale grosso
  • q.b.Sale fino

Strumenti

  • Pentola
  • Padella
  • Tagliere
  • Coltello
  • Cucchiaio di legno
  • Grattugia

Preparazione

  1. Penne con speck e trevigiana, mantecate al Castelmagno

    Mettere a bollire l’acqua della pasta.

    Nel frattempo tagliare lo speck a striscioline (vedi note). Lavare e tagliare a strisce di 5 mm il radicchio.

    Tagliare a fettine lo scalogno e farlo soffriggere nella padella o nello wok 2 minuti in olio. Aggiungere lo speck e la trevigiana. Farli appassire tre minuti, sfumare con il vino rosso e far evaporare. Spegnere il fuoco. Assaggiare e aggiustare di sale. Ma potrebbe non essere necessario.

    Grattugiare il Castelmagno.

    Quando l’acqua bolle, salarla e buttare la pasta. Farla cuocere un minuto meno del tempo indicato in confezione.

    Scolarla e passarla in padella a fuoco vivo con gli altri ingredienti per due minuti, mescolando. Mantecare con il formaggio e servire calda.

Speck

Se non si ha un’affettatrice, chiedere al salumiere di tagliare lo speck in quattro fettine spesse 1 mm. In questo modo si potranno tagliare delle striscioline perfette per questo sughetto.

4,7 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Renata Briano

Nata ad Genova (GE) nel 1964, è laureata in Scienze Naturali e ha lavorato come ricercatrice presso l'ITD del CNR e presso ARPA Liguria. Dal 2000 al 2010 è Assessore all'Ambiente e allo Sviluppo Sostenibile, Caccia e Pesca della Provincia di Genova. Dal 2010 al 2014 ha ricoperto l'incarico di Assessore all'Ambiente e alla Protezione Civile in Regione Liguria. Dal 2014 al 2019 è stata Europarlamentare e Vicepresidente della Commissione Pesca al Parlamento Europeo. Da settembre 2019 è Food Blogger, dopo aver preso il diploma da "Chef fuoriclasse" presso il Centro Europeo di Formazione. Mamma di Francesco, è sposata con Luciano, scrittore. Non si separa mai dal suo barboncino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.